Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Emendamenti Patto Stabilità


Spesso, come da tempo siamo abituati a vedere, le italiche coalizioni tra movimenti, partiti e partitini muoiono ancor prima di nascere. Non senza, però, che i loro principali rappresentanti ne abbiano prima vantato pubblicamente i roboanti meriti e le salvifiche soluzioni "per il Paese e per i cittadini che sono in crisi e non arrivano a fine mese"
Già, perché tutti sono bravi a promettere che, se li voti, diminuiranno le tasse (solo per i più ricchi), taglieranno le spese (quelle degli altri), introdurranno sussidi per gli incapienti (cioè loro stessi) e abbatteranno il debito pubblico (che regolarmente aumenta). Tutte cose simboliche e di sicuro effetto mediatico (forse per chi ancora ci crede), ma senza dirci mai con chiarezza, fateci caso, dove prenderanno i soldi. E se qualcuno glielo chiede con insistenza, con un giro di parole portano il discorso dove vogliono loro e in ogni caso non ti rispondono mai. Oppure, omettendo direttamente anche il giro di parole, non ti rispondono e basta. Salvo, qualora venissero eletti (non sia mai!), risentirti dire per l'ennesima volta che "la coperta era corta e non si poteva fare di più"... che "ancora la crisi non è passata"... o il più classico e sempre a effetto che "la colpa è di chi c'è stato prima di loro", per poi ritrovarti con le solite accise su benzina, bolli, sigarette e alcolici aumentate. Quando, per esempio e per iniziare, basterebbe dare un colpo di spugna immediato, deciso e definitivo, alla soffocante burocrazia che con la sua giungla di norme, adempimenti, vincoli, ma soprattutto costi, ci avviluppa e impastoia frenando il naturale sviluppo di aziende e privati e tagliare, ma questa volta sul serio, taluni faraonici stipendi e talaltre nababbesche liquidazioni.
Nel frattempo, mentre continuano le spese pazze nei palazzi in genere, siano essi regionali, provinciali o comunali, e restando l'abolizione delle Province votata col referendum il sogno nel cassetto di quei poveri illusi che ci hanno creduto, immancabilmente ogni tanto salta fuori qualcuno (di qualsivoglia partito, movimento o partitino) che, approfittando del suo mandato, coi soldi pubblici (cioè i nostri) si è pagato la vacanza esotica, l'orologione di marca, il ristorante di lusso o il matrimonio della figlia. 
E meno male che qualche volta lo arrestano pure. 

Nessun commento: