Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Cacciatore



Anche se non sono un cacciatore, qui in Sardegna mi è capitato di partecipare a qualche battuta di caccia al cinghiale, ma solo come "visitatore fotografo". I... carnieri non m'interessano; anzi, ad essere sinceri m'intristiscono. Ma provenendo da una famiglia di cacciatori da lontane generazioni ho annusato polvere da sparo da quando ero in culla e, da più grandicello, ricordo che davo anche una mano a ricaricare le cartucce (che prima erano di cartone) che mio fratello recuperava. Naturalmente quelle da lui ritenute ancora idonee, e una volta sola. Erano gli anni Cinquanta, e ci si arrangiava.
Poi, una volta trasferito in Sardegna e fatte nuove amicizie, è capitato che tra queste vi fossero dei cacciatori che mi hanno invitato alle loro battute, e così ci sono andato. Mi piace alzarmi presto la mattina, quando l'aria è ancora pulita, e poi sapere che mi aspetta una giornata di piena immersione nella Natura mi dà un'energia incredibile! Un po' meno sapere che alla fine a farne le spese sarà un animale, ma non è questo il momento dei moralismi e delle recriminazioni. 
Così le foto, successivamente stampate o trasferite sul computer, mi servono per i miei disegni; come il cacciatore col suo cane che stamattina ho deciso di trasferire di getto sulla carta. E che, per non farmelo "cuccare" come in altri casi è stato fatto, ho dovuto giocoforza retinare...

2 commenti:

luigi bluoso ha detto...

Caro Francesco, fai bene a proteggere i tuoi disegni, così nullo ormai è il rispetto per ciò che è di altri. Mi piace il "peso" di questo cacciatore ben piantato nell'erba del prato mentre il suo cane è tutto nervi, pronto al suo dovere. Un caro saluto e buon mese di novembre. Luigi

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Luigi, sarebbe molto più bello se potessi lasciare sempre i disegni originali, ma purtroppo devo proteggermi in qualche modo. Soprattutto per le vignette, che poi trovo pubblicate in giro anche senza la mia firma!
Ti ringrazio per il favorevole commento sul cacciatore, ma essendo sempre ipercritico per quanto riguarda il mio lavoro ritengo che avrei potuto disegnarlo meglio. Ovvero, dargli più forza espressiva attraverso il segno e i chiaroscuri...
Il cane, invece, sembra quasi che sia andato dal padrone alla ricerca di quella carezza che, alla fine, lui gli concede.
Il problema, ahimè, sono le penne stilografiche (e da calligrafia) il cui inchiostro, se non le uso spesso, si secca quasi sempre all'interno del pennino.
Un caro saluto, con annesso abbraccio, e buon novembre anche a te (qui oggi, all'ora di pranzo, c'erano più di 20 gradi!)
Francesco