Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Made in Italy


Quando in molti dicono che l'Europa non si dovrebbe impicciare delle cose che riguardano direttamente i nostri prodotti, e mi riferisco soprattutto agli alimenti, hanno ragione da vendere. Sarebbe ora di dire basta alle importazioni fasulle senza etichette e garanzie, che ci arrivano in tavola da ogni parte del mondo e che mettono a rischio la nostra salute e la nostra economia.
Se all'Europa questo sta bene che se la mangino a Bruxelles o a Strasburgo, o dove diavolo gli pare, quella porcheria!
Questo, ma anche molto altro, dovrebbero gridare i nostri cari politici (scusate il termine) quando vanno al Parlamento europeo. Perché quello di restare fedeli alle nostre amate tradizioni, delle quali siamo orgogliosi, credo sia un diritto che nessuno può toglierci.
E, a questo punto, anche il pensiero di una "uscitina" dall'euro, come moneta, non sarebbe poi tanto male. Comincio a crederci seriamente anch'io...

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, non dico tante parole di questo veramente post chiaro e veritiero!!!
Dico solo! PAROLE SANTE!
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Grazie Tomaso!
Piano piano, con la scusa dell'Europa, ci stanno togliendo tutto quello che di buono avevamo costruito a prezzo di enormi sacrifici. Noi, i nostri genitori e i nostri nonni.
Bisogna fare di tutto per riprendercelo!
Un caro saluto,
Francesco