Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Prodi Libia



Sono sempre di più le voci che intravvedono in Romano Prodi, il "Professore" emiliano dall'eloquio pacato e rassicurante, l'asso da calare sulla Libia in questo delicatissimo momento. Ammesso che sulla cartina la Libia si riesca ancora a vedere, perché se ti si piazza davanti, con quel testone che si ritrova, copre tutta l'Africa e una parte del Golfo Persico. Da esperto conoscitore di problemi mediorientali, esclusi quelli italiani, viene per questo indicato come l'unica persona in grado di risolvere la spinosa questione libica. 
Reduce da una recente cronoscalata in bicicletta dello Stelvio in compagnia del Mullah Omàr - al quale aveva sottratto con destrezza il sellino per fargli uno scherzo -, verrà inviato prestissimo in missione ciclosoporifera a Tripoli armato solo di una pompa (rigorosamente senza fucile) e due camere d'aria di scorta.
 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, riferendomi al post precedente, si è vero che non sono in Italia, ma devi pensare che li ho lasciato il mio cuore e ti giuro che mi preoccupo.
Ma come dicevi se tutti aprissero bene gli occhi la cosa non dovrebbe preoccupare troppo,
La vignetta di oggi fa veramente ridere!!!
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Purtroppo hai ragione, caro Tomaso. Siamo tutti preoccupati, ma non sappiamo se lo dobbiamo essere veramente e, in caso affermativo, per quanto tempo ancora lo dovremo essere.
Perché con le soluzioni che ciascuno propone, tante e diverse l'una dall'altra, ahimè, non ci resta altro da fare.
Il guaio, al solito, è che nessuno vuole prendersi la responsabilità di ciò che decide di fare. E così navighiamo senza una bussola e seguendo la corrente.
Un caro saluto e a presto,
Francesco