Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Marina al mare



Oggi, ripensando ai miei tempi della scuola, ho dipinto questo acquerello che per l'occasione ho intitolato "Maestrale... elementare". Come al solito ho usato la carta più schifosa che avevo, e quando ho steso il colore mi ha fatto l'effetto di una cartasuga. Però, anche se l'ho pagata poco, non mi va di buttarla via. 
E così, i casi sono tre: o continuo a usarla, oppure ci imbottisco le scarpe. E il terzo caso? Ora non me lo ricordo...

6 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, io non so se il valore della carta, possa darti un dipinto più bello, so solo che questo che ha fatto è bello!!!
Ciao e buona notte caro amico, con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa sempre bene!
Tomaso

PS le mie condizioni stanno migliorando quasi troppo, sono molto contento!!!

Cecco Dotti ha detto...

Caro Tomaso, ti ringrazio perché sei sempre gentile!
Sono felicissimo che finalmente tu stia meglio e... continua così!! :) :)
Un abbraccio anche a te, con il solito sorriso, e buona notte,
Francesco

Flo ha detto...

Ah ecco perché disegno da schifo: non sono io, è la carta!
Sgrunt 😰

Cecco Dotti ha detto...

Ciao Flo, anch'io sono sicuro che dipende dalla carta perché disegni benissimo. Il guaio è che non ti applichi...
Ricordo che tempo fa qualcosa dei tuoi lavori me lo facesti vedere, e non era male. Insisti, e vedrai che anche tu sarai in grado di migliorarti. Basta non pensare a quello che stai facendo: lasciati andare e la matita (o il pennello) faranno il resto. Magari con una bella musica in sottofondo, ché aiuta!
E poi non devi insistere nella ricerca della "perfezione". Fermati prima. Col tempo, riguardando il lavoro fatto, ti accorgerai se qualcosa non va. Ma quel che hai fatto lascialo stare. Magari fanne uno nuovo, anche se uguale.
Buon lavoro!
Un abbraccione,
Francesco

luigi bluoso ha detto...

Ciao carissimo, sempre bello vederti spiccare il volo sopra il tuo mare... Un abbraccio. Luigi

Cecco Dotti ha detto...

Carissimo Luigi, grazie e bentornato! Perché immagino che sarai già rientrato dal tuo bellissimo viaggio. Poi avremo modo di parlarne.
In questo periodo sono triste e addolorato perché sta morendo un caro amico.
E' quello che mi seguiva in tutte le mie avventure fotografiche, anche in bici, e che avrai anche visto sul blog. Gli indiani avrebbero detto che "è arrivato alla fine della sua pista". E infatti è proprio così, poverino.
Un abbraccio anche a te e ci sentiamo con più calma e serenità nei prossimi giorni.
Ciao, Francesco