Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Italia guerra Isis



Anche i nostri caccia bombardieri entreranno presto in azione contro l'Isis. Lo ha annunciato Renzi, e se lo annuncia lui bisogna credergli. Soprattutto perché questa volta la richiesta arriva direttamente dalla coalizione internazionale e dallo stesso governo di Baghdad. E così con i nostri velivoli, che passeranno dalla semplice ricognizione aerea sul fronte iracheno al maggior impegno nella lotta al Califfato, anche l'Italia entrerà in guerra. Ma lo farà come sempre, senza uscire dalla pace, rispettando la legge di stabilità e la spending review, e solo per ipotesi, perché il Parlamento, sentiti maggioranza e opposizione verdiniani compresi, deve ancora definire quali saranno le regole d'ingaggio. Perciò per adesso i nostri bombardieri voleranno al contrario per far sembrare all'opinione pubblica che tornino indietro, e non colpiranno obiettivi "a cazzo" come scuole o ospedali ma solo concentrazioni terroristiche nelle zone controllate dal Califfato utilizzando speciali missili a guida laser in grado di distinguere solo barbe e turbanti nemici, anche se in kevlar o schermati con sistemi di protezione HSF (Hair Style Finder).     
 

fonti:
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Iraq-tornado-italiani-bombarderanno-Isis-ma-non-la-Siria-nato-a-russia-stop-a-bombardamenti-oppositori-e-civili-975bc8a2-92ca-4bd2-a066-290e19ce1cde.html
http://www.today.it/mondo/italia-guerra-isis-iraq.html

2 commenti:

Flo ha detto...

Stavolta c'è poco da ridere...

Cecco Dotti ha detto...

Mi richiameranno a combattere...
Ciao! Ho avuto per un paio di giorni seri problemi di connessione internet. Fortunatamente risolti!