Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Larve, vermi e cavallette Europa



Lassù qualcuno è impazzito! Ma non lassù lassù, proprio lassù, dove se un Qualcuno c'è non è certamente pazzo. Intendo sì lassù, ma un po' più giù, in Europa, dove di certo dovrebbero occuparsi di ben altro e non di quello che io mi porto a tavola. Mi riferisco all'ultima "trovata" dei nostri chiorboni europei (in toscano, la chiorba è la testa... anche se vuota), che per probabili ragioni di mercato apriranno le cucine nostrane a grilli, ragni, larve, scorpioni e cavallette; neanche ci dovessimo preparare a sopravvivere nel deserto o allenarci per partecipare a qualche edizione di "Pechino Express" (tra l'altro uno dei programmi tra i più interessanti che la Rai abbia potuto pensare). 
Già, perché la carne, soprattutto se "rossa", ora farebbe male - io, per esempio, che per un paio d'anni in gioventù sono uscito con una "rossa" che faceva scintille, sono sempre stato benissimo -, al punto, chissà, di arrivare perfino scrivere sulla bistecca: "Nuoce gravemente alla salute"
Eppure si dice che in Italia, nonostante la carne, siamo tra le popolazioni più longeve al mondo. E posso testimoniarvelo io, che in famiglia ho avuto nonni e bisnonni che hanno da sempre mangiato bistecche, trippa alla fiorentina e ogni tanto anche qualche saporita salsiccia, e che siccome non riuscivano a morire, dopo i novant'anni suonati si sono dovuti suicidare. Tre o quattro di loro erano anche accaniti fumatori, e andavano in bicicletta in salita addirittura pedalando al contrario. Pensa un po'! 
Quindi, se dovessimo cominciare adesso a mangiare cavallette e bruchi, per sapere ragionevolmente se ci fanno bene o male dovremmo aspettare almeno una quarantina d'anni. Lo stesso discorso, a parer mio, vale per le sigarette elettroniche, da poco uscite sul mercato. Se fanno meno male delle "bionde" - a proposito, vi ho mai parlato di quella bionda che, in gioventù, ho frequentato per... ve lo dirò un'altra volta - lo sapremo solo se le fumiamo almeno per gli stessi anni che abbiamo fumato il tabacco.
E... dell'alcol, allora, ne vogliamo parlare? O continuiamo a far finta di nulla? Avete mai letto notizie di astemi, o di fumatori, che abbiano investito qualcuno con la macchina? Se fossi un maleducato vi manderei..., ma non lo faccio perché sono una personcina educata.

A presto, e... buone bistecche a tutti!


4 commenti:

Flo ha detto...

Mi è venuta voglia di brasato con polenta e funghi... slurp!

Cecco Dotti ha detto...

Noi oggi, a pranzo, abbiamo mangiato tortelli al ragù di tarme. Siccome ci eravamo dimenticati di comprare il parmigiano, per restare in tema abbiamo provato a condirli con la forfora. La mia. Bleah! Deludente...

Flo ha detto...

Bleah...

Cecco Dotti ha detto...

Inizialmente, volevo passare la ricetta agli eredi Artusi...