Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Legge di stabilità



Controllare le spese delle pubbliche amministrazioni, di enti pubblici e società controllate pubblicamente, al fine di razionalizzare le risorse ad esse destinate e ridurre la spesa in rapporto al Pil. Questo il compito del Commissario alla "spending review". A farlo, da quando questa figura è stata istituita, ci hanno provato Giarda, Bondi, Canzio e, per ultimo, Cottarelli. I risultati, però, stentano a vedersi, nonostante gli "annunci" da più parti... annunciati, e in gran numero pervenuti. Si vede che le decisioni da prendere su cosa, a chi e quanto tagliare sono più difficili dei tagli previsti. Nel frattempo l'Iva è salita di un punto e il debito pubblico aumenta vertiginosamente. Per l'Iva, aggiungo che le sorprese potrebbero arrivare con l'introduzione di una quarta aliquota (del 7 - 8%) tra quelle del 4 e 10% per i beni di prima necessità, che andrebbe a colpire, forse, beni e servizi tra cui libri e giornali. 
Per quanto riguarda le altre tasse, dopo aver "pensionato" (forse) la service tax ancor prima che venisse attuata e accantonata (forse) la neonata Tares (della quale abbiamo già pagato le rate di giugno e di ottobre, con l'incognita del saldo dicembrino ancora da versare) e abolita l'Imu (forse) per l'abitazione principale (escluse quelle di particolare pregio), a sostituirla arriva la Trise. Che è composta di Tari e Tasi. Potenza degli acronimi! 
La prima, servirà a coprire i costi dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani; la seconda, invece, riguarderà i "servizi indivisibili" comunali come illuminazione pubblica, manutenzione strade e giardini. Naturalmente potranno esserci anche aumenti di aliquote a discrezione dei sindaci. A questo proposito, voglio vedere come si regoleranno quelle amministrazioni locali che continueranno a lasciare le strade piene di buche, i giardini sporchi e l'illuminazione pubblica a strade "alterne" e, di conseguenza, i cittadini amministrati quali armi avranno in loro potere per reclamare il giusto dovuto. 
Eccola, dunque, la giungla birmana degli esosi balzelli con i quali ci dovremo a breve confrontare. Esosi perché, oltre ad essere troppi e talvolta sovrapposti, alla fine diventano incomprensibili per il comune mortale che è chiamato a pagarli. Esosi e insopportabili, perché come al solito mirano soprattutto a colpire un patrimonio come la casa, la cui rivalutazione nel tempo è subordinata al suo naturale deperimento e alle spese, comprese quelle condominiali, a carico dei proprietari. Vale inoltre ricordare che queste tasse spesso colpiscono il contribuente in maniera diversa a seconda della regione o della città in cui egli vive. A Milano, Roma, Genova, Torino, per fare qualche esempio, si paga di più rispetto a Napoli, Bari e Palermo, e se è vero che in base all'art. 53 della Costituzione "tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva", e che "il sistema tributario è informato a criteri di progressività", mi pare evidente che anche le leggi che istituiscono e regolano i tributi dovrebbero (debbano) rispettare il principio della "capacità contributiva". Fermo restando che il principio di legittimità dell'imposizione non deroga da quello di uguaglianza sancito all'art. 3 della Costituzione. 
E siccome "a situazioni uguali devono corrispondere uguali regimi impositivi e, correlativamente, a situazioni diverse un diverso trattamento tributario" (Corte Costituz. 6 luglio 1972, n. 120), anche la politica fiscale degli Enti locali dovrebbe (deve) richiamarsi a principi di equità, senza disparità di trattamento tra i cittadini. 
Mi sono forse perso qualcosa?

fonte:  http://www.lastampa.it/2013/10/15/l-stabilit-uil-la-tassa-servizi-tasi-coster-euro-a-famiglia-7xNDDZy4jkk0eBmhUBHWbJ/pagina.html?exp=1 

fonte:  http://www.professionisti24.ilsole24ore.com/art/AreaProfessionisti/Fisco/Dossier/ICI%202006/Dossier_Ici_considerazioni_critiche.shtml

Nessun commento: