Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Quartu viabilità Via Salieri


A Quartu S. Elena, della Via Salieri e della pista ciclabile che la percorre in tutta la sua lunghezza ne aveva già parlato abbondantemente il 24 febbraio scorso l'Unione Sarda definendola un "paradosso".
fonte:
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/02/24/quartu_il_paradosso_di_via_salieri_pista_ciclabile_perfetta_ma_st-68-471857.html



  
Ieri (7 luglio, per chi legge), e non a torto, sempre la stessa testata giornalistica, addirittura l'ha promossa a... "incubo".
fonte:
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/07/07/reti_e_spuntoni_di_ferro_la_pista_ciclabile_di_via_salieri_da_inc-68-513169.html


  
A volte, ho pensato, pur esprimendo la realtà di un fatto, alcuni giornalisti tendono ad enfatizzarlo troppo magari anche utilizzando titoli che gli diano grande risalto, o comunque più di quanto effettivamente non meriti. Così, incuriosito, sono andato a vederla. Partito col fresco, in bici, nel tardo pomeriggio da Cagliari e attraversato il bel Parco di Molentargius, in Via Salieri vi sono giunto più o meno verso le 19,30. E in effetti ho dovuto constatare che l'articolista non aveva affatto esagerato. Tra l'altro nell'articolo, oltre alla pista ciclabile, si parlava anche di "modifiche al traffico e della realizzazione di nuovi parcheggi", ma anche di strada "dissestata e piena di buche". Oggi, per la verità, la pista ciclabile - perfetta e liscia -, nonostante le reti e i pericolosi paletti, era interamente percorribile; ma la strada, sempre dissestata e piena di buche, oibò, aveva una segnaletica nuova di zecca!



 
Strisce pedonali, mezzerie e spazi destinati ai parcheggi perfettamente pitturati di bianco... direttamente sopra le buche! Evidentemente è un nuovo metodo di procedere nel rifacimento del manto stradale, ho pensato, prima si pittura la segnaletica e poi si asfalta! Come si dice: le vie dell'asfalto sono infinite, e anche la Via Salieri non fa eccezione. Resta da vedere con quali soldi si eseguono questi lavori: i nostri, pubblici, oppure quelli privati di qualche generoso mecenate ...
Poi, siccome a quell'ora il traffico delle macchine dirette verso il fresco del lungomare stava aumentando, l'occhio m'è caduto sui nuovi parcheggi.

Perché dovete sapere che la via in questione in origine aveva - anche se definite "a caso", perché priva di segnaletica orizzontale - all'incirca quattro corsie più i soliti parcheggi su ambo i lati.

 
Adesso, invece, con la "nuova viabilità" (scusate il termine), invece, le corsie si sono ridotte a due: una che dal semaforo di Viale Colombo va verso lo stadio nuovo "abbandonato" di Via Beethoven, e una che va verso il semaforo. Con la novità che quella che prima era una corsia adesso è diventata un... parcheggio. 


A questo punto urge una precisazione. Siccome il semaforo disciplina il traffico in modo differente e in tempi diversi a seconda della direzione che si voglia prendere: a destra (freccia verde) per chi va verso il mare (Viale Colombo), e a diritto e a sinistra (frecce verdi) per chi va in Via San Benedetto o in Viale Colombo, se prima della "nuova segnaletica" chi girava a destra aveva una corsia libera e interamente dedicata adesso la trova occupata dalle macchine parcheggiate. 


 
Così accade che quando la fila delle macchine che vanno a diritto o a sinistra si allunga perché il semaforo è rosso, quelli che devono girare a destra per andare al mare - anche se hanno il semaforo verde - se hanno la corsia occupata dalle macchine parcheggiate restano fermi. Davvero una bella pensata! Soprattutto per coloro che la mattina - quando il traffico è maggiore - devono andare al lavoro e decidono di passare dal Poetto per arrivare... prima a Cagliari.
Buon viaggio a tutti, e scusate se sono stato prolisso!
 

2 commenti:

betty boop ha detto...

questa è ARTE arte di arrangiarsi

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Betty, ma lo sai che m'hai tolto le parole di bocca?
Noi siamo maestri nell'arte di arrangiarsi, e lo siamo a tal punto - però mi auguro davvero di no - che, nel caso trovassimo la corsia per girare a destra occupata dalle auto parcheggiate, pur di non restare imbottigliati probabilmente saremmo anche capaci di entrare in quella destinata ai ciclisti...
E allora, come si dice, sarebbero cazzi!
Un caro saluto, grazie per la visita e torna presto,
Francesco