Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Legge di Stabilità 2014



Com'era facile prevedere, scaricare l'alleggerimento del peso delle tasse appesantendo i tagli agli enti locali, è un po' come fare il frocio col culo degli altri. Ma anche se Renzi avesse ragioni da vendere, alla fine però a rimetterci le penne (in questo caso quelle vicine al culo) indovinate chi sarà? Avete indovinato? No? Allora siete proprio dei tonti incorreggibili!

E a proposito di "tonti", lo ricordate chi fu a istituire l'Irap (che è l'imposta regionale sulle attività produttive), che tra l'altro non è neppure deducibile ai fini delle imposte sul reddito? Ve lo siete dimenticato, velo? Allora ve lo ricordo io, velo. Fu Romano Prodi (e non Mattia Pascal), col Decreto Legislativo 446 del 15/12/1997. Come, chi è Romano Prodi? Quel distinto signore che, pedala... pedala... pedala, molti vorrebbero vedere alla presidenza della Repubblica. Anche senza la bicicletta.


fonte:
http://www.qelsi.it/2013/lirap-limposta-rapina-della-sinistra-che-ha-strozzato-le-pmi-diminuendo-il-gettito/
vedi: http://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/97446dl.htm  

fonti:
http://www.lastampa.it/2014/10/16/economia/padoan-la-manovra-ha-tutte-le-coperture-ma-possibile-che-le-regioni-alzino-le-tasse-mwWn5qIvE9HT7mwZQ6s3fJ/pagina.html

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/16/legge-stabilita-torna-il-vizietto-del-governo-renzi-di-dire-senza-documentare/1156883/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/07/torino-indagini-su-chiamparino-e-buco-nei-conti-le-macerie-del-ventennio-rosso/769886/

http://www.pagina99.it/news/politica/4509/Regione-Piemonte--il-Pd-schiera.html

2 commenti:

Flo ha detto...

Ronano Prodi chi? La mortadella sinistrorsa che sosteneva le ragioni del dialogo con i no tav??? E va be', ma esso con l'irap gioca in casa tassando il padronato a tutto vantaggio dei poveri dipendenti sfruttati.
Che poi, da chi potranno mai dipendere se le aziende falliscono è ancora tutto da capire...

Cecco Dotti ha detto...

Evidentemente, il postulato: "più tasse = meno aziende (che chiudono o migrano altrove), e di conseguenza meno lavoro e più disoccupazione e quindi meno consumi" (e aggiungo più incazzature popolari), per alcuni economisti-professori non vale. Quello che conta, soprattutto per la sinistra delle tasse, sono le "primarie", i "circoli", i "militanti" e le "tessere di partito". E naturalmente il "foraggio" per mantenere in piedi questi carrozzoni, alla cui fornitura pensiamo noi.
Ciao, Flo, grazie e buon fine settimana,
Francesco