Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Italia - Costarica


L'Italia è un osso duro da battere e Prandelli lo sa. A tal punto che il (la, o lo) Costarica ha dovuto sudare almeno tre camicie, ma che dico tre, nemmeno una, per segnare. E con la enigmistica formazione 1-2-3-1-4-2-11, ovvero: Portiere-Chiellini-Barzagli-Portiere-De Rossi-Chiellini-Balotelli-fuori gioco-fascia laterale- tunnel in panchina, il primo tempo è finito 1 a 0 per il (la, lo, gli) Costarica.
Nel secondo tempo Prandelli, che finalmente ha capito l'antifona, cambia gioco e formazione a sorpresa. I giocatori della Nazionale si liberano subito della palla perché gli fa schifo e mettono in atto il nuovo schieramento. Questa volta si gioca col 2-3+1-11-1-difficoltà-Balo-Portiere-Chiellini-Telli-Improvvisazione-Meraviglia-Chiellini-Passaggi a Nessuno-Fallo laterale. Fine del secondo tempo e risultato invariato: Costaricani (o Costaricensi) 1, Italia 0. 
Purtroppo per noi faceva caldo, poi tirava vento, l'erba era troppo verde, l'arbitro aveva la maglietta troppo gialla e allo stadio c'erano troppi spettatori che urlavano e disturbavano la concentrazione dei nostri mutandati gladiatori, altrimenti gliel'avremmo fatta vedere noi, gliel'avremmo fatta vedere! 
E poi il (la, lo, gli, le) Costarica ha giocato malissimo e questo fatto ci ha condizionato. Meno male che a risolvere tutto ci ha pensato Chiellini, che giocando peggio del (della, degli) Costarica ha provato a metterli in imbarazzo. Ecco come non si vince una partita che, con più buona volontà, ma che dico buona, volontà e basta, si sarebbe potuta non perdere almeno 2 a 0 (due a zero)! 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Purtroppo caro Francesco la figuraccia degli azzurri non finisce mai!!!
Ciao caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Se avessero giocato così coi ragazzi dell'Oratorio vicino a casa mia, avrebbero perso anche con loro!
Si dovrebbero andare solo a nascondere.
Buonanotte caro Tomaso, aspettando l'Uruguay (ed è proprio il "guay" finale che mi preoccupa...)
Ciao,
Francesco

P.S. Ma lo sai che Tiziano dipinge proprio bene? Digli bravo da parte mia!