Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Guerra



E poi ci lamentiamo per il clima, che non è più quello di una volta; per i mari, sempre più inquinati, anche dai morti, e sempre meno pescosi; per i terreni avvelenati, dove non cresce più nulla perché ci hanno sepolto di tutto però ci pascolano le mucchepazze; e per i fiumi, diventati ormai immense cloache a cielo aperto. Che finiscono in mare. E poi delle frane e delle alluvioni sempre più frequenti, delle trombe d'aria e delle voragini che si aprono improvvise nelle nostre città. "Non pioveva così da oltre cent'anni!" scrive qualcuno. Ma se ora succede una settimana sì e l'altra pure, che dite: ci sarà un motivo?
E ancora le guerre: con le bombe, i missili, gli incendi di oleodotti e pozzi di petrolio, le nuvole di fumo nero che oscurano il cielo e rendono l'aria irrespirabile. E i morti. Tanti. Troppi. Soprattutto incolpevoli bambini. E poi gli esperimenti nucleari, anche sotterranei, dei quali non conosciamo le reali conseguenze ma li facciamo lo stesso. E chissenefrega se poi l'asse terrestre si sposta un po' più in là e il Polo si scioglie con tutta la banchisa. Ci abitueremo...
Bisogna essere davvero stronzi, dicevo, a lamentarci, quando la colpa di tutto ciò è solo nostra. E c'è chi addirittura pensa che altrove, nel nostro o in qualche altro sistema solare, potrebbe essere possibile vivere e per questo organizza viaggi interplanetari su Marte e spende un sacco di soldi per dimostrare che lì forse c'era l'acqua e magari anche qualche foresta. E per agevolare questi viaggi costruisce stazioni spaziali riempiendoci d'immondizia più o meno tecnologica, dopo la Terra, anche l'atmosfera. Ma scusate, l'atmosfera è solo vostra o è di tutti? Ce lo avete chiesto il permesso?  
Non vi passa mai per l'anticamera di quel vostro cervello bacato che avevamo un pianeta davvero ammodino, con tutte le cose al posto giusto, e lo abbiamo rovinato per sempre. E poi ne cerchiamo altri per fargli fare la stessa fine?
Sì. Bisogna essere davvero stronzi, che più stronzi non si può! 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, credo che non potevi descrivere meglio la situazione del nostro pianeta, stiamo andando verso un suicidio di massa.
Ciao sempre sotto la pioggia.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Tomaso, scusami ma stavo lavorando sulle mie immagini del blog e mi sono accorto in ritardo che mi avevi inviato un commento.
Anche qui brutto tempo, e a parte qualche giornata veramente estiva il mese di luglio è stato uno schifo! Oggi addirittura fa quasi freddo (naturalmente rispetto alle temperature considerate normali per questo periodo).
Penso a mio nipote, che ha appena 20 mesi, e a tutti gli altri bambini ai quali lasciamo un mondo che fa schifo. Sembra che ormai conti solo il denaro, nel nome del quale ci siamo venduti tutto. Anche la dignità!
Un caro saluto e grazie per il passaggio,
Francesco