Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Siria Gas


Mancano le prove!! Come ve lo devo dire?

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, ci risiamo con l'altalena delle prove!!! Ci sono oppure no! Ecco il dilemma...
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Caro Tomaso, per vedere se ci sono le prove bisogna provare. A cercarle.
Loro dice che le hanno cercate, e poi trovate. Lui, dice che non è vero e che non ci sono.
Alla fine è sempre così: c'è chi afferma una cosa, e chi il suo contrario. Per questo motivo, ci si ammazza spesso e ci facciamo la guerra. Ma non ci capiamo mai...
Ma se le avesse usate davvero, sarebbe un gran delinquente!
Buona serata, caro amico.
Francesco

Elio ha detto...

Certo, ed in attesa delle prove moriranno ancora migliaia di persone da una parte e dall'altra. Secondo me le ha usate perché i "ribelli" non potevano averne in così grande quantità, ma non ho il potere di intervenire. A proposito, in bocca al lupo per l'avventura editoriale.

CeccoDotti ha detto...

Ciao Elio, è una faccenda piuttosto complicata. Addirittura ho letto che aziende britanniche abbiano esportato in Siria sostanze chimiche atte alla preparazione di gas sarin: http://www.huffingtonpost.it/2013/09/02/-indipendent-armi-chimich_n_3855667.html
A parte questo, che non è certo cosa da poco, per fare un paio di esempi che mi vengono in mente mi chiedo come mai non si sia intervenuti tempestivamente in Darfur; oppure in Tibet, quando la polizia ha sparato contro un gruppo di monaci buddisti colpevoli di festeggiare il compleanno del Dalai Lama (la notizia risale al mese scorso).
Ma tornando alla Siria, nei... mercati rionali si dice che il regime di Assad non fosse gradito ai "ribelli" e che il timore di un estendersi alla Siria delle "Primavere arabe" abbia spinto il "dittatore" Assad a ricorrere alle armi. Tutte.
Dall'altra parte, fuori dai "mercati rionali", invece si ipotizzano ben più oscure manovre tese, come la Storia ci ha insegnato passando da una guerra all'altra, ai soliti interessi (leggi petrolio e potere, e quindi tanti soldi), questi sì numerosi in Medio Oriente e soprattutto nel Nord Africa. Poi, per far scoppiare "il caso" che possa giustificare un guerra basta poco: ci s'inventa qualcosa di clamorosamente vergognoso e riprovevole - come i gas o le armi di distruzione di massa - e poi gli si dà fiato. Un amo con un succulento verme sul quale molti "pesci" sono pronti ad avventarsi nella speranza che ce ne sia per tutti.
Purtroppo, come di solito accade nelle lotte tra i potenti, a soccombere sono, e saranno sempre, i più deboli.
Leggiti anche questo: http://news.you-ng.it/2013/08/31/allalba-della-terza-guerra-mondiale-lorigine-del-conflitto-tra-russia-america/
Un carissimo saluto e buona notte,
Francesco