Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Prescrizione bollette acqua



In un periodo, quello attuale, in cui siamo sommersi non solo dalle alluvioni ma anche dai pagamenti delle varie gabelle governative, evitare di prestare il fianco (o un'altra parte del corpo, dalla quale tenderei ad escludere senza dubbio il culo) a richieste di pagamento che dire "esose" è un eufemismo, è consigliato ma soprattutto doveroso. Non solo per le nostre già disastrate tasche, ma anche per non passare da fessi.
Pare che molti utenti stiano ricevendo delle bollette dell'acqua risalenti ad anni passati, alcuni dei quali oggi caduti in prescrizione perché trascorsi i cinque anni previsti per legge art. 2948 Codice Civile
Premetto che pagare le tasse è un dovere del cittadino, come è un dovere pagare tutti quei servizi che ci vengono forniti dai vari gestori, aggiungendo che tutto si debba svolgere rispettando i diritti di ciascuno, nella piena chiarezza e trasparenza delle richieste avanzate.
Ciò premesso, ecco le ultime notizie che, come ho detto, ho trovato in rete e che vi giro affinché ne facciate buon uso.

Depositi cauzionali
fonte:
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/09/abbanoa_chiede_il_deposito_cauzionale_sar_forma_di_garanzia_contr-6-394832.html 

Pagamento deposito cauzionale (aggiunto in data 19/11/2014)
L'Adiconsum dice agli utenti di non pagare.
fonti:
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/18/deposito_cauzionale_per_abbanoa_l_adiconsum_agli_utenti_non_pagat-6-396428.html 
https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2014/11/18/abbanoaadiconsumdeposito-cauzionale-illegittimonon-pagate_e9b77fc3-c5ec-4a47-82cf-94fd8d6d43a0.html 
http://www.sardegnaoggi.it/Economia_e_Lavoro/2014-11-18/27063/Cauzione_Abbanoa_ricorso_allautorita_per_lenergia_Procedure_ingannevoli.html 
http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2014/11/14/news/deposito-cauzionale-anche-la-cisal-diffida-abbanoa-1.10310757 

Prescrizione quinquennale (dopo cinque anni) 

Qui trovate il link di Federconsumatori, al cui interno si parla di Abbanoa (il gestore del Servizio Idrico Integrato operante in Sardegna) e delle prescrizioni delle bollette. 

Sempre nella stessa pagina, in fondo e in rosso, c’è il documento-modulo Word della diffida da scaricare, compilare ed eventualmente inviare per raccomandata con ricevuta di ritorno. Meglio se, invece di metterlo in una busta, pieghiamo il modulo in tre (fissando il lembo aperto con della colla o del nastro adesivo, ma non coi punti della cucitrice) e dopo avervi scritto destinatario e mittente, inviamo solo quello. Non sono infatti rari i casi in cui il destinatario ha dichiarato di aver ricevuto una busta vuota, senza nulla all'interno.

Siccome, leggendo il modulo, ho rilevato un refuso nell’oggetto (e cioè la parola “ADDEBI” al posto di “ADDEBITI”), una volta scaricato il documento (che è in formato Word .doc), chi non avesse Word Office potrà aprirlo con il gratuito Open Office scaricabile dal sito ufficiale cliccando sul link. Una volta aperto, qualora lo si volesse spedire ad altri amici, è consigliabile convertirlo in formato .rtf (un formato universalmente riconosciuto da tutte le versioni di Word Office e altri programmi di videoscrittura).

Qui di seguito trovate altri link, sempre relativi alla prescrizione quinquennale (tra l’altro, se ne parla addirittura nel sito ufficiale della stessa Abbanoa):

http://www.tuttobollette.it/dopo-quanti-anni-vanno-in-prescrizione-le-bollette-di-luce-acqua-gas-telefono/ 

http://www.unioneconsumatoriveneto.it/index.php?option=com_content&task=view&id=41&Itemid=2 

http://www.avvocatogratis.it/marzo-2012/579-prescrizione-bollette-di-luce-gas-acqua-telefono-non-pagare-le-bollette-dopo-5-anni.html#.VGI08smK7FI

Penso che ce ne sia abbastanza per essere informati. Aggiungo, infine, che per esperienza personale la maggior parte della corrispondenza che ci viene recapitata in molti casi non reca più il timbro postale della data di consegna. Fateci caso. E anche all’interno spesso non viene scritta la data di spedizione. Perciò, non potendo dichiarare con certezza la data di ricevimento, decade anche il diritto di far valere le nostre ragioni in caso di contestazione.

A tale proposito consiglio, quando viene il postino e si è in casa, di fargli aggiungere “a mano” sulla busta, siglandola con una firma, la data di consegna. Altrimenti, come ho fatto altre volte, mi sono recato personalmente all'Ufficio postale (meglio se il giorno stesso) e ho chiesto che me la mettessero.
Tanti auguri e vinca il migliore!

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, credo che siamo in una scia che travolge tutto, verrà il momento che ci metteranno il conta respiro e si pagherà anche quello.
Ciao e buona serata caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Tomaso, hai ragione.
Tra un po' ci faranno pagare anche gli starnuti!
Un caro saluto e grazie per la visita,
Francesco

Anonimo ha detto...

Non so se questo blog è ancora attivo. Comunque, tornando alla questione delle bollette dell'acqua, ho ricevuto una richiesta di pagamento per il periodo di fatturazione dal 1 agosto 2011 al 31 dicembre 2011. Detta richiesta mi è stata notificata con raccomandata R.R. che ho ritirato all'Ufficio Postale in data 7 gennaio 2017, perchè assente in casa quando è passato il postino (3 gennaio 2017). Sono quindi passati, anche se solo per qualche giorno, i cinque anni relativi alla prescrizione prevista dall'art. 2948 del Codice Civile. Faccio presente che in questi cinque anni non ho mai ricevuto nessuna comunicazione o richiesta relativa a detti consumi da parte della azienda o della società preposta alla riscossione. Nella richiesta di pagamento si parla di una fattura del 14/02/2016 a me mai comunicata o notificata. Posso ritenere prescritto il pagamento di detta bolletta?

Cecco Dotti ha detto...

Caro Anonimo amico, anche se avrei avuto più piacere che ti fossi firmato col tuo nome di battesimo (che senza dubbio non sarà così brutto al punto di non farlo sapere), non essendo io un esperto in materie legali ti consiglio di rivolgerti ad una associazione a difesa dei consumatori. L'indirizzo mi pare di averlo messo nell'articolo, come credo di aver messo altri utilissimi link che puoi consultare a tuo piacimento. Basta che ci clicchi sopra col mouse.
Buon lavoro e un caro saluto,
Francesco