Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Riforma Costituzione




Oggi proviamo a fare un giochino. Prendiamo la nostra Costituzione (immagino che tutti voi sappiate cosa sia) e cominciamo a leggere gli articoli che vi sono contenuti. Poi, ciascun articolo confrontiamolo coi fatti. Cioè con le cose che ci riguardano direttamente e con le quali dobbiamo fare i conti ogni santo giorno, e vediamo se tutto corrisponde. Ma com’è nata la nostra Costituzione? 
Siccome l’Essere umano tende per sua natura ad associarsi con i suoi simili, non potrebbe farlo se mantenesse inalterate le proprie libertà che, in questo caso, si scontrerebbero con quelle degli altri. Quindi, perché la nostra convivenza civile possa realizzarsi in armonia con diritti e doveri, bisogna darsi delle regole che tutti (non solo i cittadini, ma anche lo Stato) sono tenuti a rispettare: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (questo è l’art. 3 della nostra Costituzione). 
Bisogna anche dire che in questo “aggregato” umano un ruolo importantissimo lo riveste la famiglia (riconosciuta come società naturale fondata sul matrimonio), dalla quale partono e si sviluppano tutte le costruzioni sociali, quindi le leggi e la Costituzione. Anche attraverso la Scuola, è bene non dimenticarlo, che non ha solo il compito d’informare ma soprattutto quello di formare (vedremo cosa succederà dopo la riforma del governo Renzi). 
Ma tornando alle leggi, ai diritti e ai doveri, se per esempio il tuo vicino durante il giorno cammina per casa con gli zoccoli e la notte fa casino, ti frega il parcheggio condominiale e magari con il parcheggio ti frega anche i panni che stendi ad asciugare se abiti al piano terra, che fai: lo pigli a cazzotti, lo accoltelli o, per fare prima, gli spari in mezzo agli occhi? Nessuna delle tre, perché non si può. La legge, ovvero tutto quell’insieme di norme giuridiche (ma anche morali, non scritte ma ugualmente importanti) che regolamentano i rapporti tra gli uomini, lo vieta. Mi sembra di dire delle banalità talmente banali, da sembrare… banali, ma se ci pensiamo bene le notizie che da un po’ di tempo entrano quotidianamente nelle nostre case sembrano appartenere più ad una società primordiale (grugniti, lotte tra clan e legge della clava) che ad una società civile, e per far rispettare quelli che “dovrebbero” essere i nostri diritti – spesso dimenticando i doveri -, siccome eguaglianza, fraternità, libertà e, aggiungerei, giustizia sono andate a farsi fottere, molti accarezzano sempre più l’idea di pensarci da soli.
Inoltre, a breve, forse, con la riforma del Senato, i senatori non saranno più eletti dai cittadini.
Mentre con la riforma del Titolo V della Costituzione, cambieranno i rapporti tra Stato e Regioni.
  

6 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, dopo tante preoccupazioni per tutti gli italiani è giusto che tu con le tue vignette provi a farli sorridere:)
Ciao e buona giornata caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Il fatto è che la gente comincia a stancarsi (o lo è già?) della carenza di giustizia e di come viene amministrata.
Le mie vignette, oltre a far sorridere talvolta, dovrebbero far riflettere...
Un caro saluto, grazie della visita sempre gradita e buona giornata anche a te,
Francesco

Flo ha detto...

Ricordi De Gregori? "Cercavi giustizia, trovasti la legge..."? Come dirlo meglio...

Cecco Dotti ha detto...

Già, "Il bandito e il campione". Un bel pezzo di country rock all'americana.

michele giunta ha detto...

Come sempre quello che dici è interessante peccato che io sia monarchico di centro storico

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Mike, "monarchico di centro storico" va anche bene; ma... che mi dici della ZTL? Ce l'hai il contrassegno con la... corona?
Ciao!