Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Conti pubblici e stabilità



Il benessere sociale, quello cui tutti noi aspiriamo indipendentemente dagli andamenti dei mercati, è andato a farsi fottere. Se qualche anno fa miravamo a costruirci qualcosa che in futuro ci assicurasse, non dico un'esistenza felice e spensierata, ma almeno la certezza di non finire i nostri giorni all'angolo di una strada o alla mensa della Caritas, con l'andare del tempo, e dei governi, e di questa politica, questa convinzione s'è rivelata una chimera. Non solo, ma se negli anni sei riuscito a costruirti questo qualcosa, anche a prezzo di enormi sacrifici, non è detto che resti tuo per sempre perché da un momento all'altro potresti perderlo. 
E, bada bene, non per tua volontà o incapacità, ma semplicemente perché lo Stato, quello Stato che si dovrebbe comportare come il buon padre di famiglia, te lo potrebbe togliere. Anche per sbaglio. Salvo poi riuscire a dimostrare, ma devi essere tu a farlo, che di sbaglio s'è trattato.
Ed è così per tutto. Non solo per i beni materiali come per esempio la casa dove abiti o la macchina che usi per lavorare, ma anche per quei servizi che la collettività è chiamata a pagare e che ti dovrebbero essere restituiti, di regola, in cambio di quello che paghi. Che sono, sì, anch'essi materiali, ma che in qualche modo contribuiscono, almeno nello spirito, a farti stare meglio e a infonderti, in poche parole, la gioia di vivere in una comunità e il tuo senso di appartenenza ad essa.
Allora avviene invece che, da suddito quale ti hanno ridotto, i vari "sceriffi di Nottingham" ti presentino il conto. E tu devi pagare e basta. Perché, anche se l'hai a lungo cercata, non hai una foresta di Sherwood dove rifugiarti.
E' mai possibile che ancora non sappiamo se a dicembre pagheremo l'Imu - e magari anche quella "sospesa" -, oppure che non sia dato sapere a quanto ammonta il saldo di dicembre della Tares (una rata è scaduta, mentre la seconda scadrà il 16 ottobre) perché i Comuni "devono ancora fare i conti" e il governo "deve ancora trovare le risorse finanziarie per le coperture"; oppure in cosa consisterà la nuova "Service tax", a sua volta suddivisa in "Tari" e "Tasi" per semplificarci l'esistenza, chi la pagherà e quanto, in vigore dal 1° gennaio 2014? A tale proposito è bene ricordare che se la "Tari" riguarderà la raccolta dei rifiuti e sostituirà la Tares, la "Tasi" servirà a finanziare, in pratica, l'illuminazione pubblica, gli arredi urbani e la manutenzione di strade, giardini e via dicendo. Naturalmente con le maggiorazioni "ad libitum" che ciascun sindaco applicherà. Cosa da tener presente quando, con la strada al buio e il marciapiede sconnesso, finiremo spalmati per le terre, oppure in una buca con le ruote della macchina o della Vespa. 

Per non parlare del prossimo aumento dell'Iva al 22%.
Non so voi, ma io comincio a essere stufo di questo incerto andazzo. Che non fa bene, non solo alla salute di chi vi è esposto ma anche al mercato. Tanto da pensare di varare, insieme ad alcuni amici, la nostra controffensiva da presentare al governo: la "Carlp". Ovvero, "Ci avete rotto le palle"!
Chissenefrega, con tutto il rispetto, del congresso del Pd e della corsa al suo segretariato, o della "nuova destra" di Storace, Alemanno e Meloni per una sua nuova ricomposizione, aspettando tutti le "primarie", o dell'incandidabilità di Berlusconi secondo Severino, mentre il Paese va a puttane. Pare che, fino a oggi, invece di politici abbiamo eletto degli astronauti: ma su quale pianeta vivono? E poi dicono che i consumi calano. Con tutte le aziende e i negozi che giornalmente chiudono, ci sarebbe da meravigliarsi, e anche molto, se aumentassero!


2 commenti:

Tomaso ha detto...

La vignetta caro Francesco dice tutto
è mostruoso che è la verità...
Ciao e buon fine settimana, amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Mi è venuta in mente dopo il tuo primo commento e la mia risposta.
Non potevo stare zitto. D'altra parte, mentre si continua a perdere tempo in chiacchiere e promesse, oggi hanno chiuso alcuni stabilimenti dell'Ilva, anche al nord, e circa 1500 persone sono state mandate a casa.
Però molti italiani continuano a trovare lavoro in Germania e in altri Paesi. Ci sarà una ragione? Possibile che a nessuno venga in mente che con queste politiche di austerità imposta e l'incapacità di prendere di petto certe situazioni, non si va da nessuna parte? Ci vorrebbe solo un po' più di coraggio da parte di chi ci governa.
Buona settimana anche a te, caro Tomaso!
Francesco