Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Isis Italia



Riduttivo? Populista? O, per dirla come la direbbero quei "sinistroidi radical chic" sostenitori della "multietnicità" e della "multiculturalità": razzista? Nessuna delle tre. Secondo me, chi oggi comincia ad aprire gli occhi e in qualche modo tenta di opporsi allo Stato Islamico - o all'eventuale disegno di una "islamizzazione" europea marcata Isis, peraltro già iniziata in modo sottile, obliquo e silenzioso da anni - non è razzista, ma più semplicemente realista.
fonti:
http://www.lastampa.it/2014/08/21/esteri/iraq-lislamismo-da-esportazione-del-qatar-per-il-califfo-un-tesoro-di-due-miliardi-UfDueKARAxYnPOuEhOTfoM/pagina.html?utm_source=Twitter&utm_medium=&utm_campaign= 

http://www.repubblica.it/economia/2015/05/28/news/meridiana_qatar-115469629/ 
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/28/sardegna-il-qatar-pigliatutto-sanita-aerei-turismo-delite-e-gas/1728213/ 
https://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=256009&v=2&c=6578&t=1 
https://www.facebook.com/notes/mario-carboni/lemiro-del-qatar-investe-in-sardegna-e-fa-condannare-allergastolo-un-poeta-che-c/10152301293390403 
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/30/isis-chi-lo-finanzia-americani-e-alleati-naturalmente/1733028/ 
http://www.nocristianofobia.org/linvasione-islamica-delleuropa-prosegue-ecco-il-qatar-francia/ 
http://www.gadlerner.it/2014/08/21/il-vero-mistero-perche-larabia-saudita-arma-e-finanzia-lis 
http://www.formiche.net/2014/08/27/i-paesi-del-golfo-persico-che-finanziano-lisis/
Perché in questo caso, badate bene, non ci si oppone a una razza, e quindi al colore della pelle, a una religione, a una lingua o a condizioni personali e sociali o, ancor peggio, ci rifiutiamo di garantire i principali diritti inviolabili dell'essere umano - ostacoli la cui rimozione è tuttavia sancita dagli artt. 2 e 3 della nostra Costituzione -, ma ci si vorrebbe opporre unicamente a quel particolare genere di politica che miri al controllo della cultura e dell'identità collettiva dell'intero Occidente. Un conto è lo "scontro di civiltà" fine a se stesso, un altro è il rispetto delle diversità culturali. Che però ognuno è libero di praticare a casa propria, rispettando le altrui quando vi si reca. 

Ed è proprio da quella invisibile barriera che ormai si è creata, dentro la quale o canti insieme al coro altrimenti devi solo stare zitto, che io voglio poter essere libero di uscire; e se la canzone non mi piace vorrei poterne cantare un'altra. Naturalmente fuori dal coro, per conto mio e soprattutto senza essere frainteso. Come per gli sbarchi infiniti di immigrati sulle nostre coste, che noi, con il "sostegno" dell'Europa, non riusciamo a fermare. Posso dire che non mi fido e che ho paura, senza farmi dare del "razzista"? Perché specialmente dopo quello che è successo in Francia dopo Charlie Hebdo - l'attentato alla fabbrica di gas nei pressi di Lione -, e sulla spiaggia tunisina di Sousse l'altra mattina, nessuno mi vieta di pensare-temere che qualcosa di simile potrebbe succedere anche da noi. Possiamo veramente dire con certezza che tutti gli immigrati che sono sbarcati in Italia e quelli che ancora sbarcheranno sono solo dei "poveracci" che fuggono da guerre e carestie, e quindi meritevoli di carità cristiana? E se invece non fosse così? Se, tra di loro, si fossero mescolati fanatici tagliagole che aspettano solo un segnale per mettere in atto il loro folle gesto, da cosa li distingueremmo? Chi mi garantisce che mentre sono in spiaggia a prendermi il sole qualche "venditore ambulante" non tiri fuori un mitra dalla sacca della sua mercanzia e cominci a sparare? Perché mi preoccupo, e non poco, quando leggo messaggi deliranti tipo questo, pubblicato su twitter dal portavoce ufficiale dello Stato Islamico Abu Muhammed al-Adnani al-Shami: "Uccidete i miscredenti in qualunque modo, americani o europei, australiani o canadesi, compresi i cittadini dei paesi che entrano in una coalizione contro lo Stato Islamico e attaccate i civili"
Oppure questo:
"Prima di concludere non dimentichiamo di lodare i nostri mujaheddin nella penisola del Sinai, per la speranza che hanno fatto emergere in Egitto, e le loro operazioni “benedette” che mettono in atto contro le guardie degli ebrei, i militari di al-Sisi (il presidente egiziano ndr), il nuovo Faraone d’Egitto. Riempite le strade di esplosivo, attaccate le loro basi, le loro case, tagliate loro le teste. E voi, fratelli mujaheddin della Libia per quanto tempo sarete ancora divisi? Perché non vi unite? Unificate la vostra parola, solidificate i vostri ranghi. La vostra divisione viene dal demonio". 

E ancora quest'altro: 
"Il sangue dei civili non è inviolabile così come non è obbligatorio versare quello dei militari. L’Islam è l’unico criterio per valutare se il sangue è violabile o meno: se sei un musulmano il tuo sangue è sacro e non va versato; se sei un infedele, il tuo sangue è come quello di un cane e un musulmano può toglierti la vita senza commettere alcun peccato. Se non siete in grado di trovare un’arma da fuoco, allora prendete una pietra e con quella spaccate le teste degli infedeli, squartateli con un coltello, investiteli con la macchina, buttateli giù da un dirupo, strangolateli o avvelenateli. Se non siete in grado di fare tutto ciò, bruciate le loro case, le loro attività, i loro campi. Se ancora non potete fare questo, sputategli in faccia e se proprio non riuscite a fare tutte queste cose, mentre loro bombardano le vostre terre e uccidono i vostri fratelli allora cambiate credo. Nessun credente si può esimere dal al-Wala’ Wal-Bara (un principio salafita, una sorta di "con noi o contro di noi", ndr)".
fonti: http://www.huffingtonpost.it/2014/09/22/isis-nuovo-messaggio-shock-uccidete-gli-infedeli-in-qualunque-modo_n_5860386.html

http://archivio.internazionale.it/news/isis/2014/09/22/il-nuovo-video-dellisis-conquisteremo-la-vostra-roma 

E allora, dite un po': come dovrei sentirmi dopo aver letto questi messaggi?


Altre fonti:
http://www.liberoquotidiano.it/news/libero-pensiero/11681225/Giampaolo-Pansa--Andiamo-alla-guerra.html
http://www.repubblica.it/esteri/2015/06/26/news/attentato_in_francia_uomo_decapitato_omicida_mostra_drappo_is-117734274/
http://www.panorama.it/news/esteri/tunisia-attentato-resort-sousse-morti/
http://veromedioriente.altervista.org/islam_europa.htm

E se Oriana Fallaci avesse avuto la "vista lunga"?

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, credo che non si siano resi conto della gravità in cui ci troviamo!!!
Buona settimana caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

E'quello che penso anch'io , caro Tomaso. Il guaio è che siamo in pochi a pensarlo, e la distanza che ci separa dalla realtà è ancora troppo grande...
Buona domenica e un caro saluto,
Francesco