Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Accordo Renzi Berlusconi



Renzi e Berlusconi, com'era prevedibile, hanno raggiunto il tanto inviso accordo. Ora però inizia la fase più difficile e critica: i rancori e il malcontento dei "superstiti" e il conseguente "pettegolume" dei salotti massmediatici che non aspettano altro. Che non è mica poco! Ne è stata vittima illustre, prima, durante e dopo i colpi assestati dalle sentenze lo stesso Berlusconi, a torto abbandonato come un vestito vecchio dentro l'armadio. Perché, piaccia o no, il Cav è sempre il leader indiscusso della maggioranza che rappresenta. Alla luce dei nuovi fatti, quindi, appare subito chiaro che quelli che diventerebbero gli "avanzi" non ci stanno a essere messi da parte dai "grandi", e sono pronti alla pugna. Ma siccome se dissotterrassero le asce di guerra nel migliore dei casi rischierebbero di fare la fine del pesce in carpione, a questo punto la cosa migliore sarebbe quella di mettere da parte il livore e trovare un accordo. Sempre che la nuova legge elettorale e il conseguente "fuoco di sbarramento", in percentuali ancora da definire, tengano conto di tali minoranze. Poi bisogna fare anche i conti con il Pd, che a quanto pare non ha digerito bene il Patto d'Acciaio sottoscritto da Matteo e Silvio e deve ancora riprendersi dalla botta subìta. La spaccatura è alle porte, e la frittata (le uova non mancherebbero) pure. Mentre il povero Bersani ha fatto sapere che stava meglio quando stava peggio e ha deciso di fumarsi un sigaro e di ritornare in coma. Staremo a vedere nei prossimi giorni.

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, che che ne vedremo delle belle!!! io spero che il buon senso possa vincere, e che pensino AL BENE dell'Italia che sta aspettando già da troppo tempo.
Ciao e buona settimana.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Ma certo, caro Tomaso, noi abbiamo il dovere di pensare positivo e spero che molti ci seguano.
L'Italia ha già perso troppo tempo, e non ne ha più!
Un carissimo saluto e a presto,
Francesco