Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Palazzo Comando Legione Carabinieri Cagliari


Domenica mattina, anche se la giornata era nuvolosa e grigia, ho fotografato il bel palazzo della Legione dei Carabinieri, nella centrale Via Sonnino a Cagliari. Un'architettura che coniuga quella tradizionale classica romana con quella del Ventennio fascista.
fonte: http://www.mit.gov.it/mit/mop_all.php?p_id=11393


 
Edificato negli anni Trenta su progetto degli ingegneri Angelo Binaghi e Flavio Scano, è impreziosito dalle statue in bronzo dello scultore Albino Manca ( vedi note biografiche: http://it.wikipedia.org/wiki/Albino_Manca ).

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Non mi sono sbagliato, a definirti un fotografo di professione, sono veramente stupende queste foto.
Ciao e buona serata caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Grazie Tomaso, troppo buono! ☺ ☺
Pensa che davanti a questo bel palazzo ci sarò passato centinaia di volte, ma domenica, con il tricolore che sventolava, mi ha colpito più del solito. E poi, non essendoci il sole, e quindi luci e ombre, l'immagine era più uniforme e senza contrasti. Insomma, mi è piaciuta e ho scattato un paio di foto.
Buona serata anche a te e un abbraccio,
Francesco

Elio ha detto...

Ciao Francesco il pallazzo è veramente bello e, come dici tu, si nota lo stile del periodo fascista (come la stazione ferroviaria di Venezia). Naturalmente sono andato anche indietro nei post e condivido la tua "lotta" contro gli incoscienti e testa di... che deturpano con le loro immondizie molti luoghi. Non è certo una consolazione, ma anche qui in Francia succede di trovare delle ordure gettate di qua e di là. Un giorno con mia moglie stavamo camminando lungo le rive del Lez (il fiume che attraversa Montpellier) ed ho fotografato dei coppertoni e dei mattoni gettati contro un albero. Ho mandato la foto ad un giornale locale ed ho avuto la soddisfazione che la settimana successiva tutto era sparito. Spero che tra i detriti abbiano trovato degli elementi riconducenti a chi aveva commesso il fatto, ma non ne ho avuto conferma. Buona settimana.
PS - Le tue vignette sono sempre forti.

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Elio, qualche volta vedo le tue foto su Google Plus, e anche tu non scherzi con le bellezze che ci fai vedere!
Grazie per la gradita visita.
La spazzatura abbandonata dovunque è diventata ormai una piaga sociale. Se fa rabbia sapere che paghiamo fior di quattrini per la pulizia dei luoghi, ne fa ancor di più sapere che sono gli abitanti stessi a sporcare dove devono vivere. E soprattutto che possano passarla liscia. Perché se le leggi ci sono, mancano però gli opportuni controlli e di conseguenza le multe salate, salatissime, che si dovrebbero comminare agli sporcaccioni colti sul fatto!
E poi li obbligherei a ripulire, controllati a vista dai Vigili Urbani. La domenica mattina, dalle sei a mezzogiorno!
A presto risentirci e buona settimana anche a te,
Francesco