Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Cyberbullismo e leggi



La rete è ambigua, e l'intenzione di stringerne le maglie farà sì che prima o poi qualcuno ci s'impigli. Devo dire che, detto così, il nuovo disegno di legge che punisce e inasprisce le pene per coloro che, nascondendosi dietro l'anonimato (che poi alla fine tanto "anonimato" non è perché prima o poi ti trovano) "martirizzano" il loro prossimo con video, foto e scritti, mi trova perfettamente d'accordo. La libertà di pensiero, di espressione e d'opinione, sono convinto che non dovrebbe mai scadere nella brutale offesa che molto spesso "bulli" e "cyberbulli", compresi i "cybercitrulli", utilizzano per colpire non solo chi con loro è in disaccordo ma anche chi, di loro, in fondo se ne fotterebbe pure. Se non fossero chiamati direttamente in causa...
Ognuno, solo perché ha una connessione internet ed è iscritto a un blog (non sarò mica io?) o a un social (non sono io!), si sente autorizzato, nella sua stupidità e nelle proprie relazioni interpersonali, a vomitare insulti e accidenti addosso a chi gli pare. Senza pensare che - oltre a far del male - rischia di fare anche una figura meschina! Per giunta, chi lo fa è anche un vigliacco, perché nella maggior parte dei casi si nasconde dietro l'anonimato, o uno pseudonimo, ma non ha il coraggio di venirti a dire in faccia quello che pensa guardandoti negli occhi. Un discorso a parte lo farei per la pedopornografia e chi la utilizza e diffonde, insieme ad altre schifezze e chi ci bazzica intorno, ai quali "utenti" riserverei un trattamento personale. Che non vi dico qual è perché non ve lo voglio dire. Ma lo penso.
Ma da qui a limitare, totalmente e senza differenze, la libertà di esprimere il proprio dissenso in maniera civile e costituzionalmente consentita, credo però che ce ne corra. E qui un ruolo importante lo giocano prima di tutto l'educazione e l'intelligenza di chi ne vuol fare uso. Le quali educaz. e intellig., senza scomodare Freud e la psicanalisi (o pissicanalisi, come si dice nei social), concorrono a fornire l'individuo di quelle basilari regole morali necessarie a vivere insieme agli altri in società frenando i propri istinti. 
Per spiegarla pari pari: se uno non mi dà la precedenza allo Stop non lo posso prendere a colpi di cric e cacciavitate nelle gengive. Chiaro? Ma nemmeno urlargli che cià la sorella puttana, altrimenti i colpi di cric e le cacciavitate me le dà lui. Anche se sbaglia, perché non è riuscito a frenare, per prima cosa allo Stop e subito dopo i suoi istinti.
Detto tutto ciò papale papale, utilizzare questa legge ad hoc per agganciarci e limitare anche la Satira e il diritto di esercitarla in modo sano e corretto - rispettando appunto queste regole -, credo che sarebbe la più grande idiozia che un governo possa fare. Ve l'immaginate le serate in tivvù senza poter più vedere Crozza che imita Renzi o Razzi? Per giunta pagando anche il canone all'"Inquisizione"?  
fonti:
http://www.lottaquotidiana.it/editoriale/articoli-dell-editoriale/1682-cyberbullismo-l-altra-faccia-del-web.html 
http://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2016/08/06/news/cyberbullismo_norme_piu_rigide-145477550/ 
http://gayburg.blogspot.it/2016/08/il-disegno-di-legge-sul-cyberbullismo-e.html 
http://www.ultimavoce.it/una-legge-cyberbullismo-diventa-bavaglio/ 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, le tue vignette così chiare mi mettono sempre di buon umore:)
Ciao e buona domenica dell'Immacolata caro amico.
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Tomaso, amico caro!
Un salutone affettuoso, buona festa dell'Immacolata anche a te, e se lo festeggiate anche in Svizzera: Buon ferragosto in lieta compagnia,
Francesco