Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Risse e Tv



Duelli tra Italia e Germania, e con l'Europa, manovre correttive alla legge di stabilità (ovvero nuove tasse), polemiche sulle emissioni inquinanti delle auto, tra l'altro anche con l'America di Trump... insomma, prima o poi ci presenteranno il conto. Tutti auspicano un'Europa più unita, ma si limitano ad auspicare, e nel frattempo di arrosti sul fuoco ce ne sono tanti ma nessuno sa chi alla fine si siederà a tavola e si riempirà la pancia. Così stamani, ascoltando a letto le ultime, tragiche notizie dalla mia radiolina a tamburo detenuta illegalmente sul comodino, incazzato per il freddo che ci attanaglia dalla pianura alla boscaglia, ho deciso che mi sarei alzato. Terminate le abluzioni con l'acqua fredda dei tubi idraulici casalinghi disperati, fatti gli esercizi di strack... di stich... di streck... insomma di quella cosa che inizia così e finisce per "ing" che significa stiramento muscolare e aspettando i soccorsi che non arrivavano perché mi ero incastrato tra il tavolo e il tappetino, dopo una colazione saccomanna a base di fusilli ai mirtilli e anguille alle sette faville sono uscito a fare le solite commissioni: pane e sigarette. Escluso il giornale, perché odio la quotidianità. Naturalmente, come sempre avviene quando mi decido a uscire, appena messo il naso fuori di casa ha iniziato a piovere. E così, temendo un'improvvisa inondazione, sono rientrato subito. "Vediamo un po' di che cosa si urla oggi", mi son detto accendendo il mezzo di comunicazione di massa multicanale che teniamo nascosto con le pentole in cucina perché ci vergognamo di far vedere che l'abbiamo comprato e sintonizzandolo su un canale a caso. In uno di questi, oibò, le solite facce (dormiranno in studio?) discettavano, naturalmente urlandosi addosso, sull'odio che imperversa sui social e come fermarlo. Odiandosi e chiedendosi pure il perché di tanto odio, e interrompendosi, per farci così credere che anche chi interrompe ha il suo punto di vista. Parola d'ordine: "dar sulla voce dell'interlocutore e buttarla in caciara!" 
"I soldi per le banche li hanno trovati subito! Quelli per i poveracci che devono dormire al freddo tra le macerie invece no!", urlava in studio uno scuotendo la testa.
"A noi è toccato gestire un'emergenza epocale che non ha precedenti!", gli faceva eco un altro scuotendo la testa del vicino di sedia; "Per... one... chessia... arà... oglio... atico... granti... ioni... rrani... mentalizzi!", strillavano altri tre, sovrapponendosi in collegamento vivace da esterno. E anche cambiando canale la musica è sempre quella: si urla.
"Dovevate togliere le Province, e invece sono sempre lì!", strillava uno da Roma. "L'Europa e gli eurocrati ci hanno ridotto sul lastrico e la globalizzazione è una fregatura. Per giunta, nevica forte e anche la terra trema!", gridava un altro da un quartiere di quel paese dove l'avevano mandato gli elettori. "Sapp... orto... ame... vità... tori... lancio... osse... zione... indaci... allerta!", si sbraitavano addosso tutti insieme in un crescendo sonoro in bilico tra l'espressione di forza e l'arroganza del potere liberalfinanziario del Grande Persuasore Globale.
Alla fine, stanco e demoralizzato, ho buttato il televisore dalla finestra e ho convinto la mia Signora a fare un giro al mercato del pesce di Cagliari. Dove ci siamo comprati due aragoste per pranzo.


fonti:
http://www.ilgiornale.it/video/politica/rissa-diretta-ferrara-e-travaglio-1039013.html
http://www.video.mediaset.it/video/quinta_colonna/clip/prestito-vitalizio-ipotecario_657414.html
http://video.repubblica.it/politica/rissa-sfiorata-in-tv-gasparri-a-telese--sei-un-cretino-disintossicati/233401/232991
http://www.video.mediaset.it/video/quinta_colonna/clip/cito-rivuole-il-vitalizio_659709.html
http://www.video.mediaset.it/video/quinta_colonna/clip/ficarolo-l-albergatore-dice-la-verita_661928.html


2 commenti:

Flo ha detto...

Buona l'aragosta slurp!

Cecco Dotti ha detto...

E' vero! Bollita, e poi condita con il sughetto ricavato, se ricordo bene, dalle sue uova mischiate con olio, aceto, limone e un po' di pepe...
Me la cucinava benissimo mia suocera. Peccato che la mettono in pentola quando è ancora viva (l'aragosta, non mia suocera). Poveraccia... l'aragosta :( :(
Costa un po' cara, ma una volta all'anno la può mangiare anche un pensionato!
Ciao, buona notte e felice domenica!