Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Capodanno a New York



Quest'anno, dato che a casa abbiamo risparmiato su panettoni, cenoni e regali natalizi, ci sarebbe piaciuto festeggiare almeno il Capodanno in maniera diversa. Il caso ha voluto che l'altra mattina mi trovassi in compagnia di alcuni amici, pensionati statali come me che girano il mondo in lungo e in largo e che sono stati dappertutto, i quali mi hanno raccontato di essersi divertiti un mondo quando festeggiarono il Capodanno a Times Square. D'altra parte, veder cadere da un grattacielo in pieno centro di New York una palla luminosa e coloratissima di quasi quattro metri di diametro è un avvenimento unico, che però non puoi vedere solo in televisione. E così quest'anno, anche se in confidenza avrei preferito di gran lunga andare a Rio ad ammirare altre... sferiche rotondità, l'ho proposto alla mia signora. Vuoi mettere la palla americana con tutte quelle italiane? Anche se a prima vista quelle italiane sembrano più grosse... 
L'inflazione è ferma, le ho spiegato; la luce in fondo al tunnel s'illumina sempre più di un bagliore di ripresa (e se lo dice la Cgia di Mestre bisogna crederci); il decreto "marchetta Salva Roma" dicono di averlo rimandato al mittente; Letta ci ha twittato che nel 2014 le tasse continueranno a scendere insieme alla disoccupazione (e io che credevo mi stessero prendendo per il culo...); e anche l'Imu, o Iuc, o come vi pare, costerà di meno. Anche i cosiddetti "forconi", dopo le prime agguerrite proteste e nonostante il grande successo ottenuto, coi primi freddi hanno preferito abbandonare le piazze facendo ripiombare le città in una noia mortale. Per non parlare della nuova legge elettorale, che finalmente trova tutti d'accordo nel nuovo bipolarismo monocameralpluripolare. O, per essere più chiari, nel pluralismo monobipolistico come amano definirlo i nuovi relatori. Con il quale, per superare anche le distanze tra Rho e Abbiategrasso, il collegio dei giovani turchi eleggerà il candidato secondo il doppio turno alla francese dopo le primarie alla pizzaiola e le secondarie alla parmigiana. Che vogliamo di più?
Insomma, secondo le previsioni di molti il 2014 sarà un anno da non dimenticare! 

2 commenti:

Angela Maria Russo ha detto...

tantissimi auguri a te e alla tua signora e ...buon viaggio e BUON 2014

CeccoDotti ha detto...

Grazie Angela, anche per la cortese e sempre gradita visita.
Un sacco di auguri di ogni bene e di tutto quello che desideri.
Felice Anno Nuovo a te e ai tuoi cari,
Francesco