Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Da Norman Rockwell



Eh sì, Rockwell mi ha talmente conquistato che oggi pomeriggio ho provato a ricopiare un altro dei suoi magnifici personaggi de "I pettegolezzi" (titolo originale "The gossips"), che erroneamente nel mio precedente lavoro avevo riportato al singolare. Credo che, piano piano, se continua il brutto tempo, tenterò di riprodurli tutti. 
Per questo lavoro ho usato una carta decisamente migliore: una Fabriano Watercolour Studio a grana fina, da gr. 200/m². Così, visto che resisteva meglio all'acqua di quella per le fotocopie, ho voluto "esagerare" e ho usato, nell'ordine: il pastello, l'acquerello e infine la tempera. E' probabile che questo fatto, intendo dire la maggiore resistenza della carta all'acqua, mi abbia fatto indugiare più del necessario sui particolari, che probabilmente sono venuti troppo marcati e sovrabbondanti. Ma essendo solo Francesco Dotti, e non certo Rockwell, come devo accontentarmi io dovrete farlo anche voi. 
Perciò: accontentatevi!


Mi sono dimenticato di dire, agli appassionati dell'illustrazione e del disegno in genere, che un altro magnifico illustratore è stato Joseph Christian Leyendecker (1874 - 1951). Leyendecker ha preceduto Rockwell nell'illustrazione delle copertine del periodico statunitense "Saturday Evening Post". 
I suoi lavori, insieme a quelli di Rockwell, li trovate qui: http://www.americanartarchives.com/leyendecker,jc.htm
Mentre a questo indirizzo troverete moltissime copertine del settimanale realizzate dai due grandi Artisti:  
https://www.google.it/search?q=saturday+evening+post&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=umLrVOmBG4T1auq0gPAC&ved=0CDgQsAQ&biw=1709&bih=856#imgdii=_
 

8 commenti:

Lubumba ha detto...

Bellissimi capolavori. Mi permetto di segnalare uno contemporaneo e italiano che illustra le copertine dei libri di Licia Troisi e altri autori Fantasy e non, editi da Mondadori : Paolo Barbieri.
http://www.paolobarbieriart.com/

Cecco Dotti ha detto...

Ciao cognatuzzo! Bentornato, dopo un sacco di tempo!
Per "bellissimi capolavori", però, ti riferisci a quelli dell'Autore originale o ai volgarissimi surrogati che ho disegnato io?
Voglio sperare che ti riferissi ai miei... ☺
Paolo Barbieri lo conoscevo già, perché me ne avevi parlato proprio tu. Anzi, se ricordo bene mi avevi fatto vedere il suo sito web un giorno che eri venuto a casa. Molto bravo, indubbiamente, sotto l'aspetto tecnico e creativo, anche se è un genere che non è tra quelli che amo perché troppo fantastico. Io, come sai, sono all'antica...
Un abbraccione e spero di risentirti presto,
Franciccio

Angela Maria Russo ha detto...

ciao Francesco, vedo che continui con Rockwell, cercati la giornata di un ragazzo e di una ragazza, sono esilaranti e deliziosi, magari ti diverti a rifarli. Alla mostra c'erano le foto dei soggetti, per esempio la ragazza che faceva finta di nuotare ecc. Perché lui prima fotografava i soggetti e poi li dipingeva. Ciao e buon divertimento

Tomaso ha detto...

Direi caro Francesco, che le sai copiare molto bene!!!
Lasciano sempre un sorriso le tue belle vignette.
Ciao e e buona giornata caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Angela, ho scoperto che mi piace provare a ricopiare Rockwell, naturalmente secondo le mie limitate capacità e seguendo il mio stile, che non è certo quello di tradurre realisticamente ciò che vedo. In sintesi, mi sento più vicino ai Macchiaioli. Ho visto il quadro dei due bambini: bello, ma preferisco gli adulti perché i segni dell'età sono più evidenti e mi facilitano il compito. I volti dei bambini, lineari e delicati, non si addicono al mio modo di disegnare e usare il colore. Rischierei di appesantirli troppo e verrebbero innaturali.
Grazie per le informazioni e i suggerimenti. Ora che mi ricordo, tra gli "americani" c'è da ricordare anche Hopper (Edward).
Un caro saluto e buoni lavori,
Francesco

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Tomaso, grazie per la visita e per i complimenti. Copiare è certo più facile che creare, perché la maggior parte del lavoro lo hanno già fatto gli altri! ☺ ☺
Un abbraccio e buona giornata anche a te,
Francesco

Flo ha detto...

Hopper mi piace, anche lui è silenzioso.
Quante cose sto imparando :-)
Flo

Cecco Dotti ha detto...

Eccoti qua! Sei rientrata? Poi passo a trovarti, magari domani, perché ora è tardi e me ne vado a nanna.
Dicevamo di Hopper che è un altro grande. Qui trovi gran parte dei suoi lavori, suddivisi per argomenti: http://www.edwardhopper.net/lighthouse-hill.jsp
Certe volte, in alcune sue pitture "metafisiche" e nei colori freddi, mi ricorda un po' alcune opere di Casorati. Anche lui, in quanto a immobilità e silenzi non restava indietro. Almeno se non ricordo male...
Piacere di averti risentito. Un caro saluto e bonne nuit,
Fransuà