Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Emergenza immigrazione



Tempo fa avevo tentato di spiegare che i confini dell'Europa non sono quelli tra i Paesi che fanno parte di questa  "sciagurata" unione - se resta tale - e il nostro. No. Perché i confini dell'Europa sono anche quelli di tre penisole, che appartengono sempre all'Europa, e che sono Spagna, Italia e Balcani (con la Grecia), separate dall'Africa dal Mar Mediterraneo. A meno che l'Unione Europea non voglia stravolgere anche la geografia...
Falliti in molti casi i progetti d'integrazione, del multiculturalismo e altre baggianate delle quali la politica, nazionale ed estera, si riempie la bocca da tempo, ora sta cominciando a fare acqua anche la solidarietà. Così, dato che l'UE, oltre a considerarci degli "eroi" a chiacchiere, in pratica di noi se ne fotte allegramente, si pensa di rimediare all'invasione infinita bloccando i porti italiani alle navi delle Ong. Così ho provato a immaginare cosa potrebbe succedere se si adottasse questa soluzione minacciata a Bruxelles. Mettiamo il caso che una di queste navi abbia raccolto 100 migranti che stavano per colare a picco, che fa: li porta direttamente a Pozzallo o a Lampedusa? Non dovrebbe comunicare preventivamente via-radio con qualcuno che poi stabilisce dove andranno scaricati? Ma se i porti sono bloccati, dove va: resta al largo andando su e giù per il Mediterraneo? Tra l'altro, nel Codice della navigazione esiste quello che viene chiamato "Stato di bandiera", ovvero il criterio di collegamento tra la nave e lo Stato del quale la stessa nave - compreso l'equipaggio e chi si trova a bordo - assume sovranità territoriale. E poi c'è i
l Trattato di Dublino, che in sostanza dice che "i richiedenti asilo hanno il diritto di rimanere nel primo Paese di arrivo, e la domanda di asilo deve essere presentata allo Stato dove il richiedente ha fatto ingresso". In questo caso la nave che lo ha raccolto.
fonti:
https://www.internazionale.it/notizie/2015/04/21/tratto-dublino-richiedenti-asilo-europa
https://www.tesionline.it/v2/appunto-sub.jsp?p=11&id=843
https://it.wikipedia.org/wiki/Stato_di_bandiera

In pratica, se per esempio la nave batte bandiera francese chi è a bordo è soggetto alla sovranità della Francia, e i migranti li devi scaricare in Francia e non in Italia. Punto.
Ne avevo già parlato alcuni mesi fa, con dovizia di leggi e di particolari:
http://www.ceccodottipuntocom.com/2015/06/migranti-e-leggi.html

Ma si vede che è sfuggito a qualcuno... 😨😨😨

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco bella vignetta, un po crudele, ma in fondo del tutto reale.
Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Ciao carissimo Tomaso, grazie per la visita!
A volte le vignette, nella loro intenzione di castigare i costumi, possono apparire irriverenti e anche un po'... "cattivelle". Ma la Satira è proprio questo che fa, altrimenti sarebbe solo merce per i giullari di corte.
Un forte abbraccio e buon fine settimana, sempre sorridendo!
Francesco