Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Nuvole


Sempre l'altra mattina, mentre stavo pedalando allegramente per le vie dell'Isola a bordo del fedele Aquilante, m'imbattei nel nero orror del procelloso cielo, con tanti tuoni e tanto ardor di lampi che par che 'l ciel si spezzi e tutto avvampi (avrebbe detto il Renzi citando qualcuno a caso), e lo fotografai.


Poi, vòlto altrove il guardo attònito, mentr'io stava mirando se vedea venir qualcuno in per la via, m'accorsi d'un che d'imponente corrermi vertiginosamente incontro sicché l'audacia se ne fuggì via. 
Che fu? mi dimandai, e affrettando lo pede di buon trotto mi volsi indietro a rimirar lo passo, mentre 'l percosso cor trassi dal petto. Come vento di maestro 'l ciel flagella e l'acre odor dalla palude esala, uscito fuor dal pelago alla riva s'estesero le nubi e...

     
... guatando in alto, già vestita da' raggi dell'Astro che mena dritto altrui per ogni calle, vidi la Terra mia sì chiara e netta. Il luogo dilettevole e giocondo tanto vicino a me come donzella che alla magion le mie notizie aspetta, mi fe' pigiar di più la pedivella.
Ma guarda un po' che mi tocca vedere prima di tornare a casa!  
   

Nessun commento: