Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Buone Feste!



Anche quest'anno ci prepariamo a fronteggiare - e quindi non certo a festeggiarlo - un altro Natale. D'altra parte è il calendario che ce lo impone, altrimenti molti di noi, io per primo, ne avrebbero fatto sinceramente a meno. Per questo motivo mi sento di lanciare nell'etere il mio messaggio di Ringraziamento Natalizio Avventizio, soprattutto rivolto agli sforzi sovrumani di questi ultimi governi "napolitanici" che sì tanto hanno fatto per renderci tre anni di festività davvero indimenticabili.
Perciò, grazie per liberare le carceri dal disumano affollamento depenalizzando, più umanamente e a seconda della tenuità dell'offesa, molti reati, ultimi compresi l'omissione di soccorso, la truffa, il furto, l'omicidio colposo, lo stalking, il maltrattamento di animali, l'abbandono di minori e tanti altri ancora.
fonti: http://www.trevisotoday.it/cronaca/decreto-depenalizzazione-reati-dicembre-2014.html 

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11729321/Giustizia--il-governo-Renzi-depenalizza.html
E quindi, grazie per difendere troppo spesso chi uccide e/o delinque, magari punendo invece chi contro assassini e delinquenti non ce la fa più e qualche volta reagisce con "giustificata violenza".
Grazie per la rivalutazione al costo della vita delle pensioni minime, che aumenteranno di ben 6,5 euro al mese. Lordi.

fonte: http://www.huffingtonpost.it/2013/12/23/pensioni-aumenti-da-6-a-20-euro-nel-2014_n_4491360.html
Grazie per aver fatto pagare le tasse anche agli alluvionati e ai terremotati, che hanno perso tutto e non aspettavano altro. Dopo il danno, anche la beffa!

fonti: http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2014/12/22/AROLEQxC-depositano_deputati_alluvionati.shtml
http://genova.repubblica.it/cronaca/2014/12/22/news/genova_beppe_grillo_dal_prefetto_e_l_ora_x_per_le_tasse_degli_alluvionati-103497476/
Grazie per aver fatto l'impossibile per riportare in patria i nostri fucilieri di Marina, Latorre e Girone, "scambiati" con l'India per motivi commerciali, ormai abbandonati in quella terra e lontani dagli affetti più cari da tre lunghi anni.
fonti: http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/02/10/news/india-italia-nell-impasse-sui-maro-dietro-l-incertezza-gli-interessi-economici-1.152423
http://www.panorama.it/economia/maro-finmeccanica-business-italia-india/
Grazie per aver tolto di mezzo "politicamente" il governo Berlusconi e non averci fatto votare per ben tre volte, in barba alla Costituzione e alle più elementari regole democratiche.
Grazie per aver fatto di tutto per "dimagrire" la spesa pubblica, che tra
Regioni, Province, Comuni e loro agenzie partecipate, oltre agli stipendi d'oro, le pensioni d'oro e i vitalizi di platino, ci costa sempre un patrimonio.
Grazie per il federalismo fiscale, che con la scusa del Patto di Stabilità e un sacco di altre fregnacce permette a Regioni, Province e Comuni di aumentarci le tasse come e quando vogliono, senza peraltro restituircele in servizi, facendo di noi dei contribuenti a... mezzo servizio.
Grazie per - spero proprio di no - ridarci Prodi, di cui certamente non sentivamo la mancanza. Questa volta, però, nella nuova veste di Presidente della Repubblica, promosso per i "meriti speciali" ottenuti durante la sua lunga e pluriennale militanza politica. Da lui aspettiamo ancora sfiduciati la restituzione dell'eurotassa che pagammo quando trionfalmente ci portò in Europa, concordando il cambio marco-euro a 990 lire e lira-euro a 1936,27. Un vero affare!
fonti: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1069938/Una-sciagura-chiamata-Romano--dall-Iri-all-euro--la-cronistoria-di-30-anni-di-guai-dell-uomo-che-fu-due-volte-premier.html 

Come pure un vero affare, sempre grazie al governo Prodi, fu l'istituzione dell'Irap (Decreto Legislativo 15 dicembre 1997, n. 446).
fonti:  http://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/97446dl.htm
http://www.qelsi.it/2013/lirap-limposta-rapina-della-sinistra-che-ha-strozzato-le-pmi-diminuendo-il-gettito/
Quella tassa-rapina che il governo Renzi annuncia di voler tagliare, ma che difficilmente gli consentiranno di eliminare.
Infine, e termino omettendo per sopraggiunta stanchezza un sacco d'altri ringraziamenti, grazie di vero cuore anche a tutti quei governi che ci hanno reso la vita degna d'essere vissuta per le opprimenti tasse passate, presenti e future, ma soprattutto per aver portato questo meraviglioso Paese e la sua Gente verso una lenta e inesorabile bancarotta, più o meno fraudolenta. Tanto, a pagare alla fine sarà sempre e solo il Popolo.
Ora però vi lascio, perché io e la mia Signora - che ancora deve andare dalla parrucchiera e dall'estetista - dobbiamo correre a fare le spese per il cenone di Natale. Quest'anno, per cambiare, invece che alla mensa dei poveri abbiamo pensato di festeggiarlo in famiglia, a casa nostra (vi allego lo scatto di un interno casalingo, per l'occasione abbellito con gli auguri). Come potrete vedere, abbiamo fatto l'albero in sala da pranzo, dove abbiamo apparecchiato il nostro tavolo migliore sul quale troneggia un panettone. Anzi, a dire il vero quella del panettone è solo una foto. E siccome a colori costava troppo e non ce lo potevamo permettere, l'abbiamo richiesta in bianco e nero. Colore che, insieme al verde-congiuntura, pare vada molto di moda quest'anno.
Buone Feste a tutti!

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Coraggio caro Francesco, non posso dire ce la faremo!
Ma dirò che ce la farete!!!
Purtroppo è un campo di battaglia continua:-)
Ciao e tanti auguri caro amico e la speranza continua.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Evvài che ce la facciamo!
Tanto ormai l'anno è finito...
Speriamo di poter dire altrettanto il prossimo.
Tanti cari auguri anche a te e Famiglia e a presto,
Francesco

Flo ha detto...

E chissà quante cose nuove ci porterà il prossimo anno!
Facciamoci gli auguri, orsù, e anche un paio di "in bocca al lupo" e, magari, qualche cornino scaramantico che mi sa che ci servono!

Cecco Dotti ha detto...

In attesa delle sensazionali novità che ci arriveranno tra capo e collo nel 2015, gli auguri non solo fanno piacere ma direi che sono un obbligo. E, in aggiunta al cornino scaramantico, anche un... "malocchino" per scacciare i malefici governativi sempre in agguato non ci starebbe male.
Ciò detto, non molliamo mai e tiriamo innanzi decisi.
Quindi, ancora tanti auguri e "in bocca al lupo" (sperando che, poveraccio, non crepi) e, vista l'ora: sogni d'oro!
Ciao a presto,
Fransuà