Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Alcol droghe e guida



Se il divieto di fumare tabacco nei luoghi pubblici - chiusi - c'è già da anni, devo ammettere che pure dal punto di vista di chi fuma sia un divieto giusto e pienamente condivisibile. Perché anch'io - che fumo sigari e sigarette da una cinquantina d'anni - certe volte, ma specialmente di mattina appena alzato, non riesco a sopportarne l'odore. Comincio però a diventare insofferente ai divieti quando si pretende di estenderli anche ai luoghi aperti: giardini pubblici, spiagge e, chissà, presto anche per la strada. Se il motivo del divieto è che il mio fumo disturba chi mi sta vicino, mettiamo il caso in un giardino pubblico, basta farmelo presente e sono disposto anche a spostarmi più in là. O, prima di dar fuoco ai trinciati, chiedere a chi mi siede a fianco, magari sulla stessa panchina: "Disturbo, se fumo?" Quando invece vado in spiaggia, ormai sono anni che mi porto dietro un portacenere regalato ai turisti dal previdente Comune di San Teodoro: ci metto dentro un po' di sabbia umida, e poi vi adagio le ceneri dei miei tabacchi, mozziconi compresi, quando ho finito. Terminata la giornata di mare ho due possibilità: deporre gli avanzi dei miei vizi nell'apposito contenitore dei rifiuti, se presente, oppure riportarmi il portacenere a casa con tutto il contenuto. Lo stesso vale per i giardini pubblici e per la strada: le ceneri le "disperdo" - tutti, prima o poi, diventiamo polvere o cenere -, e il mozzicone spento lo butto dove è permesso farlo. 
Se invece il motivo del divieto, soprattutto per la strada ma anche in qualche giardino pubblico con essa confinante, riguarda l'inquinamento e quindi l'odore, beh, in questo caso qualcuno mi dovrebbe dire se il monoossido di carbonio, gli idrocarburi incombusti, gli ossidi d'azoto e il particolato emessi dalle marmitte, più o meno catalitiche, delle auto e degli scooter (soprattutto se a miscela), oppure dei riscaldamenti in inverno, siano più "piacevoli" di quelli delle sigarette. Senza contare quei furbi che, specialmente d'estate, mentre la moglie fa le compere nei negozi vicini, se ne stanno al fresco dentro la macchina col climatizzatore acceso e il motore in moto. Quelli non inquinano? 
Ora passiamo all'alcol, ai danni che produce sull'organismo di chi ne fa un uso smodato, ma soprattutto sugli organismi di coloro che, da chi ne fa uso eccessivo e per di più guida un veicolo, vengono quasi quotidianamente "stirati". Perché se mi fumo anche quattro pacchetti di sigarette e poi mi metto al volante dell'auto non è certo la stessa cosa come se mi scolassi un bottiglione di vino o un paio di bottiglie di liquore. E allora perché mi scassate le palle con le scritte sui pacchetti delle sigarette che "Il fumo uccide", che "Danneggia gravemente te e chi ti sta intorno" o che "Provoca il cancro alla bocca e alla gola", addirittura pensando di sostituire queste scritte con immagini ancor più terrorizzanti, e invece sulle bottiglie di liquore, regolarmente pubblicizzate in tivvù, non ci scrivete un cazzo limitandovi solo a consigliare ipocritamente di "bere con responsabilità e moderazione"? Perché, non potrei forse anch'io essere spronato a fumare "con responsabilità e moderazione"
Oggi ho letto di un prefetto che ha dato disposizioni alle Forze dell'Ordine di non ritirare la patente a chi guida in stato di ebbrezza - di certo è stata una provocazione -, perché in merito "le leggi non sono chiare". Se non sono chiare, chiaritele una buona volta, almeno anche i giudici si comporteranno di conseguenza. Come fanno in America, dove se ti beccano "brillo" al volante ti arrestano senza tanti complimenti, e se vuoi uscire di galera devi pagare fior di quattrini in attesa del processo e della condanna. Certa.
fonti: http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2015/07/26/ARmVV3FF-poliziotti_sospensioni_ritiratele.shtml
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/avellino-prefetto-stop-sospensioni-delle-patenti-chi-positiv-1155423.html

Contemporaneamente, apprendo anche della proposta di legge del nostro governo di liberalizzare la cannabis. Però... "ricreativa".
fonti: http://www.gqitalia.it/news/2015/07/16/liberalizzazione-cannabis-cosa-dice-la-proposta-di-legge-per-la-marijuana-libera/
http://www.huffingtonpost.it/2015/06/18/cannabis-bozza-legge-intergruppo-parlamentare-legalizzazione_n_7614688.html
Ci mancava solo questa, per completare la dose: già di ubriachi e drogati ne circolano a bizzeffe, figuriamoci dopo! O si drogheranno anche loro "con responsabilità e moderazione"

Leggetevi questo documento del Centro Documentazione Studi e Ricerca della Asl di Arezzo, sugli effetti dell'alcol e delle varie droghe soprattutto per chi si mette alla guida di un veicolo.
fonte: http://www.cedostar.it/guida_alcol_droghe.htm
Perché, come già avviene per l'ignoranza che dilaga, se nell'elettorato aumentano anche i rincoglioniti i governi avranno la vita sempre più facile. Per favore, non facciamo ridere i polli.

6 commenti:

Flo ha detto...

Il fumo causa diversi tipi di cancro e i malati di cancro sino a carico del ssn, oltre a gidete di svariate tutele nel mondo del lavoro. Allo Stato costano un botto, ecco perché lo Stato limita il fumo, non è certo perché tiene alla tua salute!
Detto questo, a fronte di un fumatore educato ci sono cento cafoni ai quali non importa un fico secco se a me manca il fiato in presenza di una sigaretta accesa!

Cecco Dotti ha detto...

Giusto, però il cancro purtroppo viene anche a chi non ha mai fumato.
Ho cercato nei vari dizionari - turco compreso -, ma non sono riuscito a trovare la parola "gidete". A meno che non si tratti di uno dei tuoi soliti abili quiz per mettermi in difficoltà...
In ogni caso, leggiti il documento del Centro Studi e Ricerca che ho messo: http://www.cedostar.it/guida_alcol_droghe.htm e, mentre vi troverai gli abbinamenti tra alcol, droghe e guida, non troverai nulla su fumo e guida. Mi interessava rimarcare questo fatto. So che il fumo fa male, e anche se non a tutti può provocare il cancro, non è di certo un toccasana per la circolazione.
In quanto alla legge sulla liberalizzazione della cannabis, che secondo loro dovrebbe combattere le organizzazioni criminali, secondo me renderla libera servirebbe a ben poco. E' risaputo che queste organizzazioni trafficano soprattutto con la cocaina, l'eroina e tutto quello schifo delle nuove droghe sintetiche che impazzano ultimamente sul mercato. Allora che faranno: liberalizzeranno anche quelle?

Flo ha detto...

Dal testo che hai scritto non mi risultava evidente che l'argomento fosse il nesso "tabacco-guida", perciò mi sono concentrata sui divieti.
Per quanto mi riguarda, non fumando niente e bevendo poco, bene e raramente, non sono molto interessata ai divieti. Mi preoccupano gli ubriachi o i tossici al volante ma sono convinta che i divieti possono poco se manca una buona dose di educazione e di rispetto.
E il fumo di sigaretta mi toglie il respiro: non capisco perché io devo star male perché al parco o nel dehors di un ristorante qualcuno non resiste alla tentazione di accendersi una bionda... e che cavolo!, anche a me piace cenare sulle terrazze vista mare!!!

PS: "gidete" avrebbe dovuto essere "godere"... scrivo col cellulare e, benché abbia dita piccoline, talvolta tocvo lettere sbagliate. Il correttore, poi, fa il resto ;-)

PPS: vado a far bagagli, domani mi tocca rientrare nell'afosa landa natia, bisous ;-)

Cecco Dotti ha detto...

E' un discorso di contraddizioni, tipicamente italiano. Si colpevolizza il fumo, giustamente anche quello passivo, ma non altrettanto si fa per l'alcol, che non solo è pericoloso per chi ne fa uso ma anche per gli altri. Questo, intendevo rimarcare.
E per quanto riguarda i costi a carico del SSN, non credo che i danni del fumo siano superiori a quelli dell'alcol.
Per i tuoi diritti, sacrosanti, di non essere costretta respirare miasmi fumogeni, niente da dire: devono essere garantiti, e basta. Diventa una questione di civiltà, che in questo caso non dovrebbe presupporre la libera scelta ma essere imposta e sanzionata. Sempre, e non sporadicamente solo per "fare cassa" come ormai siamo avvezzi a vedere. Anche per quelli che usano il cellulare (senza auricolare o vivavoce) quando guidano! Sanzioni salate!
Ti sei "smartphonata" pure tu, vedo. Io ho due cellulari, che mi dimentico anche di ricaricare (la batteria) e non porto quasi mai con me. Solo quando esco in moto o in bici, qualche volta, se è mia moglie a ricordarmelo...
Per domani, che dire se non: buon caldo! Ma stai tranquilla, perché anche da noi, nonostante ci sia il mare vicino, si soffoca ancora. :(

Anonimo ha detto...

Carissimo Francesco, condivido in pieno le tue osservazioni sul fumo. Del resto l'Italia è tutta una contraddizione, basti pensare ad alcune sentenze dei vari tribunali.Ciao, a presto, Matita rossoblu

Cecco Dotti ha detto...

Carissimo(a) Matitona mia, felice di risentirti!
Figurati che, recapitati come anonima provenienza, ambedue gli interventi erano sciaguratamente finiti - orrore!- tra lo spam!
Meno, e poi male, che io sono un tipino accorto assai, che prima di gettare via chicche e ssia controllo bene, altrimenti...
Come stai? Qui, anche se non abbiamo le scale euripide, si sofocle ormai da un sacco di tempo. Speriamo di non tucidide (ma non di... peste), perché non ce la facciamo più. Oggi saranno stati almeno 45°!
Vedo che sul fumo la pensi come me, e ne sono lieto. Vuol dire che, anche fumando, non mi sono ancora rincoglionito del tutto... :)
Torna presto a farmi visita, e sai che mi fa un immenso piacere quando ciò accade.
Un abbraccio e un saluto affettuoso a te e a...
Francesco