Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Il dolce stil novo



L'invasione degli "ultrastorpi" è già iniziata, ma non finirà tanto in fretta così come è iniziata. Il sabato dell'oltraggio al linguaggio (il "dolce stil novo", tanto caro a Dante e al Petrarca) ha già svoltato l'angolo e sta proprio davanti a noi. Oggi, chi frequenta almeno nei fine settimana qualche social o, più in generale, il web, si sente autorizzato a dire tutto quel che gli passa per il cervello. E d'altra parte non glielo puoi neppure impedire, perché il web è democratico e dà voce a tutti, anche a chi farebbe meglio a stare zitto. Così l'italiano non è più un obbligo ma è un'opzione, una scelta. E' divenuto talmente facoltativo che anche la scuola, a partire dal famigerato Sessantotto, ha dovuto accettare il sei politico della mediocrità rinunciando agli autoritarismi delle valutazioni di un tempo, tanto cari a chi oggi ha almeno una sessantina d'anni. E non solo si vede, perché si legge; ma talvolta capita pure di sentirlo: in radio come in televisione, se abbiamo l'occhio e l'orecchio attenti. 
Siamo tornati di botto al "volgare", e la raffinata nobiltà del nostro bel linguaggio ha ceduto, ahimè, il posto all'incivilimento dilagante. Porcaputtàna!

2 commenti:

Flo ha detto...

...e proprio su questo argomento fai il tirchio e lesini link e riferimenti?!? Non è da te, Cecco, non è da te...

Cecco Dotti ha detto...

Hai ragione. Anche se, per un attimo, ci ho pensato. Volevo esprimere solo il mio disappunto in relazione agli sfondoni che talvolta rilevo, sia nei sottotitoli che nelle parole di taluni commentatori dei vari tiggì, ma non mi sembrava il caso che mi mettessi alla loro ricerca, troppo lunga e laboriosa. Come non ho creduto opportuno riportare i commenti, spesso idioti e ancor più illetterati oltre che inutilmente cattivi, che mi capita di leggere qua e là tra le notizie.
Spero di non fare anch'io certe brutte figure... ma se dovesse capitare, vi prego, correggetemi! Ve ne sarò grato.
Un caro saluto e grazie, come sempre!