Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Job's act


Il "job's act" continua con la riforma del lavoro. Il testo del decreto, con qualche mugugno per le modifiche subìte, per ora ha ottenuto "responsabilmente" la fiducia della Camera e passerà al vaglio del Senato. Quella "cosa" che tutti vorrebbero abolire, ma che è ancora lì. Sei a zero per Renzi! Che sta incassando un sacco di punti, soprattutto per quegli 80 euri... o sono 800... no, aspetta... io ho sentito dire che erano 8.000... Insomma, per quei soldi in più in busta paga promessi tutti i giorni a pochi - con l'esclusione di molti - che correranno subito a spenderli per rilanciare i consumi e salvare il Paese. Gli altri, dovranno continuare a sudare, magari freddo, e... girare la ruota. Eccheccazz... non si può avere tutto e subito dalla vita, sennò a che servono i sacrifici? 
E poi, dai tempi del governo Monti, ai sacrifici ci siamo abituati tutti e, quasi quasi, se non li continuassimo a fare ci mancherebbero. In compenso saranno contenti i sindacati, almeno per un po' gli operai potranno darsi alle spese pazze e non romperanno i coglioni
Questo, è il Jobs act. "Ma come? - diranno i più informati - Non era morto nel 2011?"

Nessun commento: