Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Gamberoni e confini



Il 13 gennaio scorso, il peschereccio Mina, della flotta sanremese, è stato sequestrato dalle autorità francesi con l'accusa di aver sconfinato. Il trattato di Caen sui nuovi confini marittimi di Italia e Francia, peraltro non ancora convalidato bilateralmente, il 21 marzo 2015 ha assegnato infatti alla Francia delle zone in più rispetto a quelle che aveva prima. E il dubbio che questa nuova concessione possa aprire le porte allo sfruttamento del fondo marino (giacimenti di gas e di petrolio) lo potrebbe confermare proprio l'art. 4 dello stesso trattato che, oibò, non parla "solo" di pesca.
Ma tornando al sequestro del nostro peschereccio - per il cui rilascio l'armatore ha dovuto pure pagare 8.300 euro di cauzione per riavere indietro la barca -, riconosciuto che da parte delle autorità francesi vi era stato un errore di giurisdizione, la Francia si scusa formalmente con l'Italia. Grazie. Va bene. Era il minimo che potesse fare. 
Ma... la cauzione? Oltre alle scuse, i soldi glieli hanno restituiti? 

fonti:
http://www.primocanale.it/notizie/peschereccio-sequestrato-la-francia-si-scusa-con-l-italia-stato-un-deprecabile-errore--166813.html
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=958327
http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/2016/02/09/ASwoErVB-peschereccio_trattato_marittimi.shtml
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/02/20/confini-marittimi-italia-francia-il-nuovo-accordo-lascia-a-parigi-le-zone-piu-pescose/2481346/

Renzi è petaloso



Da ignorante qual sono - e, credetemi, lo sono davvero - vorrei dire come la penso sull'argomento del giorno: la parola "petaloso", che il bambino-inventore ha coniato per dire che le margherite sono fiori "aventi tanti petali" rispetto, per esempio, al papavero che ne ha di meno. Allo stesso modo, perciò, si potrebbe dire che il papavero è "papaveroso" rispetto, chessò, al Trillium ovatum dell'Alberta che ha meno petali del papavero (infatti ne ha solo tre). E, da ignorante, chiedo umilmente anche il vostro Spett. parere, che accetterò di buon grado.
La risposta dell'Accademia della Crusca "che una parola, per essere inserita in un dizionario, dev'essere usata e conosciuta da molti..." ("parolosa"?) secondo me è giusta. A parer mio, tuttavia, non mi sembrano corretti gli esempi che più avanti sono stati riportati: "coraggio + oso" = coraggioso (cioè che ha [tanto] coraggio, e "pelo + oso" = peloso (che ha tanti peli). Perché, se vogliamo essere pignoli (o "pignolosi"), se "peloso" vuol sì dire che ha tanti peli, "coraggioso" non vuol dire che ha tanto coraggio, ma solo che ha coraggio. Sottilizzando, posso dire che "io sono più coraggioso di Ugo" e "io sono più peloso di Ugo" (comparativi di maggioranza, dove "coraggioso" e "peloso" sono aggettivi), ma non che "io sono coraggioso di Ugo", o "io sono peloso di Ugo", che non vuol dire nulla. Di contro, invece, posso dire che "io ho più coraggio di Ugo" e che "io ho più peli di Ugo". Di questo passo, tornando a "petaloso", potremmo allora dire che viviamo in un Paese "partitoso" (cioè che ha tanti partiti); che io sono un illustratore "disegnoso" perché disegno più del ragioniere del piano di sopra; che la questione dei migranti può essere considerata "drammosa" rispetto agli esodati, perché le tragedie umane che la migrazione si trascina dietro sono probabilmente più gravi di quelle degli esodati. L'invasione dei neologismi!
L'altra mattina, uscito presto in bicicletta senza far colazione, verso le 10 mi è venuta una fame terribile. Così mi sono fermato in un bar del Corso e al barista ho chiesto un "tramezzo". L'uomo mi ha guardato per un attimo con un cipiglio da far paura, e poi mi ha detto: "Che fai, pigli per il culo?" Io gli ho pazientemente spiegato che in quel momento un "tramezzino" non mi avrebbe assolutamente saziato, e per questo avrei desiderato qualcosa di più sostanzioso: un "tramezzo", appunto. Ma non mi ha capito lo stesso. 

Ora, se il "tramezzo" è una struttura muraria verticale non portante che ha lo scopo di separare gli ambienti interni, il "tramezzino" cos'è: un muro più piccolo che divide due... ambientini
Ciò detto, per non diventare, oltre ad essere ignorante, anche... "palloso", i neologismi siano benvenuti - soprattutto in una lingua come la nostra che è in continua evoluzione - ma ritengo che vadano presi "cum grano salis". Altrimenti potrebbe accadere che, qui in Sardegna, qualcuno li prenda "cum grano floris, murgia, melis, tedde, porcu... e così via!
E poi, visto che "petaloso" l'ha usato anche Renzi per descrivere i suoi futuri progetti, sono sicuro che presto il Parlamento discuterà se inserire o no per decreto questa parola nei dizionari. E se le cose dovessero andar per le lunghe si potrà sempre votare la fiducia. 

Non è forse, il nostro, un Parlamento... "fiducioso"

Solandra maxima


Questi bei fioroni (la politica non c'entra...) gialli appartengono alla Solandra maxima: una grossa pianta rampicante tropicale della famiglia delle Solanacee, originaria degli altopiani del Messico e dell'America Centrale, che adorna molti giardini delle zone mediterranee vicine al mare, e quindi vicino a casa mia. Fotografata per voi proprio stamattina mentre andavo a prendere il pane! 
E' un sempreverde con grandi foglie ellittiche dal verde colore brillante e con fiori a forma di campana di colore giallo dorato, con striature rossastro-violaceo scuro che dal fondo del calice attraversano l'intera corolla. 




Governo e sicurezza



Iniziamo con la legge 28 dicembre 2015, n. 208 "Disposizioni per la formazione del  bilancio annuale e pluriennale dello Stato", altrimenti detta Legge di Stabiltà 2016, approvata in Senato e pubblicata nella GU n.302 del 30-12-2015 - Suppl. Ordinario n. 70 e vigente al 1-1-2016. Le cui "appena" 189 paginette potrete comodamente leggere (e scaricare) qui, sempre che abbiate sufficiente dimestichezza con articoli, commi, periodi, lettere, capoversi, richiami vari e  modificazioni.
fonti:
http://www.pmi.it/wp-content/uploads/2016/01/208-2015-legge-di-Stabilita%CC%80-2016.pdf
http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/testi/46119_testi.htm
http://www.firstonline.info/a/2015/12/22/legge-di-stabilita-2016-tutte-le-novita-punto-per-/066db4cc-7641-4eaa-a90f-25974bf92ebc

Per il "comparto sicurezza", infine, non mi pare che tra gli interessati dei provvedimenti messi a punto dal governo la soddisfazione stia raggiungendo i massimi livelli. E, stando così le cose, le conseguenze potrebbero ricadere anche sulle spalle dei cittadini. I quali hanno sì le spalle larghe ma ormai anche le palle a terra.
fonti:
http://www.businessonline.it/news/41288/bonus-80-euro-forze-dellordine-polizia-militari-esercito-2016-tutte-le-misure-ufficiali-come-funziona-per-chi-quando-e-come.html
http://quifinanza.it/soldi/bonus-80-euro-polizia-a-chi-spetta-e-come-verra-erogato/55585/
http://www.belvederenews.net/renzi-e-alfano-pugnalano-le-spalle-dei-poliziotti-aumento-di-9-euro-al-mese-e-80-euro-a-nero-per-un-anno-il-coisp-ancora-pugnalate-questo-e-il-ringrazi/ 

http://www.sindacatosupu.it/2015/12/03/supu-questo-cialtrone-continua-a-prendere-per-il-culo-le-forze-di-sicurezza-bonus-80-euro-non-conteggiato-ai-fini-della-pensione-durera-solo-un-anno/
http://www.sindacatosupu.it/2016/02/21/pensioni-militari-supu-polizia-carabinieri-aumento-beffa-35-euro-al-mesepolizia-carabinieri-aumento-beffa-35-euro-al-mese-contratti-bloccati-dal-2009-e-quando-arrivano-i-soldi-per-il-rinn/ 

Il Bianco e il Nero


Ritenendo immodestamente di possedere una bellissima famiglia formata, nell'ordine, da una moglie e da due meravigliosi figli, avendo trovato un paio di foto che la ritraggono - la famiglia -, non ho saputo resistere. Anche perché, e questa volta me lo dico da solo, le foto mi sono venute proprio bene!






Nuvole


Sempre l'altra mattina, mentre stavo pedalando allegramente per le vie dell'Isola a bordo del fedele Aquilante, m'imbattei nel nero orror del procelloso cielo, con tanti tuoni e tanto ardor di lampi che par che 'l ciel si spezzi e tutto avvampi (avrebbe detto il Renzi citando qualcuno a caso), e lo fotografai.


Poi, vòlto altrove il guardo attònito, mentr'io stava mirando se vedea venir qualcuno in per la via, m'accorsi d'un che d'imponente corrermi vertiginosamente incontro sicché l'audacia se ne fuggì via. 
Che fu? mi dimandai, e affrettando lo pede di buon trotto mi volsi indietro a rimirar lo passo, mentre 'l percosso cor trassi dal petto. Come vento di maestro 'l ciel flagella e l'acre odor dalla palude esala, uscito fuor dal pelago alla riva s'estesero le nubi e...

     
... guatando in alto, già vestita da' raggi dell'Astro che mena dritto altrui per ogni calle, vidi la Terra mia sì chiara e netta. Il luogo dilettevole e giocondo tanto vicino a me come donzella che alla magion le mie notizie aspetta, mi fe' pigiar di più la pedivella.
Ma guarda un po' che mi tocca vedere prima di tornare a casa!  
   

Cagliari Molentargius



Poi, rientrando verso Cagliari ho visto questa bella masseria. Così, dato che oltre alla fotocamera mi ero portato dietro l'album degli schizzi, ho buttato giù velocemente un abbozzo con la matita grassa con l'intenzione di trasformarlo in acquerello al mio rientro. Ecco quello che ho realizzato, anche se non sono pienamente soddisfatto del risultato finale. Chissà perché, ma alla fine manca sempre qualcosa...

  

Cagliari, Molentargius e fenicotteri



Il tempo, ahimè, si sta guastando anche qui. Piove, governo come vi pare! E se da una parte tutti stavamo aspettando la pioggia quasi quanto la cancellazione della legge Fornero e la convalida delle perequazioni delle pensioni, dall'altra il brutto tempo - e le giornate corte - non invogliano certo a uscire. Tuttavia, piuttosto che chiudersi in casa e girarsi i pollici per delle ore, pur di prendere una sana boccata d'aria sono disposto anche a farmi una doccia fuori programma. Ed è ciò che ho fatto in questi due giorni, cercando di passare tra una nuvola a l'altra a cavalcioni del mio fedele biciclo e fermandomi di tanto in tanto a scattare le solite foto. 

  


Stamani, per esempio, ho avuto davvero fortuna perché sono riuscito ad arrivare a casa prima che mi piovesse addosso tutto il piovibile che il cielo minacciava di scaricare!






Così si presentava il Poetto (per il pubblico "estero", ricordo che è la bellissima spiaggiona di Cagliari) l'altra sera, più o meno verso le 17 o mezzogiorno. 
E siccome avevo ancora del tempo a disposizione, ho proseguito verso Quartu dove ho trovato alcuni fenicotteri che "brucavano" indomiti nello stagno - come faranno a non avere i reumatismi, mi chiedo ogni volta quando li osservo -, sempre in posa come perfetti modelli quasi sapessero che di lì a poco sarei passato io con la mia fotocamera.





Ora vi saluto perché la cena è pronta: risotto, con un sughetto di verdurine passate in padella che ho già l'acquolina in bocca! E per un pensionato come me, cosa si può desiderare di più?
Alla prossima, e grazie per le visite delle quali mi onorerete!

 

San Valentino



Buon San Valentino a tutti gli innamorati. E se la vostra amata vi chiede dei fiori, date retta a me... compratele una scatola di cioccolatini!

Professionisti



Questa - secondo me bellissima, e che dice tutto -, purtroppo non è mia. L'ho trovata su Internet l'altra sera, e mi ha talmente colpito per la raffinata intelligenza che non ho potuto fare a meno di farvela vedere. Tra l'altro, visto che un titolo non ce l'aveva, ho pensato d'intitolare il post: "Professionisti".
Naturalmente, se il proprietario dell'immagine non è d'accordo, sia per il nome che le ho dato perché non gli piace, sia per il fatto che io l'abbia pubblicata, è sufficiente che me lo faccia sapere e la rimuoverò subito.
Intanto lo ringrazio e gli rinnovo i miei più sinceri complimenti! 

Legittima difesa



Cari gonzi e sympatizzanti dell'ispettore Callaghan, ricordatevi che nel caso foste attinti da un ladr… un delinq… un farab…, insomma, da un diversamente onesto che nottetempo si fosse introdotto all'interno della vostra proprietà, prima di reagire sparandogli direttamente in bocca con la vostra Magnum 757 legalmente detenuta nel calzino della gamba sinistra (siete mancino), vi dovrete innanzitutto assicurare di quale tipo di arnese atto ad offendere possegga e che il pericolo sia incombente e non già incombuto, o viceversa futuro o putativo nel caso in cui la valutazione erronea di un'imminenza dell'offesa non origini da una mera percezione soggettiva, peraltro disgiunta da concreti presupposti che vi sia in atto un reale pericolo di aggressione, come stabilito dal primo e dal secondo comma dell'art. 6524/25, rigo 5, paragrafo 3, abrogato con il Rdl 2 dicembre 1936, la difesa dovrà essere pari all'offesa. In pratica, se il ladril delinqil farab, insomma, il richiedente con petulanza i beni altrui vi gridasse: "Tira subito fuori la grana, brutto figlio di una zoccola!" non gli potete assolutamente sparare, né tantomeno malmenarlo sul cranio con la mazza "ferrata" legalmente detenuta nella tasca posteriore del pigiama, bensì al massimo, esagerando, potreste ribattere con un: "Non ti do un cazzo, e levati subito dalle palle sennò chiamo mio fratello, quello grosso!" 
La stessa legge si applica nel caso in cui il malandril bisognoso si trovasse nelle immediate vicinanze della vostra porta d'ingresso, col trapano in una mano e il piede di porco nell'altra ma con una gamba già fuori di almeno 35 centimetri. 
E levatevi anche dalla testa l'idea di far intervenire il vostro fido ma determinatissimo Pincher nano da attacco, altrimenti, come si dice in certi casi, "vi siete ripuliti il canalone"... e giocata la casa! 

fonti:
http://www.panorama.it/news/cronaca/legittima-difesa/ 
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/vescovo-benedice-legittima-difesa-1222379.html 
http://www.grossetonotizie.com/gianni-trilli-candidato-movimento-5-stelle-grosseto-su-bruno-poeti/ 
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergamo-magrebino-tenta-1220014.html

Maternità surrogata



Molti si stanno chiedendo cosa sarà questa "maternità surrogata". E agli amici che numerosi mi scrivono per avere delucidazioni in merito, rispondo che è un po' come andare in pizzeria e chiedere se ti cuociono la "margherita" che ha preparato tua moglie...
La cosa, meglio conosciuta anche come "infornata assistita", che a prima vista potrebbe apparire semplice, è invece più complessa a seconda delle necessità. Per esempio, se la "margherita" la vuoi con la mozzarella di bufala e l'origano oppure senza; o se invece si preferisce il forno a legna rispetto a quello elettrico e se gli ingredienti di base li fornisci tu oppure un donatore.
Quindi, cari Amiche e care Amici che mi scrivete, per prima cosa bisogna trovare una pizzeria che sia d'accordo a esaudire simili richieste; poi, dopo che vostra moglie - o marito, o tutt'e due - ha preparato la pizza (anche se non "in vitro", perché di solito s'impianta "in teglia"), la dovete portare dalla "cuocitrice" che la inforna e che deve assisterla fino al termine della cottura. Infine, una volta sfornata, si devono espletare le procedure fiscali previste (pagamento alla cassa, scontrino o ricevuta fiscale, ecc. ecc.) che comprovino il riconoscimento formale della pizzeria nella quale l'infornata è avvenuta, e anche quelle legali a seconda del sistema giuridico in vigore.
Di solito, per simili operazioni ci si rivolge a ristoratori specializzati nelle "infornate di sostegno" o, appunto, "assistite",  con istruttori certificati che abbiano alle spalle anni di esperienza. 
Buon appetito! 

Cagliari saline



Cari Amici, ieri ho provato a dipingere questo acquerello utilizzando una nuova tecnica. Il soggetto, trito e ritrito, è il solito panorama di Cagliari visto dai canneti delle saline salate, al tramonto, ma questa volta con una variante in più. Ora, ferme restando le "materie prime", che sono la carta, l'acqua, i pennelli, le matite e gli acquerelli... mi chiederete cos'altro manca, visto che ho elencato già tutto l'occorrente. Infatti, non è tutto: manca ancora qualcosa. E ve lo dimostro...



L'avete riconosciuta quella "cosa" rossa che è nel piattino? No? Orbene, quella cosa rossa è una... rapa! Ma se da una rapa, come dice l'adagio, non si può cavare il sangue, si può sempre ottenere un bel colore garanza-rosa-acceso per il vostro Spett. "cielo al tramonto" (non certamente il mio, ché è venuto uno schifo). Naturalmente, bisogna provare... provare... provare... provareprovareprovare... 
E non è detto che provando... provando... provandoprovandoprovando, il risultato sia per forza quello che si voleva ottenere. Comunque, reperire il "materiale" è semplicissimo: si comprano le rape (già bollite), e prima di mangiarle tutte insieme alle patate lesse se ne taglia un pezzetto e si mette a mollo in un piattino con un po' d'acqua. Ogni tanto si controlla per vedere la quantità di colore che ha rilasciato, e quando riteniamo che ci vada bene per il nostro esperimento lo si utilizza come un normalissimo acquerello, aggiungendo più o meno acqua secondo necessità.
Provare per credere! Non lasciatelo per troppo tempo, altrimenti dopo puzza...

Family Day


Eh sì, cari Amici, il tempo sta davvero cambiando: non piove più, fa un caldo strano, il vento è sparito - e pensare che in Sardegna è sempre stato di casa! -, stanno fiorendo le mimose (e per non trovarle già secche dovranno anticipare la Festa della Donna)... insomma, se continuiamo così tra un po' mangeremo anche le ciliegie! E di queste variazioni meteorologiche, ahimè, mi sono accorto ieri pomeriggio durante una delle mie consuete passeggiate nel Parco vicino a Cagliari. Me ne stavo andando bel bello per i fatti miei, fotografando qua e là come è mia abitudine, quando a un certo punto ho guardato il cielo. E allora? mi direte voi, dov'è la novità? Tutti guardano il cielo. Che c'è di strano? Sì, è vero, ma quello che ho visto in cielo quel pomeriggio non lo avevo mai visto prima! 
Avrei voluto raccontarvelo ieri, al mio ritorno, mettendo anche le foto, ma sinceramente m'è mancato il coraggio. E se poi qualcuno si mette paura? ho pensato. Se, per colpa di queste foto, l'Europa non dovesse più approvare la Legge di Stabilità del governo Renzi? Oppure se il ddl Cirinnà non dovesse passare? E infine se al Family Day, invece che 20 milioni, le persone intervenute fossero state poco più di centomila? In effetti, la responsabilità era grande. Così ci ho riflettuto tutta la notte - che porta consiglio - e alla fine stasera mi sono deciso: le metto, e morta lì! Perciò, eccole qua!


Non appena l'ho visto, quel grande buco in mezzo al vortice, mi è subito venuto in mente il buco nell'ozono. Stai a vedere che è proprio così, mi son detto. Ne parlano tutti, del buco, e poi nessuno che si prenda la briga di fotografarlo. E poi dicono che dovrebbe essere visibile, anche se non a occhio nudo, solo a latitudini tropicali e soprattutto in primavera. E qui non siamo di certo ai tropici, per Giove! Ma il dubbio me l'ha fatto venire la primavera. Perché se consideriamo le variazioni climatiche e tutte le stranezze meteorologiche alle quali stiamo assistendo - compresa la fioritura delle mimose e l'anticipata Festa della Donna -, allora è assai probabile che il fenomeno possa essere riconducibile a qualche perturbazione molecolare causata da composti clorurati, ossidi di azoto e bromurati prodotti dall'attività antropica in costante aumento. In effetti, pensandoci bene, i clorofluorocarburi utilizzati come refrigeranti nei frigoriferi, ma anche nei condizionatori - piuttosto attivi in questo periodo dell'anno -, potrebbero essere benissimo tra le cause che lo hanno determinato.
Così, mentre cogitabondo ripassavo tra me e me queste basilari regole di meteochimica da tempo relegate nel cassetto più profondo del mio intelletto e archiviato momentaneamente il "buco", ho continuato la mia passeggiata. 
A un certo punto, avevo appena superato di pochi metri un boschetto di lentischi e quercette nane quando, sbucando in una radura erbosa sul cui sfondo svettava in tutta la sua bellezza la città di Cagliari, un nuovo, ma questa volta ancor più terrificante fenomeno mi è apparso dinnanzi agli occhi. Il vortice, che prima era contenuto all'interno di certi limiti, ora s'era esteso per tutto il cielo - per fortuna risparmiando la Città -, mentre la radura di fronte a me improvvisamente ha cominciato a venirmi incontro a folle velocità pronta ad inghiottirmi! Terrorizzato da tal visione, prima di darmi alla fuga in cerca d'un riparo ho fatto appena in tempo a scattare le foto che vi mostro, e poi via come il vento!





Mi sono ricordato che nei pressi di quella radura c'è un casotto di legno, un tempo forse adibito ad attività didattico-scientifiche ma purtroppo ormai diroccato dall'incuria e dall'inciviltà dell'Uomo, e lì, accovacciandomi in un angolo e facendomi piccolo piccolo, ho cercato rifugio.



Come per incanto, dopo pochi minuti che mi sono sembrati un'eternità tutto è cessato ed è tornata la calma. Mentre facevo timidamente capolino da dietro i legnami sconnessi, una strana sensazione di quiete totale per un po' ha avvolto il vuoto in cui improvvisamente ero stato precipitato dagli eventi. 
Ero ancora vivo! Angosciato, ma vivo. E se permettete per il sottoscritto è ciò che in quel momento ha contato di più. E questa è la prima e ultima volta che mi bevo sei grappini tutti d'un fiato prima di uscire nel Parco!
  


Identificazione migranti

Renzi in Senegal



Eccolo qua, l'indefettibile prémàmprémìsprévòsMinèstrMonìstMénìstritalònitalìstr…, insomma, primo Ministro italiano, questa volta alle prese col Francese, lingua che padroneggia comàn se niént anfùss, mentre parla all'Università di Dakar di immigrazione, terrorismo e di Ventotène, "petit ville", e di "chel grand'homme de Altiero Spinelli". Rien ne va plus.
fonti:
http://video.corriere.it/renzi-lingue-straniere-senegal-si-lancia-un-intervento-francese/9f6f90fa-ca77-11e5-a089-b5567fb53351 

Insomma, il Nostro finora è stato in Mozambico, Congo, Angola, Etiopia e Kenya. Ora è andato in Nigeria, Ghana e Senegal. E a Rosarno, quando ci va? L'Africa, se proprio voleva vederla, è anche lì.
fonte:
https://www.facebook.com/207215176017122/videos/976021462469819/?permPage=1 
http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/2/2/ROSARNO-La-rivolta-degli-immigrati-sei-anni-dopo-tutto-come-prima-Le-Iene-oggi-2-febbraio-2016-/675645/

E anche l'onorevole Scilipoti, in quanto a lingue straniere non resta certo indietro...
fonti:
http://www.msn.com/it-it/video/guarda/scilipoti-e-linglese-figuraccia-in-senato/vp-BBp764T
http://video.corriere.it/scilipoti-stepchild-association-prove-pronuncia-il-senatore-risate-aula/2808211c-ca8b-11e5-a089-b5567fb53351

Legge antifumo


Per chi non lo sapesse, da oggi è in vigore la nuova legge contro il fumo, che introduce regole molto più severe per tutti e che mira a tutelare soprattutto i più giovani. Il fumo, e quindi il tabacco, lo sappiamo tutti, sono dannosi e sono causa di molti decessi, perciò il Ministero della Salute con le nuove misure introdotte ora estende il divieto, da alcuni anni già esistente per i luoghi pubblici chiusi, anche all'aperto. Così da oggi in poi sarà proibito fumare nelle immediate vicinanze di ospedali, scuole e strutture pediatriche, ma addirittura anche all'interno della propria vettura, in marcia o durante la sosta e col motore spento, se in presenza di donne in gravidanza e minori (da cui il famoso detto: "Donne e minori, gioie e dolori"). 
E d'ora in poi sarà pure vietato gettare i mozziconi per terra. Mi sembra giusto, perché vedere strade, piazze e marciapiedi tappezzati di cicche non è certo un bello spettacolo. In tutto questo, però, mi meraviglia il fatto che lo stesso metro non venga usato nei confronti degli alcolici. 


Perché se io mi fumo due pacchetti di sigarette e poi guido la macchina, al massimo faccio del male a me stesso (e se le cicche, anziché buttarle dal finestrino, le spengo nel portacenere, tutt'al più mi sporco la macchina); ma se mi bevo otto birre, o mi scolo una bottiglia di liquore e magari ci aggiungo un paio di "canne", e poi mi metto a guidare, aumenterò di molto le probabilità di finire all'ospedale, con la variante del cimitero o della sedia a rotelle. E a questo punto, pazienza se ci finisco da solo. Il guaio è che molto spesso mi trascino dietro anche chi con le mie intemperanze non c'entra nulla. 


E qui mi è d'obbligo fare una digressione sintattico-grammaticale sul verbo "entrare" (preceduto dalla particella pronominale "ci", che a seconda della frase può avere anche valore di avverbio),  e su "centrare" (che vuol dire semplicemente "fare centro"). Mi capita spesso, infatti, di sentire - ma soprattutto di leggere nei commenti sui social - molti giovani che usano questo verbo a sproposito: "Carlo mi ha detto di non "centrare" per nulla con quello che è successo"... La forma corretta è: "Carlo mi ha detto che lui non c'entra per nulla con..."; oppure, orrore! "Accidenti, che mira! Hai c'entrato la macchina in pieno dalla parte del guidatore!"
Ma tornando al fumo, e ai mozziconi gettati per strada, perché non parliamo anche di tutte le bottiglie di birra, o di plastica, abbandonate dovunque? C'è forse differenza tra una strada invasa dalle cicche di sigarette e una piena di bottiglie abbandonate? 

E della droga in generale, ne vogliamo parlare?


Infine, a proposito delle scritte sui pacchetti di sigarette che verranno tra un po' sostituite da immagini scioccanti di polmoni marci, di laringi incancrenite e bronchi asfaltati (a proposito, a me il fumo nuoce alle emorroidi: vi mando una foto?), perché non cominciate a mettere sull'etichette delle bottiglie di alcolici le foto di qualche incidente stradale e di qualche morto per terra?
Non sarebbe mica una brutta idea... 

Aggiunto in data 4 febbraio

Siccome la legge che obbliga a informare chi fuma dei rischi che corre fumando è stata introdotta nel 1991, chi ha iniziato a fumare prima e si è ammalato - e quindi non era stato informato in tempo dei danni provocati dal fumo - deve essere risarcito. Lo ha sentenziato un tribunale italiano, che ha citato in giudizio un'azienda del settore condannandola al risarcimento dei danni per l'avvenuta morte di un fumatore. Da sottolineare che l'uomo, nel corso della sua "carriera" di tabagista, a conti fatti si sarebbe fumato all'incirca una milionata di sigarette. 
A questo punto, nel caso di morte per incidente stradale causato dall'alcol, verrebbe da chiedersi quando un tribunale si deciderà a condannare lo Stato per non avere preventivamente avvisato gli "utenti della bottiglia" inserendo sull'etichette, come per le sigarette, gli stessi espliciti avvisi di rischio.
fonte:
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/fumatore-muore-cancro-milione-ai-familiari-1040722.html

COSTI SOCIALI ANNUI INCIDENTI STRADALI

fonte:
http://www.autoblog.it/post/126675/aci-gli-incidenti-stradali-degli-immigrati-costano-42-miliardi-di-euro-allanno-servono-corsi-di-guida-sicura-obbligatori

INCIDENTI STRADALI E ASSICURAZIONI
Prima viene rimborsato l'Ente previdenziale, poi la vittima...

fonte:
http://www.studiolegalebuonomo.it/2013/12/la-compagnia-di-assicurazione-e-tenuta.html 

Infine, a proposito di leggi e loro interpretazioni, anche se col fumo e l'alcol c'entra poco, aggiungo questa notizia
fonte:
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergamo-magrebino-tenta-1220014.html
http://www.ecodibergamo.it/stories/bassa-bergamasca/entra-in-casa-altrui-il-cane-lo-azzannae-lui-che-fa-chiede-anche-i-danni_1164678_11/