Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Cooperazione europea



Scompariremo da dove eravamo - e dove tutto sommato stavamo anche benino -, per riapparire qualche centinaio di chilometri più a sud?... No, perché visto che qualche centinaio di chilometri più a nord tutti quelli che stanno qualche centinaio di chilometri più a sud non c'entrano neppure se li spingi, continuando di questo passo evidentemente saremo noi a doverci spostare...
Non saremo più neppure una "espressione geografica", come pare - e sottolineo "Lothar" - abbia detto tempo fa il principe Lothar Von Metternich attirandosi le ire di chi ancora a quel tempo era capace d'indignarsi?... Faremo presto questa fine?... Mah... a sentire la Signora Boldrini si direbbe di no. Anche se io comincio ad avere i miei dubbi. 
Perché almeno dei dubbi li posso avere? O è proibito?

4 commenti:

Flo ha detto...

Lo stiamo già facendo. L'anno scorso 100.000 Italiani (una città come Bolzano) hanno mollato gli ormeggi facendo rotta verso lidi più ospitali. Laureati in cambio di clandestini poveri e (a volte) analfabeti... che affare!

Cecco Dotti ha detto...

Certe volte anch'io penso di andarmene. Se non avessi un sacco di roba dalla quale è duro separarsi - anche perché traslocarla sarebbe un problema non solo di trasporto ma anche di casa adatta a riceverla -, lo avrei già fatto da un pezzo.
Però, se alla fine il disagio dovesse valicare i limiti del sopportabile credo che sarei anche disposto a tali rinunce. Vedrò...
Secondo me l'Italia è già fallita, e al punto in cui siamo per salvarla ci vorrebbe un miracolo!
Ciao, grazie e buona notte!

Flo ha detto...

...o una rivoluzione

Cecco Dotti ha detto...

Per la rivoluzione, udendo gli umori che aleggiano nelle vie e nelle piazze, ma anche nelle case e nelle fabbriche, credo che ci stiano lavorando...
E aggiungo che se all'improvviso arrivasse non mi meraviglierei affatto, perché in fondo se la sono cercata!
Peccato che, come al solito, sfocerebbe nei soliti atti di violenza che a me non piacciono, e che non risolvono nulla perché danneggiano tutti.
Grazie per la visita e buon fine settimana,
Francesco