Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Armi chimiche siriane



Anche se l'allarme a proposito di un carico di armi chimiche siriane in viaggio verso l'Italia (e ti pareva che la merda non la scaricavano da noi!) per quanto riguarda la Sardegna pare rientrato, noi "sudditi" isolani faremmo bene a non abbassare la guardia. Specialmente quando ci sono di mezzo gli americani e gli armamenti in genere. Di queste cose siamo purtroppo pratici e non vorremmo diventare una pattumiera internazionale in cambio di una manciata di dollari e la promessa di qualche posto di lavoro in più. La fame, se proprio dovremo farla, siamo in grado di togliercela da soli con le tante risorse naturali che abbiamo, primi fra tutti il turismo, il bellissimo mare e l'aria ancora pulita.
Il fatto che poi abbiano deciso di dirottare il carico a Gioia Tauro non significa che non ci dobbiamo indignare lo stesso. E' un carico pericoloso (si parla di oltre 500 tonnellate di materiale chimico altamente tossico), che neppure l'Albania ha voluto, e che ora si dovranno "grattare" i calabresi. 

Per lo smaltimento, poi, una volta trasferite le sostanze sulla nave incaricata delle operazioni, si provvederà a farlo in mare aperto e in acque internazionali. Così, se ci fosse pericolo d'inquinamento, tutti, pesci compresi, potranno avere la loro bella dose di agenti tossici. Mi pare giusto.
Io, invece, avrei scaricato tutto nel giardino della casa di Assad, visto che è tutta roba sua, e poi ci avrei buttato in mezzo anche lui!

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Francesco, con queste armi chimiche stiamo vivendo, un incubo.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Ciao Tomaso, prima o poi finiremo col morire delle nostre stupide invenzioni...
Un caro saluto e buona serata,
Francesco