Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Azzardo: non chiamiamolo gioco


                                                               
                                                                              MILANO  24/06/2014

                                                   Quaranta cartoonist contro il gioco d’azzardo

In occasione della Giornata Mondiale Contro le Droghe, il movimento No Slot ha presentato la mostra itinerante intitolata "Azzardo: non chiamiamolo gioco". La partenza, non a caso, proprio dalle scuole. Dove, insieme alle famiglie, l'educazione ha inizio. Ma la campagna contro il gioco d'azzardo, anche quello on-line, che lo Stato "sponsorizza" pelosamente vietandolo ai minori e invitando a "giocare consapevolmente" perché "può causare dipendenza patologica", prosegue rivolgendosi anche agli amministratori locali con la speranza che bandiscano per sempre dal loro territorio qualsiasi macchinetta "mangiasoldi". Che talvolta, nei casi più disperati, può diventare addirittura "mangiavita". Proprio la contingente crisi economica e le varie "manovre" (leggi tasse) dei vari governi messe in atto per racimolare soldi che molto spesso finiscono buttati in opere inutili o nelle tasche di tangentari senza scrupoli, infatti, oltre a impoverire il Paese intero correlano questi momenti difficili al gioco d'azzardo e a diventarne, prima o poi, da semplici fruitori a dipendenti. E quando questo accade, ormai è troppo tardi: siamo già malati!

La rassegna stampa, completa di video sulla Mostra, è visibile a questi indirizzi:


http://www.lelecorvi.com/


http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/Azzardo-no-gioco.aspx

http://www.vita.it/noslot/quaranta-cartoonist-contro-il-gioco-d-azzardo.html


http://www.articolo21.org/2014/06/azzardo-non-chiamiamolo-gioco/



E ricordate sempre che: "Vincere" non è per niente facile, e anche qualora vi riusciste, dopo aver speso molto più di quanto avete vinto, sarebbe una eventualità talmente remota da sconsigliare i più attenti di provarci. L'unica vincita sicura, date retta, è quella di tenerci nel portafoglio i nostri soldi! 
 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, parlando di giochi di qualsiasi tipo, pure il gioco d'azzardo che ci guadagna alla fine è sempre lo stato.
Ciao e buon inizio della settimana.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Se aspettano soldi da me, dovranno aspettare parecchio. Non gioco schedine, non faccio scommesse, né gioco al lotto, né frequento sale Bingo.
L'ultima volta che ho preso un "gratta e vinci" (da 1 euro, ricevuto come resto), mi pare che sia stato una ventina d'anni fa, a Siena. Se ben ricordo vinsi una decina di euri, che alla prima occasione spesi forse in benzina o in acquisti per mangiare. Sono certo che se li avessi "re-investiti" in nuove... grattate li avrei persi del tutto!
Certo che di questo passo non vincerò mai un soldo, ma continuando a tenermi quelli che ho è pur sempre una vincita anche questa. Che ne pensi?
Un caro saluto e a presto,
Francesco