Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Spillo



 


Questo simpatico e dolcissimo ciuchino che ho fotografato l'altro pomeriggio, assomiglia tantissimo a quello di Pinocchio. Vi ricordate quando l'amico Lucignolo convinse il burattino a seguirlo nel Paese dei Balocchi, e a tutti e due prima gli vennero gli orecchi d'asino e poi si trasformarono in due somarelli veri e propri? 
Ecco, "Spillo" - questo è il nome dell'asinello della foto - sembra proprio uscito dal libro di Collodi. Io e l'amico Alberto lo abbiamo conosciuto un paio di giorni fa durante una delle passeggiate "fotografiche" che siamo soliti fare al Parco di Molentargius. Ce lo ha mostrato gentilmente il suo padrone, che possiede anche alcuni bei cavalli, e ci ha raccontato la sua triste storia. Spillo è rimasto orfano appena venuto al mondo, e così lui se ne è subito preso cura e lo ha tirato su amorevolmente come si fa con un bambino, standogli addirittura vicino anche la notte perché non si sentisse solo. Dal biberon, piano piano è passato agli alimenti che dà anche ai cavalli, arricchendoli con integratori, e ora Spillo è pienamente autonomo e mangia da solo. Anche se qualche volta si avvicina al suo padrone e, credendolo la mamma, col muso cerca invano una... tetta da succhiare. Non appena ci ha visti ci è venuto incontro per farsi accarezzare sul muso e su quella montagna di morbidissima lanugine che dalla testa gli scende fino a coprirgli gli occhi; poi, soddisfatto delle carezze e della nostra conoscenza, è andato trotterellando allegramente dai suoi amici cavalli che lo stavano aspettando per la cena. 
Ciao Spillo! Sei bellissimo e torneremo presto a trovarti. Magari, se le gradisci, con un bel pacco di dolci carote!


10 commenti:

Tomaso ha detto...

Bravo, Francesco, belle veramente le foto, ma sopratutto l'asinello!

Cecco Dotti ha detto...

Grazie Tomaso!
Se me l'avessero dato, anche in prestito per un paio di giorni, e se avessi un giardino dove tenerlo, me lo sarei portato subito a casa!
Quando lo accarezzavo sulla testa, tirava indietro le orecchie per farsi accarezzare meglio, e se smettevo mi dava dei colpetti col muso perché continuassi.Dolcissimo!
Ciao di nuovo e alla prossima...

Flo ha detto...

Oddio, e io che pensavo che parlassi di Altobelli!!!
Meno male, meglio l'asinello!
È davvero dolce, un "attira-grattini" di gran classe;-)

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Flo, pensa che anche Altobelli ha creduto la stessa cosa, e l'altra sera mi ha telefonato dicendomi che lo Spillo della foto non gli assomiglia per niente. Aggiungendo che guai a me se gli porto le carote! ☺
Ciao, un caro saluto e a presto,
Fransuà

Flo ha detto...

Be', Cecco, un po' somaro lo era anche Altobelli!!!

Cecco Dotti ha detto...

Sinceramente non posso sbilanciarmi. Tra l'altro sono anche seduto male e non vorrei cadere dalla sedia.
E poi, siccome il calcio m'interessa quanto la vita sociale delle otarie, figurati un po' quanto m'importa di Altobelli... :) :)
Ciao carissima, grazie duemila per la visita e l'arguto commento.
Com'è il tempo da codeste parti? Qui oggi è bello, con sole pieno e tendente al caldo.
Ciaociao!

Flo ha detto...

Com'è il tempo in queste lande barbariche? primavera al mattino e piena estate al pomeriggio, come in Italia, credo...
A proposito: ho quasi voglia di tornare a casa, l'avresti mai detto? Io no, e lo dico qui perchè altrove verrei scoperta subito;-)
E' da un po' che non passi a trovarmi, oppure passi e non lasci commenti perchè pubblico cose banalotte?!?!?!
Comunque sia...
...Bisous et à bientôt!!!

Cecco Dotti ha detto...

Anche qui, più o meno è la stessa cosa. Forse, sia di mattina che di sera, un po' più caldo rispetto a voi... barbari.
Tranquilla: niente di tutto ciò. Il fatto che non sia passato a trovarti è dipeso unicamente da una slogatura alla caviglia, che mi ha costretto a tenere il piede sollevato e a riposo (e lo stare al computer per molto tempo diventava scomodo), alla quale da un paio di giorni s'è aggiunto un fastidio all'occhio sinistro che mi fa vedere un po' appannato. Spero che non sia niente di preoccupante (cataratta o cose simili, brrr...). Intanto ho messo del collirio contro le allergie, e vediamo se mi passa...
Poi passo da te e ti riempio di commenti che non saprai più dove metterli! :) :)
Un abbraccio e a presto,
Fransuà Jambe de Bois


Flo ha detto...

VAI IMMEDIATAMENTE DA UN OCULISTA
La maiuscola è voluta
Flo

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Flo, come ti ho detto il fastidio all'occhio mi è passato con il collirio. Il periodo delle fioriture e il mio continuo girovagare per le campagne evidentemente mi ha causato un'allergia. Anche se non ne ho mai sofferto. Si vede che invecchiando dovrò mettere in conto anche questo...
D'altra parte anche l'oculista me lo aveva preannunciato, e mi aveva prescritto un collirio specifico con il quale sembra che abbia risolto.
Achie netre ti scivo, ors vego megio la tostiera.
Coao e a tresto
Franzuò