Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Legge antifumo


Per chi non lo sapesse, da oggi è in vigore la nuova legge contro il fumo, che introduce regole molto più severe per tutti e che mira a tutelare soprattutto i più giovani. Il fumo, e quindi il tabacco, lo sappiamo tutti, sono dannosi e sono causa di molti decessi, perciò il Ministero della Salute con le nuove misure introdotte ora estende il divieto, da alcuni anni già esistente per i luoghi pubblici chiusi, anche all'aperto. Così da oggi in poi sarà proibito fumare nelle immediate vicinanze di ospedali, scuole e strutture pediatriche, ma addirittura anche all'interno della propria vettura, in marcia o durante la sosta e col motore spento, se in presenza di donne in gravidanza e minori (da cui il famoso detto: "Donne e minori, gioie e dolori"). 
E d'ora in poi sarà pure vietato gettare i mozziconi per terra. Mi sembra giusto, perché vedere strade, piazze e marciapiedi tappezzati di cicche non è certo un bello spettacolo. In tutto questo, però, mi meraviglia il fatto che lo stesso metro non venga usato nei confronti degli alcolici. 


Perché se io mi fumo due pacchetti di sigarette e poi guido la macchina, al massimo faccio del male a me stesso (e se le cicche, anziché buttarle dal finestrino, le spengo nel portacenere, tutt'al più mi sporco la macchina); ma se mi bevo otto birre, o mi scolo una bottiglia di liquore e magari ci aggiungo un paio di "canne", e poi mi metto a guidare, aumenterò di molto le probabilità di finire all'ospedale, con la variante del cimitero o della sedia a rotelle. E a questo punto, pazienza se ci finisco da solo. Il guaio è che molto spesso mi trascino dietro anche chi con le mie intemperanze non c'entra nulla. 


E qui mi è d'obbligo fare una digressione sintattico-grammaticale sul verbo "entrare" (preceduto dalla particella pronominale "ci", che a seconda della frase può avere anche valore di avverbio),  e su "centrare" (che vuol dire semplicemente "fare centro"). Mi capita spesso, infatti, di sentire - ma soprattutto di leggere nei commenti sui social - molti giovani che usano questo verbo a sproposito: "Carlo mi ha detto di non "centrare" per nulla con quello che è successo"... La forma corretta è: "Carlo mi ha detto che lui non c'entra per nulla con..."; oppure, orrore! "Accidenti, che mira! Hai c'entrato la macchina in pieno dalla parte del guidatore!"
Ma tornando al fumo, e ai mozziconi gettati per strada, perché non parliamo anche di tutte le bottiglie di birra, o di plastica, abbandonate dovunque? C'è forse differenza tra una strada invasa dalle cicche di sigarette e una piena di bottiglie abbandonate? 

E della droga in generale, ne vogliamo parlare?


Infine, a proposito delle scritte sui pacchetti di sigarette che verranno tra un po' sostituite da immagini scioccanti di polmoni marci, di laringi incancrenite e bronchi asfaltati (a proposito, a me il fumo nuoce alle emorroidi: vi mando una foto?), perché non cominciate a mettere sull'etichette delle bottiglie di alcolici le foto di qualche incidente stradale e di qualche morto per terra?
Non sarebbe mica una brutta idea... 

Aggiunto in data 4 febbraio

Siccome la legge che obbliga a informare chi fuma dei rischi che corre fumando è stata introdotta nel 1991, chi ha iniziato a fumare prima e si è ammalato - e quindi non era stato informato in tempo dei danni provocati dal fumo - deve essere risarcito. Lo ha sentenziato un tribunale italiano, che ha citato in giudizio un'azienda del settore condannandola al risarcimento dei danni per l'avvenuta morte di un fumatore. Da sottolineare che l'uomo, nel corso della sua "carriera" di tabagista, a conti fatti si sarebbe fumato all'incirca una milionata di sigarette. 
A questo punto, nel caso di morte per incidente stradale causato dall'alcol, verrebbe da chiedersi quando un tribunale si deciderà a condannare lo Stato per non avere preventivamente avvisato gli "utenti della bottiglia" inserendo sull'etichette, come per le sigarette, gli stessi espliciti avvisi di rischio.
fonte:
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/fumatore-muore-cancro-milione-ai-familiari-1040722.html

COSTI SOCIALI ANNUI INCIDENTI STRADALI

fonte:
http://www.autoblog.it/post/126675/aci-gli-incidenti-stradali-degli-immigrati-costano-42-miliardi-di-euro-allanno-servono-corsi-di-guida-sicura-obbligatori

INCIDENTI STRADALI E ASSICURAZIONI
Prima viene rimborsato l'Ente previdenziale, poi la vittima...

fonte:
http://www.studiolegalebuonomo.it/2013/12/la-compagnia-di-assicurazione-e-tenuta.html 

Infine, a proposito di leggi e loro interpretazioni, anche se col fumo e l'alcol c'entra poco, aggiungo questa notizia
fonte:
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergamo-magrebino-tenta-1220014.html
http://www.ecodibergamo.it/stories/bassa-bergamasca/entra-in-casa-altrui-il-cane-lo-azzannae-lui-che-fa-chiede-anche-i-danni_1164678_11/
 


 

8 commenti:

Flo ha detto...

No, non sarebbe affatto una brutta idea.

Cecco Dotti ha detto...

E tu pensi che lo faranno?

Flo ha detto...

Allo stato costa di più curare tumori o i danni da alcool?
Sai che in Italia sono morte 754 persone per incidenti sul lavoro (2015) e 3381 per incidenti stradali (2014)...lo stato su cosa concentra le sue campagne? Sugli incidenti sul lavoro,ovvio: gli costano di più.
Più invecchiò più diventò cinica :-(

Cecco Dotti ha detto...

Non seguo molto le statistiche, ma ti credo. Per quanto riguarda il divenire cinici, che condivido, aggiungo che da un po' non mi meraviglio più di nulla.
Hai sentito di quel ladro che ha sporto denuncia nei confronti del padrone
della casa nella quale si era intrufolato per rubare perché il cane da guardia lo ha morsicato? Ora, visto come funziona la giustizia dalle nostre parti, è probabile che gli chieda anche i danni!
Io, invece, più invecchio e più m'incazzo...

Roberta ha detto...

..allo stato non costa curare i tumori perché è pieno di associazioni non a scopo di lucro (mi raccomando) piene di ricercatori sottopagati che lavorano per curare i tumori e chiedono per questo soldi e contributi ai cittadini...mi chiedo se in questo ci sia effettivamente una partecipazione dello stato...posto che poi si curano tanto di farci le campagne antifumo e le raccolte soldi per la cura delle malattie più disparate, ma non gli frega nulla della salute umana quando si tratta di aumentare i limiti di emissione delle polveri sottili nell'aria e della mancata tutela relativa al territorio su cui si coltivano piante e pascolano animali che poi finiranno sulla nostra tavola (leggasi metalli pesanti, falde acquifere inquinate, pesticidi, mucche all'ormone, api morte....e l'elenco può continuare per pagine e pagine), mi chiedo se effettivamente il fumo sia davvero la causa di tutti questi tumori (e lo dico io che non ho mai fumato e mi fa anche parecchio schifo) e sono d'accordo con l'esimio genitore quando scrive che l'alcol è decisamente più rischioso per la vita di chi beve e di chi gli sta intorno, ma forse è più redditizio per pubblicitari e produttori di grandi marche di alcolici...aggiungerei inoltre (uscendo fuori tema, ma forse non così tanto) che ancora non ho capito perché in Italia alcol e automobili (che strana associazione!!) vengano sempre pubblicizzati con l'ausilio di culi e tette di donne bellissime e irraggiungibili, già questo secondo me è un messaggio molto chiaro della mentalità che si cela dietro queste industrie e dietro la televisione che gli fornisce spazi (abbondanti) durante i "consigli per gli acquisti"...come per dire "diventa un alcolista e avrai donne con tette e culi bellissimi e successo al punto da poterti permettere un certo tipo di auto di un certo tipo di cilindrata, mica come quegli sfigati dei fumatori!!"...ecco come vedi Flo il cinismo ci accomuna :) e come sai spesso mi trovo d'accordo con i tuoi commenti!!! abbracci a tutti

Cecco Dotti ha detto...

Vedo che vai molto d'accordo con Flo. E naturalmente anche con me. Ne sono lieto. Perché mi circondo di persone davvero in gamba!

Ah, una "chicca" che spero non sia vera. Pare, e sottolineo "pare", che il Parlamento Europeo abbia deciso di prendere seri provvedimenti nei confronti delle emissioni inquinanti dei motori diesel(vedi recente caso Volkswagen).
E sai come? Semplice: elevando il limite consentito!
fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Auto-Europarlamento-raddoppia-i-limiti-di-emissioni-1fbfe5c5-f10c-4c0a-8e1e-c9b7be82f8c0.html
Come fecero anni fa per l'atrazina nell'acqua potabile, e come avranno fatto per un sacco d'altre cose. Ci sarà una selezione naturale degli esseri umani: i più forti sopravvivono, i più deboli soccombono. Dura lex, sed lex!
Un bacetto (ma anche due) da papà e grazie per il graditissimo commento

Roberta ha detto...

la selezione naturale degli esseri umani è già iniziata da un pezzo, a mio avviso...ed è molto semplice: gli imbecilli da una parte (e sono quelli che ahimè sopravvivono) i sani di mente vicino al dirupo...più vicino...ancora un' po'...ecco...

e questo è semplice da spiegare: userei la parola deficienti anziché imbecilli perché se è vero che gli imbecilli "imbellono", i deficienti "deficitano" di qualcosa a scelta tra le risposte multiple plausibili.
Ad esempio: in Italia spesso il deficit è relativo alle "palle" meglio intese come il coraggio di battersi e "stand up for your rights" come canterebbero i simpatizzanti di Bob Marley. L'italiota medio preferisce rimbambirsi davanti al tubo catodico anziché prendere posizione per qualcosa che non solo riguarda lui, ma anche le generazioni future...poi però tutti si complimentano su "feisbuc" quando ad esprimere le palle e qualcun'altro.

Certo è tutto molto bello, ma la solidarietà è ben altro a mio avviso. Utile ma inutile allo stesso tempo se poi non si è disposti a metterci la faccia, o la voce, o una firma.

In questi ultimissimi giorni si parla di Ovidio for president (della Regione Sardegna), il sardo di 85 anni che, fregandosene del denaro, si è imposto contro le multinazionali del cemento armato per difendere la sua terra, e guarda un po' ha pure vinto!!! Questo la dice lunga sui governanti dell'isola di Sardegna, che non riescono neppure a garantire i voli nazionali e la continuità territoriale!!! forse che forse non gliene frega una beata fava?! mah...ho qualche sospetto in merito...

Perché ancora una volta sembra che io vada fuori tema, egregio genitore?? Perché mi ricollego alla questione del dura lex, sed lex! che in altre parole, per noi comuni mortali, potrebbe anche essere l'equivalente del "volere è potere"...mi spiego meglio: se questi legiferanti auto-nominatisi ci impongono leggi assurde e ridicole, che per obbligo dobbiamo comunque rispettare, io vorrei vedere se noi gli presentassimo il conto di un "volere è potere" collettivo, non per inneggiare alla rivoluzione, per carità, ma semplicemente al buonsenso e al rispetto del territorio, delle persone che ci vivono e delle future generazioni. Il signor Ovidio non ha fatto altro che chiedere di applicare la legge usando il buonsenso e questo gli ha dato ragione, nonostante tutto, nonostante il potere, nonostante il denaro, ha usato il buonsenso e il rispetto per il territorio, l'amore per un'eredità ormai dimenticata, soprattutto da chi ci governa, e ha avuto perfino giustizia....dunque cosa ci vuole mi chiedo io per generare nella collettività un po' più l'effetto buonsenso e un po' meno l'effetto struzzo??? (non c'è bisogno di spiegare quest'ultimo quali ulteriori effetti collaterali può causare)

bacetti ventosi dalla terra di Albione, dove effettivamente per quanto siano strani, delle volte, (tipo tagliano gli spaghetti col coltello prima di mangiarli) hanno un immenso senso civico e sanno perfettamente come farsi rispettare da chi li governa....e viceversa...

Flo ha detto...

Ah si parla di culi e pubblicità!!! Bene bene!!! Pochi giorni fa, forse soltanto ieri, commentavamo le atmosfere delle pubblicità con i miei figli. Già da un po', all'apparire sul piccolo schermi, di una gnoccolona in abiti succinti, la mia ineffabile secondogenita sbotta in un "è idiota, perciò è un profumo!" Ora ci siamo evoluti e abbiamo constatato che:
1)se è gnocca in abito da sera è un profumo da donna
2) se mostra tette e culi è in generale un prodotto da uomo, che sia un dopobarba, un'auto sportiva o il silicone saratoga poco importa
3)se compaiono contadini, allevatori di galline o azdore dalle robuste braccia si parla di robine buone da mangiare
4) se sono adolescenti brufolosi sono schifezze da mangiare
5) se sono fanciulle in t-shirt bianca e casti pantaloncini sono deodoranti o cremine idratanti.

Ne avete altre?