Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Genova donna col burqa



Continuano le polemiche tra burqa (una sorta di velo "finestrato", con incluso abito, che copre testa e volto fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Burqa ), burqini (o burkini, fonte:  https://it.wikipedia.org/wiki/Burqini ), chador (fonte:  https://it.wikipedia.org/wiki/Chador ), niqab (o "velo" che lascia scoperti solo gli occhi, fonte:  https://it.wikipedia.org/wiki/Niqab ), l'ultima delle quali ha creato un certo allarmismo qualche giorno fa alla Festa dell'Unità di Genova, dove qualcuno ha chiamato la Polizia perché pare che ci fosse una signora col volto coperto (dal niqab?). Allora, considerato che vivo in questo Paese, mi sono preso la briga di fare una ricerca per evitare spiacevoli equivoci e tentare di capirne di più. E cioè, semplificando: si può andare in giro col volto coperto, sì o no? E poi, cosa s'intende per luogo pubblico o aperto al pubblico?
Risultato: nonostante abbia raccolto un sacco d'informazioni in materia ho più dubbi di prima, e così vi passo volentieri la "palla". Magari potreste darmi una mano voi, perché ho l'impressione che alla fine, come spesso accade, si teorizzi un sacco, talvolta in modo astratto, ma poi quando si tratta di passare alla pratica cominciano i guai...

VOLTO COPERTO - Tulps (Testo Unico Legge Pubblica Sicurezza)
fonte:
https://alloggiatiweb.poliziadistato.it/PortaleAlloggiati/Download/TULPS.pdf






fonti:
http://briguglio.asgi.it/immigrazione-e-asilo/2010/settembre/ac-2422.html 

http://www.altalex.com/documents/news/2014/03/08/burqa-chador-e-costituzione-europea

LUOGO PUBBLICO E LUOGO APERTO AL PUBBLICO
fonti:
http://www.simone.it/newdiz/newdiz.php?dizionario=1&id=1042 

http://www.altalex.com/tag/luogo-aperto-al-pubblico

GENOVA - FESTA UNITA' E BURQA
fonti:
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2016/09/05/ASOzugBE-donna_allarme_burqa.shtml 

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/genova-allo-stand-arabo-donna-col-burqa-polemiche-alla-festa-dellunita-2541067/

FESTA UNITA' DEFINIZIONE


"Le feste de l'Unità, generalmente, ospitano spazi per dibattiti, spettacoli, concerti e stand gastronomici. L'organizzazione viene curata da volontari iscritti o simpatizzanti del partito, mentre la partecipazione, ampia specialmente nelle zone d'Italia storicamente vicine al centrosinistra, è aperta all'intera cittadinanza".

fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Festa_de_l%27Unit%C3%A0 

Quindi, essendo "aperta all'intera cittadinanza", credo che anche la Festa dell'Unità si possa considerare un luogo pubblico. O sbaglio?

5 commenti:

Matita rossoblu ha detto...

Come la mettiamo con i motociclisti col casco integrale? O con quelli col cappellino calato sulla fronte e gli occhiali da sole? O con gli apicultori? O con i palombari? O con le sfilate di Carnevale?
Matita Rossoblu

Cecco Dotti ha detto...

Ciao carissimo! Finalmente, dopo tanto ci risentiamo! Tutto bene?
Qui sta piovendo - finalmente! - e fa anche più fresco. Non se ne poteva più!
L'estate sarà anche bella, ma quando è troppo calda alla fine stanca.
E' vero: i motociclisti, specialmente quando sfilano a Carnevale con gli apicoltori e con quelli col cappellino e gli occhiali da sole diventano pericolosissimi sovvertitori dello stato sociale. Col casco integrale, poi, non ne parliamo. Soprattutto se c'è la crusca e la segale.
Io, alle Feste dell'Unità, per essere un proletario immediatamente riconoscibile, sono sempre andato in pantaloni corti e in maglietta. Rigorosamente all'olio e con le macchie di sugo!
Un forte abbraccio a te e a casa, e torna presto perché mi manca il tuo prezioso supporto.
Ciao,
Francesco

Matita rossoblu ha detto...

Come la mettiamo con i motociclisti col casco integrale? O con quelli col cappellino calato sulla fronte e gli occhiali da sole? O con gli apicultori? O con i palombari? O con le sfilate di Carnevale?
Matita Rossoblu
Ciao, a presto.

Flo ha detto...

Il casco da moto è un obbligo se si vuole andare in moto, non ci si passeggia per strada tre passi dietro al marito. Idem per gli altri esempi.
Ah, manca il passamontagna che le mamme ansiose impongono in inverno ai figlioletti.

Cecco Dotti ha detto...

E la sciarpa? Ne vogliamo parlare, oppure in questo stranissimo Paese lasciamo correre tutto?
Ciao Flo, buonissima domenica!