Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

I dieci comandamenti



Dell'aumento della raccolta di pubblicità da parte della Rai immagino che ce ne siamo accorti tutti.
fonte: http://www.panorama.it/televisione/dieci-comandamenti-benigni-applaudono-tutti-tranne-uno/
Con tutti gli spot che ci propina, se non ne fa molta di più degli altri canali, che però non fanno pagare canoni o tasse di possesso, poco ci manca. Che poi debba servire, insieme al canone-possesso, per pagare milioni di euri (o miliardi del "vecchio conio") i compensi per le prestazioni di alcuni artisti, siano pure bravi e più o meno belli e famosi, è un altro discorso. A questo proposito, o "sproposito", ho letto sulla stampa che il controverso compenso di Benigni per le due serate sui Dieci Comandamenti pare (e sottolineo pare) che sia stato di 4 milioni di euro netti (circa a 8 miliardi sempre del "vecchio conio"). In effetti, una bella sommetta. Soprattutto per un artista "di sinistra", anche se geniale e unico, come ritengo sia Roberto Benigni, e in un momento di... spending review come quello che stiamo vivendo. Non solo noi, ma anche la Rai.
fonti: http://www.iltempo.it/mobile/2.797/2014/12/19/scilipoti-se-la-prende-con-benigni-governo-riferisca-sul-compenso-1.1359384
http://it.blastingnews.com/tv-gossip/2014/12/roberto-benigni-ascolti-e-compenso-record-ecco-quanto-ha-guadagnato-00205213.html
http://www.aciclico.com/news/compenso-benigni-i-10-comandamenti-facciamo-due-conti.html

9 commenti:

olgica valtorre ha detto...

Concordo con te Cecco Dotti.Ti auguro buon Natale e felice anno nuovo.Olgica

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, lui sa il fatto suo, e può anche ridere e far ridere, ma la realtà nessuno la può cambiare.
Ciao e buona notte caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Olgica,
è da tempo che non ci sentiamo!
Grazie per l'intervento, e anche per gli auguri che contraccambio a te e Famiglia.
A presto,
Francesco

Cecco Dotti ha detto...

Il buon Benignaccio è forte e bravo! Anche se ha fatto di meglio.
Lo preferivo agli esordi, con Renzo Arbore, quando faceva il critico televisivo. Ma, come si dice, i gusti son gusti, e io per di più sono anche ignorante.
Un caro saluto e buona notte,
Francesco

Flo ha detto...

Io invece non amo particolarmente Benigni: non mi piacciono i predicatori...

Cecco Dotti ha detto...

Neanche a me piacciono i predicatori. Naturalmente, escluso il sottoscritto! ☺ ☺
Detto ciò, ripeto che Benigni mi piaceva di più agli esordi della sua carriera e, in seguito, in qualche sua breve apparizione televisiva. Come ugualmente ho gradito le sue gags quella volta che lavorò con il grande Troisi in "Non ci resta che piangere".
Per il resto - e qui mi riferisco ai suoi film da protagonista -, quei pochi che ho visto mi hanno deluso. Escludo "La vita è bella", per la sua particolarità espressiva e la sua umanità.
Tieni presente che sono un "critico" ignorante, e quindi, pur se resta una mia personale opinione, ciò che affermo non fa testo.
Siccome dubito che ci sentiremo nei prossimi giorni a causa degli impegni natalizi, auguro un sacco di bene a te e Famiglia.
Sereno Natale, quindi, e Buon Anno Nuovo!
Un abbraccio,
Fransuà

matita rossoblu ha detto...

Con i soldi dati a Benigni per due serate, corrispondenti all'importo di ben 35mila bollettini postali inviati per lo più da poveri pensionati che rispettano le leggi anche ingiuste come l'obbligo di pagare il canone RAI, si potrebbe aumentare di 80 euro mensili per un anno quattromila pensioni, chiaramente partendo da quelle al minimo, meglio se di invalidità. Ma figuratevi se un governo che ha dato gli ottanta euro ai lavoratori con uno stipendio "normale", pensa alle persone più sfortunate. E non mi si parli di soldi pagati dagli sponsor, giustificazione già sentita per la retribuzione di Fabio Fazio e company, perché in ogni caso, visto che si tratta di soldi pubblici, certi guadagni sono assurdi. Chi incassa quelle somme abbia comunque almeno il pudore di evitare i discorsi contro le disuguaglianze sociali. Buon Anno...

Cecco Dotti ha detto...

Anche in questo caso, mio caro Matita Rossoblù, sono con te!
Il tuo ragionamento non fa una grinza e certi calcoli la gente, me compreso, se li dovrebbe fare.
Ci vorrebbe più pudore. Merce sempre più rara di questi tempi...
Un caro saluto e torna presto,
Francesco

Roberta ha detto...

mi è piaciuto molto il commento di matita rossoblu : "Chi incassa quelle somme abbia comunque almeno il pudore di evitare i discorsi contro le disuguaglianze sociali."....e francamente Benigni se dicesse le cose che dice in piazza e gratis o con un gettone decisamente inferiore potrebbe essere anche (forse) apprezzabile, ma uno che dall'alto dei suoi miliardi di incassi viene a raccontarci quanto è bella la felicità e quali siano le disuguaglianze sociali, dovrebbe tacere e rimboccarsi le maniche, o semplicemente tacere! Mi rifiuto di guardarlo, ascoltarlo e condividerlo sui social network. Benigni può, a mio avviso, solo recitare La Divina Commedia a memoria: principalmente perché non è una sua idea e come narratore ci può stare. Per il resto per quanto mi riguarda era meglio prima, quando era di sinistra e conosceva il significato di "disuguaglianza sociale"....ma evidentemente è ancora di sinistra e, come tutta la sinistra, si è adeguato ai tempi e ai "cachet": anche loro perfettamente di sinistra!!