Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Renzi vs Letta



 I giornali, e non solo quelli, da un po' di tempo si attardano su anticipazioni che riguarderebbero il probabile "scontro" tra Renzi e Letta. Il primo, rampante ed effervescente, ma ancora da sperimentare, e che quindi resta per molti un punto interrogativo grande quanto un palazzo; il secondo, di "vecchia scuola", più riflessivo e meno esuberante, e per questo forse più credibile nell'operazione di traghettamento e di governo che sta portando avanti tra mille difficoltà. 
Dietro di loro, a tramare, il solito vecchiume. Che, tra correnti e correntine, invece di chiudere porte e finestre come si farebbe in ogni casa per evitarle, lascia sempre aperto qualche spiffero utile - a loro - solo per guadagnare, o perdere, secondo i punti di vista, tempo prezioso. Dall'altra parte il Pdl e il suo leader, che nonostante i casini che lo riguardano sembra essere l'unico in grado di raccogliere i consensi dell'elettorato, e che per questo non vuole mollare l'osso perché c'è ancora molta carne attaccata.
Ma tornando a Renzi e Letta, e a tutti gli altri marpioni del Pd impegnati a farsi le scarpe l'un l'altro, per evitare di accoltellarsi platealmente davanti agli elettori che li guardano ormai anche con un certo disgusto, cosa fanno? O cosa hanno fatto finora? Naturalmente non chiedono apertamente assunzioni di responsabilità, ma invece, mimetizzandosi un giorno da ulivi, un altro da querce, un altro ancora da margherite e altri campioni del mondo vegetale, mandano avanti ora questo, ora quello, e poi  stanno a guardare cosa succede. Se vi ricordate successe con Prodi, con Bertinotti, con Veltroni, Cofferati, Rutelli, Fassino, Parisi, Franceschini, per giungere a quel brav'uomo di Bersani. Finiti, per adesso, tutti nel surgelatore per allungarne la scadenza. Poi è toccato a Epifani e a Letta, che prima o poi - avanti, c'è posto! - raggiungeranno gli altri nel congelatore. Ora è la volta di Renzi: lo pompano, lo gasano, lo gonfiane e lo esaltano, in poche parole gli danno aria, e poi... Buuum!! Alla fine scoppierà anche lui. E, mentre tutte le attenzioni, comprese quelle del popolo, si concentrano sui processi di Berlusconi e sulla sua decadenza politica, il vecchio che avanza è sempre lì, in agguato, a tramare nell'ombra.

Veniamo invece all'Imu, e all'elastico che la riguarda. Brevemente, immaginando già come andrà a finire, a questo punto preferirei pagarla. 

Naturalmente, in modo costituzionalmente corretto, e cioè secondo la capacità contributiva di ognuno di noi, e soprattutto chiaro, piuttosto che farmi credere che me l'hanno levata. Perché mentre tutti noi esulteremo per la sua cancellazione, alla fine scopriremo che invece è stata diluita, complice il perverso e contorto federalismo fiscale, non solo negli aumenti delle tasse locali ma anche negli aumenti delle accise (alcolici, tabacchi, benzina e affini), e dell'Iva. 
Che, queste sì, saranno "spalmate" sulle teste di tutti noi. Meditate fratres.
 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Ciao caro Francesco, verrà che alla fine correranno queste auto blu! Senza ruote:)
Buona serata caro amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Pezzo dopo pezzo, hai ragione tu, non resteranno neppure le ruote!
Ciao, carissimo, e vista l'ora tarda:
Buona notte!
Francesco