Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Tasse e federalismo



Con questa vignetta, che si ispira a quella della prima pagina de "L'Uomo qualunque" - il giornale fondato nel 1944 da Guglielmo Giannini -, ho inteso rappresentare l'oppressione dello Stato e di tutto ciò che attraverso la classe politica, direttamente e indirettamente, esso esprime nei confronti del piccolo borghese. Dell'"uomo qualunque", appunto. Il governo ha finalmente varato il Def per il 2015, e ci ha prontamente rassicurato che non vi sarà alcun aumento delle tasse. Che si siano messe le mani avanti in vista delle prossime elezioni, però, lo ritengo un sospetto giustificato. Un po' come è successo per gli 80 euri famosi. E questo dubbio aumenta se andiamo a vedere alcune tabelle che riportano i dati ufficiali(?) del Documento di economia e finanza. Ma siccome, pur essendo un "gufo", non sono un economista e tantomeno m'intendo di tabelle, vi metto quello che ho trovato in proposito e poi decidete voi.
fonte: http://www.nextquotidiano.it/cosa-succede-alla-pressione-fiscale-con-gli-80-euro-di-renzi/
Nel frattempo, sempre in tema di tasse, si riaffacciano quelle derivanti dallo "scellerato" federalismo fiscale. Nato per "razionalizzare" le finanze pubbliche e "responsabilizzare" le amministrazioni locali, come tutte le cose che dovrebbero maggiormente avvicinare lo Stato ai cittadini, da noi invece ha avuto l'effetto contrario. Cioè, invece di consentire una maggior trasparenza per quanto riguarda la spesa pubblica e pagare meno tasse pur avendo più servizi, è successo che le amministrazioni locali, non potendo più disporre di "aiutini" da parte dello Stato centrale li hanno cercati dai cittadini stessi. Come? Semplice: aumentando le tasse locali e le varie addizionali Irpef, come ciascuno di noi potrà vedere consultando la propria busta paga o il cedolino della pensione. 
fonte: http://www.ilgiornaleditalia.org/news/economia/864301/Meno-soldi-ai-Comuni--piu.html
E, sempre a proposito di pensioni, vi ricordate i "fondi pensione"? Quelli che avrebbero dovuto integrare la previdenza obbligatoria consentendo ai futuri pensionati di avere una pensione "decente", e ai quali molti lavoratori hanno già aderito? Siccome è un argomento assai complesso per essere liquidato in due parole, e io non ne sarei capace, se volete saperne di più leggete qui:  http://it.wikipedia.org/wiki/Fondo_pensione 
Vi troverete, per quanto riguarda la tassazione di questi fondi, che era stata fissata all'11%. Ebbene, con una manovra retroattiva il governo ha quasi raddoppiato la tassazione dei rendimenti di questi fondi portandola al 20%.
fonti:
http://www.panorama.it/economia/soldi/legge-stabilita-fondi-pensione/ 
http://www.iltempo.it/economia/2014/10/22/altro-che-meno-tasse-aumenti-retroattivi-per-fondi-pensione-e-fondazioni-1.1332279
http://www.formiche.net/2015/04/09/renzi-laffabulatore/ 
Per finire, sempre in tema di pensioni e di retroattività legislative "di comodo", ora spunta la controversia su quelle concesse col sistema retributivo rispetto al contributivo. Quest'ultimo ritenuto più "equo" perché abbatte certi "privilegi" e perciò da tenere in maggiore considerazione fino al punto di applicarlo a tutti. Anche retroattivamente! 
fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/04/09/pensioni-sul-ricalcolo-contributivo-un-dibattito-emotivo-e-disinformato/1573363/ 
Ebbene, chi da molti anni è andato in pensione col sistema retributivo se ha potuto farlo godendo di un simile "privilegio" è semplicemente perché c'era una legge che glielo consentiva. Se si cambia la legge, e in modo retroattivo la si fa valere, è come se oggi stabilissimo che le pene per chi commette un reato debbano essere aumentate, e per questo motivo vanno applicate anche nei confronti di chi la pena per tale reato l'ha già scontata da anni e oggi è libero.
Roba da chiodi! 

2 commenti:

michele giunta ha detto...

Ora che mi hai edotto su tutto posso suicidarmi in santa pace

Cecco Dotti ha detto...

Perché devi suicidarti "da solo", rischiando di farti anche del male, quando puoi essere suicidato lentamente dallo Stato, pezzo dopo pezzo e magari anche a tua insaputa perché è trendy, così non te ne accorgi neppure?
Rifletti, caro amico... rifletti...