Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

No della Rai a Miss Italia



Con tutto quello che succede in giro la figura della donna è giusto che sia rivista, e non spettacolarizzata come avviene nella pubblicità "sessista" o in molti programmi e varietà televisivi dove cosce, seni, culi e ombelichi ignudi ignobilmente troneggiano provocando ingestibili sommovimenti testosteronici testicolari di varia natura tra gli astanti. Per combattere il dilagante femminicidio, l'ecatombe misoginica che vede la donna solo come oggetto e quindi naturale preda dei vari Jack the Ripper di turno, le istituzioni iniziano a muoversi.  
Saranno così aboliti i balletti scosciati, le sfilate di moda dalle vergognose trasparenze, i concorsi di bellezza. Ma saranno anche proibiti i vestiti troppo scollati che mostrino le ascelle, soprattutto quelle col pelo, le minigonne (permesse solo in Formula 1), i topless, i pantaloni corti (gli "hot pants" filo-topa), e qualsiasi genere di ombelico (a filo, a cappuccio, a mandorla, ovale e rotondo) perché considerato zona altamente erogena.
Infine, è previsto un giro di vite anche per il sessantasettenne concorso di Miss Italia, che dopo l'abolizione delle misure antropometriche delle miss ora dovrà adeguarsi ai nuovi costumi della nostra società. Non si esclude che torni a essere trasmesso per radio, ma non in diretta perché potrebbe essere pericoloso.

Forse sarà presto abolita anche la Satira.

2 commenti:

bluoso ha detto...

Ciao carissimo, tu pensi dunque che potrebbero arrivare a metterti il bavaglio?

CeccoDotti ha detto...

E' probabile, mio caro Luigi.
Da "queste parti" ci dobbiamo aspettare di tutto. Ma io non mollo, e sono pieno di risorse.
Vorrà dire che continuerò a farla per strada, come facevo prima.
Un abbraccio, anche ai tuoi cari, e grazie per la bella visita
Francesco