Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Il sacco di Roma



Ero a cena da mio cognato, l'altra sera, quando un giornalista di Quinta Colonna, nel corso della manifestazione "Musei in musica" ha tentato d'intervistare il sindaco Marino, quello con la Panda rossa. In quel momento stavo mangiando una pizza margherita con capperi, e appena ho sentito le risposte del sindaco mi è andato un cappero di traverso. Il giornalista, tra le altre cose, gli ha chiesto delle foto con quel tale Buzzi - che Marino aveva negato di avere mai incontrato -,
fonte:  http://notizie.virgilio.it/gallery/marino-quelle-foto-con-buzzi.html#1
e il sindaco ha glissato spostando l'argomento prima sull'affluenza di pubblico all'evento culturale, e poi sulla pericolosità delle scale che in quel momento stavano scendendo. Con la fortuna, per il giornalista, qualora inciampasse e cadendo si facesse male, di avere nei pressi un chirurgo pratico di espianti che in caso di sostituzione, per esempio, del fegato, avrebbe provveduto alla bisogna salvandogli la vita.
fonte: http://www.video.mediaset.it/video/quinta_colonna/full/501325/-la-grande-schifezza-8-dicembre.html
(andando sul tempo del video e impostando il cursore su 01:07:06)
Risputando il cappero recuperato dalla strozza, se io fossi stato al posto del giornalista avrei risposto al sindaco che badasse lui, piuttosto, al suo di fegato, considerata la piega che stanno prendendo le indagini sul... "sacco" di Roma con tutti quei "lanzichenecchi" che si aggirano per l'Urbe. Con la differenza che i mercenari germanici (toh, chi si rivede!) a quel tempo non finanziavano ancora campagne elettorali, erano pagati a "cinquine" (cioè ogni cinque giorni) e... arrotondavano la mercede saccheggiando quel che potevano. Mentre i "nostri", invece, pur essendo profumatamente retribuiti mensilmente, oltre a speculare e grassare sulla vita dei poveracci, minori compresi, arrotondavano pure con gli appalti.
A questo punto, l'augurio che possiamo farci è che la magistratura si sbrighi a concludere le indagini e ad assicurare alle patrie galere i responsabili, politici compresi se ve ne fossero. Senza sconti, ma soprattutto senza prescrizioni. E quelli sui quali ricadesse seppure un'ombra di probabili connivenze col malaffare e gli intrallazzi, radiati a vita dalla politica! Solo allora potremo dichiararci soddisfatti e, forse, pronti per andare di nuovo al voto. Ma questa volta senza "trucchi". Che la gente sia ormai stanca e sfiduciata non v'è dubbio, e il rischio che la disillusione e la sfiducia si possano trasformare in violenti tumulti delle piazze è dietro l'angolo e più vicino di quanto non si pensi.


4 commenti:

Flo ha detto...

Magari...

Cecco Dotti ha detto...

Già...

Tomaso ha detto...

Dopo tante chiacchiere, sarebbe proprio ora...
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Speriamo, caro Babbo Natale, speriamo!
Un abbraccio e a presto,
Francesco