Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Decreto antiterrorismo



Ma questi dell'Isis lo sanno che cosa significherà entrare in Italia impunemente, e quanto rischiano proprio adesso che il consiglio dei ministri ha approvato un "ombrello strategico" a protezione della Nazione contro il terrorismo internazionale, e cioè il temibilissimo Decreto Anti Terrorismo? Che non è di certo un ombrellino qualunque, perché in aggiunta e compreso nel prezzo a renderlo davvero impenetrabile gli si affiancherà la potentissima operazione "Strade Sicure". E siccome una volta a terra dovranno pure sbarcare e andare da qualche parte, i casi sono due: o se la prenderanno scoglio-scoglio in barba alle concessioni demaniali (che tra l'altro quest'anno hanno avuto un giro di vite mica da ridere), dichiarando di essere sbarcati per fini turistico ricreativi secondo quanto stabilito dal decreto Mille Proroghe e dalla Direttiva Bolkestein sull'eccesso di burocrazia per coloro che intendono stabilirsi per lavoro in un Paese dell'Unione Europea; oppure tentare la fortuna per strada con tutti i rischi connessi agli ingorghi e alle code che da noi certo non mancano, e rispettando, ove possibile, il Piano Esodo e lo schema dei flussi critici della nostra rete viaria. Che si credono, questi dell'Isis: non siamo mica nel deserto?
Quindi, occhio alla penna cari califfi, perché con Alfano sceriffo ci fate un baffo!

Nessun commento: