Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Val di Mela Sardegna



Siamo in Gallura, in località Val di Mela-Caresi. Qui, ammonticchiato sulla sommità di un colle tra granitiche rocce e ginepri piegati dal Maestrale, giace solingo questo bello stazzo. Estemporaneamente munito dell'occorrente da pittori per diletto, ricordo perfettamente che colà mi recai in una calda mattina di luglio o d'agosto -  ma poteva essere anche settobre o ottembre - e, messomi a lato della polverosa straduzza, ad olio ne dipinsi le forme. Il lavoro che ne scaturì, molto simile a questo, fu successivamente venduto insieme ad altri due o tre di medesima fattura ad un vacanziero gitante di origine teutonica in occasione di una mostra estiva di colorite opere che allestii proprio in Gallura. 
Oggi, pervaso da struggente nostalgia di quei luoghi, ho trovato una foto di quello stazzo e ho provato a rifarlo, gessettandolo fugacemente con le mie colorate piastrine di steatite su questo foglio di carta per macellai, ove i beccai son soliti involgere braciole e bistecche. Ve lo mostro, certo della vostra indulgenza qualora fosse scarsamente gradito.

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Semplicemente bello!
Cara Francesco,Buona GIORNATA.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Grazie, caro Tomaso! E' solo un ricordo di posti ormai lontani, ma che non si dimenticano mai per la loro bellezza.
Un abbraccio, buona serata e buona domenica,
Francesco