Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Sardegna pollo sultano



Dopo l'alluvione in Sardegna del novembre dell'anno scorso, si viene a sapere che forse - e sottolineo forse - la colpa dell'ondata di piena che ha sconvolto la foce del fiume Cedrino - e sottolineo fiume - è del Pollo Sultano. In che senso? direte voi.
Mo' ve lo spiego, velo. Innanzitutto è d'uopo sapere che il sunnominato pennuto non è una ricetta, tipo: “Prendete un pollo di almeno kg. 20 escluse le penne e il becco, e dopo averlo tagliato a cubetti e avvolto in due – e dico due – foglie di rosmarino (oppure di Alocasia), mettetelo dentro una cazzaruola e cospargetelo di tetraidrofurano fino a quando non diventa verde”… continua; e neppure il capo carismatico di un'accolita di tagliagole facente parte dei nuovi califfati, tipo: “Ah, sì? Volete restare a Aleppo? Cazzi vostri. Allora farete i conti con quel pollo del Sultano, quando arriva!”, bensì una gallina "imbellettata" a tal punto da sembrare una bagascia da quattro soldi. Che, tra le altre cose, pare batta tra i canneti del Cedrino, e precisamente dalle parti di Via di Estinzione e per questo motivo da difendere. Così, tutti quei lavori di manutenzione che si sarebbero dovuti fare non si sono potuti fare, dice - e sottolineo dice -, per non turbare la quiete della bag… del pollo. Ragion per cui la piena ha fatto quello che doveva fare, cioè i danni, impipandosene del pollo medesimo che è finito in mare con tutti gli appalti e il fango, comprese Flora e Fauna sue carissime amiche.
Che ci volete fare: così è la vita, se vi pare.

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Francesco, lo sai che è sempre un piacere leggere i tuoi post, tu trovi sempre delle notizie così bizzarre che veramente fanno ridere, e ridere ne abbiamo veramente bisogno.
Ciao e buona notte caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Mio carissimo amico Tomaso, che mi segui ovunque io vada e scriva, grazie infinite per la simpatia e la "seguacia" - nel senso che mi segui :) - che mi dimostri.
Un affettuosissimissimo saluto e a presto,
Francesco