Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Irap o Irpef?



Se li senti, in questi giorni pare che tutti abbiano le soluzioni in tasca. Il guaio è che per risolverle non sanno dove prendere i soldi e, come di consueto, ora partono i rimbalzi delle responsabilità. Perché Renzi ha promesso che smonterà lo Stato in pochi mesi. E continua a ripeterci le sue "guasconate", sia su Twitter che dai "teatrini" del mercoledì cantati e ballati nelle scuole. Bisognerà però vedere se lo Stato si farà smontare da Renzi. Infatti, per fare due conti e nonostante i "tagli" per 80 milioni di euro previsti dal governo Renzi, nel 2013 la spesa del Senato (che ha 320 senatori e ben 829 dipendenti) è stata di oltre 500 milioni di euro. Facendo la sottrazione, resterebbero ancora più di 400 milioni di spesa. Che sono ancora troppi. Che tutto dipenda dal fatto che per la "casta" valgono i "diritti acquisiti"? E come mai, di grazia, questi diritti valgono solo per loro e non per gli operai (esodati, licenziati e cassintegrati) e i pensionati ai quali è stata bloccata anche l'indicizzazione al costo della vita?

fonti:  http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-06-02/partiti-lentezza-dieta-camera-163104.shtml?uuid=AbeIfV1H

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/06/ecco-i-conti-del-senato-scendono-i-costi-ma-restano-i-privilegi-e-il-menu-vale-doppio/768646/ 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/06/bilancio-senato-bottici-m5s-trucco-contabile-per-gonfiare-risparmi-e-ridurre-spese/768037/ 

Ora, per esempio, si sente riparlare dell'abolizione dell'Irap. E, guarda caso, la proposta di abolire questa "imposta-rapina" - o iniziare a ridurla fino a toglierla del tutto - arriva proprio da quelli più vicini a chi la introdusse: quel centrosinistra che nel 1997, con il governo Prodi e il ministro delle Finanze Visco, partorì la felice pensata. E cioè da quella parte politica che da sempre si autoeleva a salvatrice della Patria e paladina degli oppressi e del popolo minuto. 

fonti:  http://it.wikipedia.org/wiki/Imposta_regionale_sulle_attivit%C3%A0_produttive

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/12/lirap-funesta-che-strozza-imprese/527589/ 

http://archivio.panorama.it/L-Irap-che-disastro 

Il fatto poi che l'abbiano fatta passare come "la tassa che ne ha cancellato sette", con l'idea di una "semplificazione federalista" che desse autonomia alle Regioni e alle Province, si è rivelata una panzana perché quelle sette tasse in realtà non furono cancellate ma solo sostituite dall'Irap. E i risultati contro i quali cominciamo a ribellarci, a distanza di anni si vedono e soprattutto li sentiamo tutti! Noi, a differenza degli animali che agiscono per istinto, possediamo il dono della parola. Ma quando la parola inizia a trasformarsi in voce, gridata e urlata con rabbia e disperazione, è segno che qualcosa non va e si affaccia il rischio che prenda il sopravvento l'istinto. Quello, sacrosanto, della sopravvivenza!

Nessun commento: