Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Multinazionali e migrazioni


Migrantes per l'Europa

fonti:

Perciò se oltre alle immagini di bambini piangenti e denutriti, con gli occhi pieni di mosche, ci facessero vedere anche le facce di quelli che li hanno ridotti così credo che sarebbe meglio.
E mi riferisco ai capi delle numerose multinazionali e delle lobby sparse per il mondo, che di questa situazione sono i principali responsabili perché foraggiano con armi e aiuti "pelosi", fomentando conflitti e guerre, corrotti capi di governo di quei Paesi che poi vanno a sfruttare. Almeno sapremmo contro chi indirizzare il nostro sdegno.


fonti:
http://it.peacereporter.net/conflitti/paese/124
http://it.peacereporter.net/articolo/27344/Gambella%2C+Etiopia%3A+nel+cuore+del+land+grabbing
https://ilmultipolare.wordpress.com/2017/03/03/contenuti-in-evidenza-2/
http://contropiano.org/documenti/2015/07/23/la-franciafrica-o-l-impero-neocoloniale-francese-031999
https://www.glistatigenerali.com/africa_geopolitica/macron-tra-speranze-ambientaliste-e-neocolonialismo-in-africa/
http://www.pensalibero.it/superare-limmigrazione-superando-capitalismo-e-neocolonialismo/
https://www.articolo21.org/2018/04/land-grabbing-cosi-multinazionali-e-stati-si-prendono-le-terre-fertili/
http://www.expo2015.org/magazine/it/economia/land-grabbing--il-colonialismo-ai-tempi-della-globalizzazione.html
http://www.repubblica.it/solidarieta/cibo-e-ambiente/2015/04/20/news/tanzania-112423655/


Invece tutto viene ricondotto a livelli di liti condominiali, di guerre tra poveri locali, tra italiani, disoccupati e precari, e gli stranieri. Senza però né vincitori né vinti. Solo divisi. E senza andare veramente al cuore del problema, omettendone ipocritamente le cause profonde.
Perché governare un popolo "diviser pour regnér" (mi pare di sentire le ultime uscite di Macron), fomentando rivalità e discordie, è certamente più facile. Così gli si impedisce di unirsi e di formare un unico fronte di potere capace di opporsi. E a ben vedere è ciò che certa stampa, aiutata da fior di opinion leader e parti dell'opposizione, ipotizza potrebbe accadere tra le forze di maggioranza attualmente al governo.
Spesso con domande del tipo, per fare un esempio: "Ma allora, chi comanda di più: Salvini o Di Maio?"
Ai quali suggerirei di non farsi infinocchiare.

2 commenti:

Cristiana Marzocchi ha detto...

Stanno al passo coi tempi moderni i novelli negrieri
Cristiana

Cecco Dotti ha detto...

Mala tempora currunt... sed peiora parantur! :(
Grazie, un caro saluto e felice settimana,
Francesco