Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Nuovi poveri



Nonostante le "politiche sociali" che i nostri politicanti col pelo sullo stomaco e il portafoglio pieno non mancano di sventolarci nelle quotidiane interviste televisive, aumentano sempre di più i poveracci. Che ormai non sono più quelli che un tempo ci chiedevano l'elemosina e della cui "povertà" a volte abbiamo anche dubitato. Oggi, per colpa della crisi e della disoccupazione, a quegli "accattoni d'ordinanza" se ne sono aggiunti di nuovi: pensionati, artigiani, imprenditori, mariti separati, e addirittura ex manager che i fallimenti delle aziende hanno letteralmente buttato in mezzo alla strada. Costretti a una vita di stenti e abitando dove capita - financo sotto ai ponti, tra topi e immondizia - tirano a campare con dignità col sostegno di volontari e di associazioni umanitarie, ma senza gli 80 euri di Renzi. E siccome finite le trasmissioni e tornando a casa nessuno li vuole più vedere perché rappresentano il "degrado", allora si fa una bella ordinanza di sgombero e a eseguirla si mandano gli "uomini in divisa". Poi magari si attrezza un "campo di accoglienza", che sia lontano da occhi indiscreti e dalle critiche, e lì si lasciano a inventarsi quel futuro che non arriverà mai.
fonti:

http://romareport.it/26768/quei-poveri-in-roulotte-verano-fiaccolata-degli-universitari-solidali-per-dire-agli-sgomberi
http://247.libero.it/lfocus/21466259/1/i-nuovi-poveri-di-roma-costretti-a-vivere-in-roulotte/ 

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Una bella la vignetta, peccato che è la pura realtà.
Ciao e buona giornata caro Francesco.
Tomaso

Flo ha detto...

Non è che abbia cose sensate da dire... mi ritrovo a ragionare da casalinga: se mi si riducono le entrate, il lavoro da fare è ricalibrare le spese in modo da non sforare o, se proprio stra-necessario, in modo da limitare i debiti. Ovviamente ricalibrare le uscite non significa tagliare orizzontalmente tutti i capitoli di spesa in percentuale uguale; significa, al contrario, definire in primis le priorità e poi decidere di quanto tagliare ogni capitolo: posso azzerare il cinema, ad esempio, e decidere che non rinuncio alla lettura o a mangiare una sogliola alla settimana... ognuno ha le sue priorità.
Ecco: evitare che i cittadini italiani vivano in condizioni deprecabili, ben al di sotto delle linea di demarcazione fra ciò che è dignitoso e ciò che invece è umiliante, questo è per me una priorità assoluta.
Ma sai, io non sono che una casalinga, mica il presidente del consiglio:(
Povera Italia senza re, diceva mio nonno.
Flo

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Tomaso, grazie per la visita.
Quando ho sentito l'intervista, che è vera, quel pover'uomo (che raccontava la propria vita con dignità, seppure con le lacrime agli occhi) mi ha fatto davvero pena e mi ha fatto montare una rabbia difficile da contenere.
Certo che per lasciare le persone in quelle condizioni e far finta di nulla, bisogna avere il pelo sullo stomaco fitto come un cespuglio di rovi. Possibile che nessuno provi vergogna?
Un caro saluto e buon fine settimana,
Francesco

Cecco Dotti ha detto...

Si vede che anch'io - e mia moglie -, come te, ragioniamo da "casalinghe". Perché ci comportiamo esattamente come hai detto.
Per "loro" invece - quelli per i quali evidentemente sono tutte "priorità" (soprattutto gli ultra-stipendioni e gli stra-vitalizi) alla cui rinuncia sono coriacei -, le condizioni poco dignitose dei cittadini che amministrano e che costringono ad ogni genere di umiliazioni e privazioni ormai sono diventate la normalità. E la sogliola se la mangiano tutti i giorni...
Comunque, insisto nel dire che la colpa è nostra, perché sopportiamo sempre tutto.
Forse, anche se non ho conosciuto la monarchia, aveva proprio ragione tuo nonno!
Un caro saluto e grazie per il graditissimo intervento.
Francesco