Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Rivalutazione stipendi euro


           STIPENDI PARLAMENTARI E LORO RIVALUTAZIONE NEGLI ANNI

Anche se la notizia non mi ha meravigliato affatto poiché è da anni che seguo con attenzione l'evoluzione degli stipendi e la loro rivalutazione (soprattutto il mio), in particolare da quando siamo passati dalla lira all'euro, le differenze che nel tempo hanno marcato un evidente squilibrio tra gli stipendi dei parlamentari e quelli delle classi operaie e impiegatizie saltano immediatamente agli occhi leggendo questa interessante inchiesta de "L'Espresso", dalla quale ho estratto i due specchietti che vi mostro.





fonte:
http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2014/05/21/news/cosi-i-parlamentari-sono-diventati-milionari-1.166241


E se oggigiorno non è più una novità, bisogna tenere presente che tali emolumenti e tutti i benefit in vigore per i politici in carica, col tempo si sono trasformati in veri e propri privilegi anche per altri "fortunati" appartenenti alla dispendiosa macchina statale, compresi gli "ex", dalle Regioni alle Province per finire coi dipendenti della Camera. Ma le notevoli disparità di trattamento non riguardano solo le cifre, perché anche la tassazione privilegia la politica. E così diarie, rimborsi spese, assegni di fine mandato e altre voci, che tutti insieme vanno a costituire il reddito complessivo dei nostri alacri e capaci rappresentanti, anche ai fini Irpef subiscono miracolose e complesse elaborazioni che alla fine si traducono in aliquote risibili che a malapena sfiorano il 19%.
fonte:
http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/02/07/news/tasse-ecco-come-la-casta-si-e-dimezzata-l-aliquota-1.151800

Viene da sé che il principio sancito dalla Costituzione all'art. 53, che riguarda la capacità contributiva di ciascuno di noi e la giusta ripartizione del carico fiscale nell'interesse della collettività, rischia di andare a farsi benedire.
Se non c'è già andato...
cfr. http://www.federica.unina.it/giurisprudenza/diritto-finanziario-cattedra-3/art53/

2 commenti:

Elio ha detto...

Ciao Cecco, prima di arrivare qui sono andato, naturalmente, a vedermi le tue vignette, le foto ed i quadri. Complimenti per tutto, compreso la disanima politica. Dalle due tabelle si vede chiaramente, come dici tu, che, anziché diminuire, la forbice si è allargata. Si nota anche quando si è passati all'euro. Scusa la lunga assenza, ma da marzo ad oggi ne ho avuto una dopo l'altra per culminare ai primi di giugno con un'operazione in endoscopia all'interno del cuore. Ora va meglio e spero di poter essere più presente sul web. Buon fine settimana.

Cecco Dotti ha detto...

Carissimo Elio, è un vero piacere risentirti dopo così tanto tempo!
Mi dispiace apprendere delle tue traversìe e sono felice che ora tu stia meglio. Il cuore, anche se è un organo importantissimo del quale non possiamo fare assolutamente a meno, con i progressi che la moderna medicina ha fatto non spaventa più come una volta. Per di più se uno, come te, vive in un Paese attrezzato come la Francia.
Riguardati e non ti strapazzare troppo con la bicicletta; magari per un po' tienila da parte e fatti qualche sana passeggiata a piedi. E soprattutto vivi tranquillo e fregatene di quello che ti succede intorno. Insomma, non t'incazzare perché non ne vale proprio la pena! ☺ ☺
Un caro saluto e grazie per la gradita visita. Buon fine settimana anche a te,
Francesco