Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Renzi il Congelato



Vài, vài... vài a saluta' Verdini... e già che ci sei salutaci anche Rossini!...
Ora staremo a vedere se questa è la volta buona che se ne va, oppure se sarà trattenuto dai... "poteri forti". Noi tutti, anzi quasi, ma anche molti, si spera di No, cioè che non rimanga; e perché fosse chiaro lo abbiamo anche barrato con una bella croce sulla scheda. Ovvìa, siamo sinceri, un po' c'era venuto anche a noia vederlo anda' 'n giro con le mani in tasca con quell'aria da "brindellone" a tagliar nastri in maniche di camicia, mentre spesso e volentieri t'agguantava certe cantonate che nemmeno a Montecarlo al "Tabaccaio"... 
Tipo quello che gli è successo d'essersi dimenticato i documenti a casa proprio la domenica che si votava per il referendum e che sapeva che glieli avrebbero chiesti al seggio. Perché non ci verrà a dire che era la prima volta che andava a votare!
"Tanto m'avete riconosciuto!", ha esordito spiritando battute fresche di giornata con quell'aria da misirizzi. E quando il presidente del seggio gli ha detto "Buon giorno signor Crozza, anche lei vota a Pontassieve?" allora ha chiamato a testimonia' la su' moglie... che lei, i documenti, li aveva portati...

fonti:
http://video.repubblica.it/dossier/referendum-costituzionale/referendum-renzi-vota-a-pontassieve-senza-documento-sono-riconoscibile/261501/261828?refresh_ce 
https://www.loccidentale.it/articoli/143786/referendum-renzi-fa-lo-sbruffone-al-seggio-e-vota-senza-documento-sono-riconoscibile 
http://www.ilgiornale.it/news/politica/renzi-vota-senza-documento-spero-essere-riconosciuto-1338888.html 

2 commenti:

Elio ha detto...

Ciao Cecco scusa la lunga assenza ma ne ho avuto di tutti i colori. Solo il tempo di seguire il mio blog ed anche con difficoltà visto che ho dovuto interromperlo per un po' di tempo. Renzi se ne va e poi arriverà un altro peggio di lui. Tra i nostri politici non ci sono più figure carismatiche come qualche decennio fa, prima dell'arrivo di Berlusconi buono solo a cantare e suonare il piano alla fine degli incontri internazionali. Naturalmente le tue vignette mi hanno fatto venire un bel sorriso sulle labbra anche se dietro il disegno c'è sempre un fondo di verità. Buone feste natalizie.

Cecco Dotti ha detto...

Di niente, caro Elio, di niente. L'importante è che ogni tanto ci sentiamo. Perché è buon segno e vuol dire che siamo ancora vivi! :) :)
Se all'inizio Renzi m'era piaciuto proprio perché diverso da tutti quelli che l'avevano preceduto: ottima oratoria, simpatico e credibile perché spontaneo e preparatissimo, quando piano piano ho cominciato a conoscerlo meglio e a confrontare quello che prometteva con quello che faceva non m'è piaciuto più.
E poi, con lui, non m'è piaciuto tutto il resto della "cova" di quel pollaio al cui interno "sgallettava": sempre pronti a rispondere "No, non è vero!" (o nel migliore dei casi a scuotere negativamente il capo) a chi faceva loro notare le cose che non funzionavano. Basta riguardarsi le registrazioni dei vari talk show, nei quali venivano inviati i "disinformatori seriali" più accreditati sempre pronti a negare o a minimizzare l'operato fallimentare del governo.
Insomma, se se ne dovesse andare di sicuro non mi mancherà.
Il fatto è che guardandosi intorno non c'è molto da scegliere... E qui mi fermo, perché sarebbe troppo lungo argomentare sulle capacità dei vari "concorrenti". Anche perché, non conoscendoli ancora e non avendoli messi alla prova, si correrebbe il rischio di parlare a vanvera.
Un caro saluto, grazie della visita e ricambio gli auguri con simpatia, anche se immagino che prima di Natale ci si possa sentire ancora.
Ciao,
Francesco