Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Il caso Rubli


Il caso Rubli

Ora spunta un "caso Rubli"...
Addirittura parrebbe con tanto di "registrazioni dettagliate", almeno così leggiamo. Naturalmente non sono nelle condizioni di approfondire ulteriormente tale scoop giornalistico - ci sarà chi lo farà coi dovuti mezzi e nelle sedi opportune -, ma che un'associazione cuturale italo-russa e il suo presidente vengano "osservati" con sospetto dà da pensare. Tanto più per una storia ancora tutta da dimostrare.

Certo è che se l'Associazione è italo-russa, è chiaro che dovrà avere rapporti con qualche russo. Con chi li dovrebbe avere, sennò? Nemmeno fossero in combutta con Bokassa e gemellati con Boko Haram... 😊
D'altro canto la Russia, almeno geograficamente, è pur sempre in Europa. Di sicuro ancor più della Turchia. Ma mentre a quest'ultima abbiamo elargito valanghe di euri - e, pare, anche forniture militari - per la gestione dei rifugiati siriani e arginare l'emergenza migranti, oltre alle promesse di entrare in Europa, alla Russia abbiamo imposto sanzioni che danneggiano la nostra economia. 
Mi si dirà che erano necessarie per i fatti avvenuti in Crimea e in Ucraina (ma non c'era stato un referendum regolarmente riconosciuto?)... 
Ma anche qui i pareri saranno ovviamente discordi e ognuno avrà la propria opinione. E del resto è giusto così.
  
fonti:
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2018/04/04/news/turchia-europa-segreti-accordo-rifugiati-1.320216
https://www.truenumbers.it/turchia/
https://it.sputniknews.com/mondo/201603232330149-turchia-migranti/#ixzz43tqipe7D
https://www.lombardiarussia.org/
https://www.lombardiarussia.org/index.php/associazione/chi-siamo
https://www.lombardiarussia.org/index.php/component/content/frontpage


Migranti e leggi


Oggi, stimolato dalla lettura di un articolo postato su Facebook dal Prof. Augusto Sinagra, docente di Diritto Internazionale e molto altro ancora, ho ripescato un mio vecchio articolo del 19 giugno 2015 sullo "Stato di bandiera", Codice della Navigazione e altre leggi che riguardano l'immigrazione. 
Buona lettura! 😃

fonti:  
https://it-it.facebook.com/nocensura/posts/augusto-sinagra-docente-di-diritto-dellunione-europea-presso-la-sapienza-di-roma/1972136179504132/  
https://web.uniroma1.it/disp/sites/default/files/Sinagra%20-%20CV%20-%20June%2012.pdf 


Mentre per gli Stati responsabili dei movimenti internazionali di persone l'emigrazione rappresenta un fattore di allentamento della pressione demografica e sociale, oltre a quello conseguente dell'arricchimento dovuto alle successive eventuali rimesse finanziarie degli stessi migranti verso il Paese d'origine, non è invece la stessa cosa per lo Stato di destinazione che, dovendo provvedere alla sistemazione dei migranti ed al loro sostentamento, si vede aumentare il gravame sociale ed economico che ne deriva.
Ed è quello che stiamo registrando nelle nostre città e che è sotto gli occhi di tutti. Perciò, in merito a quanto succede in questi giorni, e cioè la "presa di cappello" della Francia per i fatti di Ventimiglia, lo Stato italiano dovrebbe usare lo stesso metro per quei migranti tratti in salvo, per esempio, dalle navi francesi, che una volta presi a bordo li scaricano nei porti italiani. Secondo me, prendendo spunto da alcuni articoli del Codice della Navigazione che parlano di "sovranità degli Stati" e loro giurisdizione, compreso quello "di bandiera" al quale la nave appartiene, se un naufrago viene raccolto
in acque extraterritoriali da una nave francese è come se fosse già in Francia. O in Olanda, nel recente caso della Sea Watch. E siccome viene tirato in ballo il Trattato di Dublino che, semplificando, dice che i richiedenti asilo hanno il diritto di rimanere nel primo Paese di arrivo e la domanda devono presentarla allo Stato dove il richiedente ha fatto ingresso, ragionando "a naso" e prendendo sempre l'esempio della nave francese i naufraghi se li dovrebbe tenere la Francia. O l'Olanda... 😁
fonte:
http://www.internazionale.it/notizie/2015/04/21/tratto-dublino-richiedenti-asilo-europa


Così oggi, che continua a fare un caldo infernale e ho deciso di restare a casa, mi sono volontariamente infilato in un ginepraio di leggi, normative e postille per cercare di capirci qualcosa, col risultato che sono più confuso di prima. Così vi metto tutto quello che ho trovato, e se avrete la pazienza di leggerlo magari capirete più di me. Buona lettura!
 

CODICE DELLA NAVIGAZIONE 
fonte:
http://www.fog.it/legislaz/cn-0001-0014.htm

Art. 2 - Mare territoriale

"Sono soggetti alla sovranità dello Stato i golfi, i seni e le baie, le cui coste fanno parte del territorio della Repubblica, quando la distanza fra i punti estremi dell' apertura del golfo, del seno o della baia non supera le ventiquattro miglia marine. Se tale distanza è superiore a ventiquattro miglia marine, è soggetta alla sovranità dello Stato la porzione del golfo, del seno o della baia compresa entro la linea retta tirata tra i due punti più foranei distanti tra loro ventiquattro miglia marine.

E' soggetta altresì alla sovranità dello Stato la zona di mare dell'estensione di dodici miglia marine lungo le coste continentali ed insulari della Repubblica e lungo le linee rette congiungenti i punti estremi indicati nel comma precedente. Tale estensione su misura dalla linea costiera segnata dalla bassa marea.
Sono salve le diverse disposizioni che siano stabilite per determinati effetti da leggi o regolamenti ovvero da convenzioni internazionali".

Art. 3 - Spazio aereo soggetto alla sovranità dello Stato

"E' soggetto alla sovranità dello Stato lo spazio aereo che sovrasta il territorio della Repubblica ed il relativo mare territoriale".

Art. 4 - Navi e aereomobili italiani in località non soggette alla sovranità di alcuno Stato

"Le navi italiane in alto mare e gli aeromobili italiani in luogo o spazio non soggetto alla sovranità di alcuno Stato sono considerati come territorio italiano".(quindi, per reciprocità, se la nave fosse francese i profughi raccolti al di fuori dello spazio non soggetto a sovranità italiana si troverebbero in territorio francese ndr.)

Art. 12 - Legge regolatrice delle obbligazioni derivanti da urto di navi o di aeromobili

"Le obbligazioni derivanti da urto di navi o di aeromobili in alto mare o in altro luogo o spazio non soggetto alla sovranità di alcuno Stato sono regolate dalla legge nazionale delle navi o degli aeromobili, se è comune; altrimenti dalla legge italiana".

Art. 13 - Legge regolatrice delle obbligazioni derivanti da assistenza, salvataggio e ricupero

"Le obbligazioni derivanti da assistenza, salvataggio e ricupero compiuti in alto mare sono regolate dalla legge nazionale della nave o dell'aeromobile che ha prestato il soccorso o compiuto il ricupero".

La stessa legge regola la ripartizione del compenso per assistenza, salvataggio e ricupero fra l'armatore o l'esercente e l'equipaggio.

Art. 14 - Competenza giurisdizionale

"Oltre che nei casi previsti dall'articolo 4 del codice di procedura civile, le domande riguardanti urto di navi o di aeromobili ovvero assistenza, salvataggio o ricupero in alto mare o in altro luogo o spazio non soggetto alla sovranità di alcuno Stato possono proporsi avanti i giudici della Repubblica, se la nave o l'aeromobile che ha cagionato l'urto o che è stato assistito o salvato, ovvero le persone salvate o le cose salvate o ricuperate si trovano nella Repubblica".
 

Immigrazione e normative marittime
fonte:
http://www.diritto.it/materiali/immigrazione/di_pietro.html  

Stato di bandiera
fonte:
https://it.wikipedia.org/wiki/Stato_di_bandiera

Acque territoriali
fonte:
https://it.wikipedia.org/wiki/Acque_territoriali

Acque internazionali
fonte:
https://it.wikipedia.org/wiki/Acque_internazionali


                   Illustrazione tratta da:
                      https://it.wikipedia.org/wiki/Acque_internazionali

Convenzione di Montego Bay (vedi artt. 92 e 94)
fonti:
http://online.scuola.zanichelli.it/forumdiritto/files/2012/07/convenzione_diritti.pdf

https://it.wikipedia.org/wiki/Convenzione_delle_Nazioni_Unite_sul_diritto_del_mare

Gatto morto


Stamani un conoscente mi ha raccontato un fatto accadutogli un paio di giorni fa, proprio di fronte a casa sua.
«La sai l'ultima? Abbiamo un gatto morto davanti a casa!», mi ha detto.
 
«Poveraccio! E tu chiama l'azienda incaricata della pulizia delle strade e fallo portare via. In Inghilterra fanno così!» 
«Ho chiamato, ma mi hanno risposto che prima avrei dovuto avvisare i Vigili Urbani.» 
«E tu li hai chiamati?» 
«Certo!» 
«E loro?» 
«Mi hanno risposto che avrebbero avvisato l'azienda di pulizia delle strade, nella figura del "Settore specializzato per competenza nella raccolta di carcasse di animali". Tra l'altro è un gatto randagio, non identificabile... altrimenti sarebbe toccato al proprietario rimuoverlo. A spese sue.» 
«E quindi?» 
«Quindi, sono già passati tre giorni ma il gatto è sempre lì. E' gonfio, e puzza di cadavere... poi, col caldo che sta facendo e le finestre aperte, immaginati il tanfo di morto che ci arriva in casa!» 
«Tranquillo. Tu intanto tappati in casa e chiudi bene tutte le finestre! Poi, suda e aspetta: se nel frattempo si scioglie è probabile che lo portino via con... l'umido. 😏 Altrimenti, se non ti vuoi trasferire in Inghilterra, ci sono sempre i topi e i corvi. Per gli sciacalli le iene e gli avvoltoi, a proposito di carogne, se vuoi potrei darti qualche indirizzo... 😊
In ogni caso, anche se paghi fior di quattrini per la Tari tu abbi sempre fiducia nelle risorse di Madre Natura!
» 😁

Gatto morto


Gatto morto

 

Migranti Sea Watch


Migranti Sea Watch

L'assistenza a navi in pericolo e il salvataggio di naufraghi in mezzo ai flutti è obbligatorio se la loro vita è a rischio - vedi art. 1158 del Codice della Navigazione e LEGGE 14 agosto 1974, n.359 sul "Mare territoriale" -, e quindi le persone in pericolo, dietro il coordinamento di MRCC, dovranno essere condotte in luoghi (porti) considerati sicuri. Ma di porti considerati sicuri, almeno lungo la fascia costiera del nord Africa, pare che non ce ne siano.
Un altro problema, questo di carattere giuridico secondo il Codice della Navigazione, potrebbe essere la disobbedienza del comandante della Sea Watch all'alt imposto dalla motovedetta della Guardia di Finanza. Secondo quanto recitano gli artt. 200; 1099 e segg. dello stesso Codice a proposito di "Rifiuto di obbedienza a nave da guerra".

fonti:

https://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:regio.decreto:1942-03-30;327
 https://www.studiocataldi.it/normativa/codice-della-navigazione/artt-179-202.asp
https://www.studiocataldi.it/normativa/codice-della-navigazione/artt-1088-1160.asp

Mentre attendiamo le decisioni della nostra Magistratura, è utile ricordare che in tutto ciò dovrebbe far riflettere il totale disinteresse dell'Europa... 

fonti:
https://www.ilsussidiario.net/news/sea-watch-e-migranti-la-cedu-da-ragione-allitalia-e-smaschera-il-gioco-dellue/1898498/
https://www.wired.it/topic/sea-watch/
https://www.wired.it/attualita/politica/2019/01/28/parlamentari-possono-salire-bordo-sea-watch/
https://dirittointernazionaleincivica.wordpress.com/2017/06/26/la-storica-condanna-dellitalia-il-caso-hirsi/
https://www.wired.it/attualita/politica/2019/06/27/sea-watch-perche-non-andata-olanda-malta/
https://trovalegge.it/codice-navigazione/art-1158-codice-navigazione-omissione-di-assistenza-a-navi-o-persone-in-pericolo
https://www.unhcr.it/risorse/carta-di-roma/fact-checking/ong-salvataggi-mare-11-domande-risposte-chiarezza
https://lospiegone.com/2017/04/25/le-regole-dei-salvataggi-in-mare/
 

Un altro fatto che dovrebbe far riflettere, almeno secondo me, è la raccolta fondi partita a favore della Sea Watch.
E dei terremotati, ne vogliamo parlare?
Eppure anche il Pd ogni tanto lancia l'allarme. Non sarebbe stato meglio devolvere il denaro raccolto, anche se insufficiente, per la ricostruzione? Sarebbe stato un bel gesto...  

fonti:

http://www.affaritaliani.it/roma/sea-watch-battaglia-la-pd-lazio-contro-matteo-salvini-sei-un-finto-capitano-613010.html 
https://www.wired.it/attualita/politica/2019/06/28/raccolta-fondi-sea-watch-matteotti/ 
https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2019/06/27/roma-raccolta-fondi-per-sea-watch-salvini-sbruffone_xo17u6AT86Dw8xre0mXFON.html 
https://it.blastingnews.com/cronaca/2019/06/sea-watch-raccolti-oltre-220mila-euro-su-facebook-per-la-capitana-carola-rackete-002938155.html
http://www.laprovinciadifermo.com/index.php/fermo2/politicafermo/11830-l-allarme-del-pd-comuni-terremotati-dimenticati-dal-governo-va-sbloccata-la-ricostruzione-privata
https://tg24.sky.it/cronaca/2019/03/28/terremoto-centro-italia-2016-.html
https://lab.gedidigital.it/repubblica/2018/cronaca/sms-solidali-terremoto-centroitalia/
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Focus24-I-dimenticati-Viaggio-tra-le-macerie-del-terremoto-22f77fa6-dcd1-4d66-ae75-f7e7b21851ec.html
https://www.youtube.com/watch?v=Gn9ROaqCaQE
http://www.today.it/attualita/terremotati-oggi-roma.html 


Conclusioni: ancora secondo me il Ministro Salvini ha fatto bene a imporsi chiudendo i porti italiani e bloccare l'ingresso della Sea Watch a Lampedusa. Se non altro per dare un segnale di fermezza all'Europa, e far capire ai "parrucconi" di Bruxelles che il problema immigrazione riguarda tutta l'Europa "unita" e non solo l'Italia. Che non deve, e non può, diventare un campo profughi. E il "fascismo", sempre secondo me, con tutto questo non c'entra un fico secco! Comprese le offese gratuite al nostro Ministro dell'Interno...

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena


Certo che andare al mare e dover parcheggiare - pure pagando - in un simile letamaio, ti ravviva la giornata! Succede al Poetto di Quartu Sant'Elena, tra le sterpaglie, i moncherini bruciati dei chioschi abbandonati e l'immondizia scaricata da cialtroni incivili, ma che nessuno raccoglie...

fonti:
https://www.castedduonline.it/al-poetto-di-quartu-nuova-ondata-di-strisce-blu-per-i-parcheggi-cinque-euro-al-giorno-sono-una-rapina/ 
https://www.vistanet.it/cagliari/2019/06/19/quartu-incendio-allalba-in-fiamme-un-chiosco-del-poetto/ 
https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/cagliari/2019/06/19/chiosco-incendiato-al-poetto-l-intervento-dei-vigili-del-fuoco-136-894986.html 

Ecco le immagini da me scattate un paio di giorni fa...

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena

Parcheggi Poetto Quartu Sant'Elena


Pagate... pagate... le "streghe" son tornate! 😞

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena


Greta Thumberg, dove sei??? 👀😠😠😠

Passeggiata del lungomare Poetto, lato Quartu Sant'Elena, estate 2018. Cioè l'anno scorso.

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2018


Stasera ci sono ripassato. A distanza di un anno è forse cambiato qualcosa? A me sembra di no. Anzi, mi pare anche peggio!

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2019

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2019

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2019

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2019

Degrado Poetto Quartu Sant'Elena 2019

C'è per caso qualche responsabile di questo scempio 
che prova un po' di vergogna?...

Migranti Germania


Migranti Germania

La Germania ce li rimanda indietro "sedati"? Bene. E se noi glieli rimandassimo indietro... "purgati"?
Mi piacerebbe vedere la faccia dei tedeschi quando sbarcano in aeroporto!
Tanto per sottolineare che, così com'è stato concepito, questo Trattato di Dublino si sta rivelando una... "cagata pazzesca"! 😊

fonti:
https://www.ilsussidiario.net/news/migranti-dalla-germania-allitalia-le-colpe-di-dublino-e-quelle-del-governo/1895244/
https://www.repubblica.it/politica/2019/06/16/news/germania_migranti_legati_sedati_governo_reazioni-228918213/
https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2019/06/15/news/la_tratta_di_uomini_migranti_legati_e_sedati_sotto_accusa_i_voli_da_berlino-228863373/
https://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/13473769/angela-merkel-germania-immigrati-picchiati-sedati-rispediti-aereo-italia.html
https://www.diegofusaro.com/verita-sconvolgente-la-germania-ci-manda-indietro-migranti-aereo-storditi-sedati/


Concorso navigator

Lezioni di acquerello


Credo che la pittura, anche per i professionisti più esperti e smaliziati, resti pur sempre sperimentazione.
E io, che non mi considero né professionista né tantomeno esperto ma solo annoiato, spesso mi cimento in questi avventurosi procedimenti espressivi.
Tempo fa ricordo che vi avevo parlato di come ottenere leggerissime velature di garanza rosa utilizzando, al posto dei soliti colori, altri... pigmenti naturali.
Allora rammento che lo feci con la buccia del ravanello.



Oggi, in aggiunta al ravanello, ho provato con una fettina di rapa rossa. Ebbene, questi due ortaggi, messi in un piattino con pochissima acqua e sui quali si strofina il pennello bagnato, possono dare, credetemi, effetti sorprendenti!
Ho fatto la prova con questo modestissimo acquerello, che mi pregio di mostrarvi affinché possiate giudicarlo voi stessi.



La prossima settimana, avendo in programma di dedicarmi alla figura, proverò a ottenere l'effetto "carne". Il cui risultato ancora mi è sconosciuto, ma di positivo c'è che se non dovesse sortire gli effetti sperati su carta, quelli su... piatto e "ai ferri" saranno di certo gustosi!


Buon fine settimana a tutti! 😍😍😍

Casello ferroviario - 2



Alla periferia di Olbia, dalle parti dove abitavo alcuni anni fa, c'è una stradina che costeggia la ferrovia e che, dopo aver attraversato la bella campagna gallurese, fatti alcuni chilometri, porta alla piccola borgata di Enas. E' una stradina molto frequentata, soprattutto dagli amanti del footing e dai ciclisti, proprio perché lontana dal traffico cittadino e da qualsiasi genere d'inquinamento. Anche se non era raro scoprirvi, depositati in qualche angolo, dei vergognosi cumuli d'immondizia.
La ferrovia, poi, è quella "principale", nel senso che se vuoi andare a Cagliari o a Sassari i treni, ancora quelli coi motori diesel, passano solo di lì. E c'è anche un binario solo.


Io ci andavo spesso, non in treno ma a piedi o in bicicletta, di solito prima che tramontasse il sole, perché a quell'ora c'era una luce meravigliosa. Le ocre gialle dei campi e dell'erba secca si scaldano e virano al bruciato, così come le ombre gettate dai cespugli e dai lecci cangiano nelle garanze brune e nell'oltremare, mentre il cielo alterna le sue tinte tra il cobalto e la garanza rosa con lievi velature ocra all'orizzonte. Insomma, era uno spettacolo! Ebbene, lungo questa stradina fuori dal tempo, seguendo la ferrovia, a distanza di alcuni chilometri l'uno dall'altro, ci sono alcuni vecchi caselli ormai dismessi, coi muri scrostati e sommersi alla base dai rovi, ma che per me hanno da sempre avuto un fascino particolare.
Così, quando l'ispirazione mi assaliva furiosa (cosa sempre più rara in questi ultimi tempi), mi portavo dietro gli attrezzi del mestiere e buttavo giù quello che potevo. Più che altro erano appunti, impressioni tirate su carta con semplici matite acquerellabili e che poi, una volta rientrato a casa e seduto al mio deschetto, tentavo di sviluppare e rifinire mantenendo vive e intense quelle emozioni al momento suscitate.

Oggi quei giorni lontani, che ricordo con un po' di nostalgia, mi sono tornati in mente, e così vi ripropongo un paio di vecchi lavori...
Ciao!

Reddito di cittadinanza


Reddito di cittadinanza

Stamani mi sono voluto togliere lo sfizio di sapere cosa pensa la gente del reddito di cittadinanza, e così mi sono fatto un giro nel mio quartiere tra quelli che conosco. I risultati della mia modesta indagine, anche se me l'immaginavo già, hanno dato ragione ai miei sospetti. La maggior parte di loro, specialmente i più giovani e soprattutto adesso che inizia l'estate, mi hanno detto che preferiscono fare domanda per il reddito "cinquestellato" piuttosto che andare a lavorare per una manciata di euro in più. Anche perché in certi casi la differenza è davvero minima: 900-1000 euri, in certi casi lavorando anche il sabato e la domenica a seconda del tipo di lavoro, contro i 780 che gli dà Di Maio. E se poi, rischiando un po' (a noi italiani il rischio piace), si fa anche qualche lavoretto in nero le due remunerazioni si sommano e i vantaggi sono evidenti.
Per non parlare di chi ne avrebbe davvero bisogno, del reddito di cittadinanza. Intendo i veri poveri, quelle migliaia di disperati che dormono sulle panchine dei nostri giardini, o sui cartoni, nelle stazioni, per la strada o sotto i ponti. 

A loro non è concesso. Non hanno la... residenza! Requisito essenziale per ottenerlo.
Ammé me pare una strunzata... 😐

fonti:
https://www.corrierecomunicazioni.it/digital-economy/reddito-di-cittadinanza-a-trazione-digitale-ecco-come-funziona/


Minibot


Minibot

Minibot

Ho l'impressione che qualcuno abbia le idee un po' confuse... Lo Stato non ha i soldi per pagare i debiti che le Pubbliche Amministrazioni hanno nei confronti di cittadini e imprese, e cosa fa? Li paga coi "bigliettini da visita" del Governo. 
E poi?... Non dimentichiamoci che la nostra moneta è ancora l'Euro. Premetto che io m'intendo di economia come di corse dei cavalli, ma quando cittadini e imprese dovranno pagare stipendi o fornitori (anche all'estero) che faranno: li pagheranno coi "bigliettini da visita" ricevuti?
Oppure li daranno indietro allo Stato per pagare le tasse, l'Iva, l'Imu, la Tari e tutti i balzelli che conosciamo? Ricevendo in cambio che cosa... gli euro che lo Stato non ha perché è pieno di debiti?
E se questa brillante trovata dovesse disgraziatamente essere usata anche per pagare le pensioni - tanto è risaputo che coi pensionati fanno quello che gli pare -, ve l'immaginate la faccia di quelle migliaia che si sono trasferiti, mettiamo in Portogallo, quando dovranno pagare la pizza o l'affitto ai portoghesi? 

A meno che non si stia pensando di uscire dall'Euro e usare i "bigliettini da visita" come nuova moneta corrente...😠😡
Date retta, inventatevene un'altra perché questa non regge!


Marinetta


Marinetta

In ossequio all'amica Marinetta, 
che mi fa spesso visita sul blog 
elogiando le mie... schifezzuole 😊

Lega in Europa


Lega in Europa

Staremo a vedere... 😎

Vediamo di fare il punto sull'accaduto, e... sull'accadente. Il Popolo, scontento delle precedenti politiche, voleva cambiare. Ma sul mercato non c'era molto da scegliere, così ha dato fiducia alla "novità" dei 5Stelle e alla Lega. I quali hanno fatto il contratto che conosciamo, mettendo sul piatto le cose più urgenti - per la Lega - che il popolo chiedeva: sicurezza (immigrazione fuori controllo e criminalità) e lavoro (sblocco cantieri e grandi opere). Due pietanze molto impegnative: la prima, soprattutto per alcuni risvolti costituzionali (campi rom, salvataggi in mare, diritto d'asilo, accoglienza e integrazione); la seconda, perché legata sostanzialmente alle tasse e alla asfissiante burocrazia. 
Alle quali i 5Stelle hanno aggiunto il reddito di cittadinanza. Che si sta rivelando per quello che è: mal fatto (basta vedere i complessi criteri di accesso per ciò che costituisce il reddito), perciò inutile e per certi versi anche dannoso perché non sempre imparziale. 
Qui trovate tutto quello che non va: https://www.democratica.com/focus/reddito-cittadinanza-problemi/

Come gli 80 euri del bonus Renzi, che sono finiti nelle tasche anche di chi non ne aveva bisogno. Cioè, per fare un esempio, coniugi in regime di separazione dei beni, con due stipendi ciascuno - mettiamo di 1.500 euri - e con un reddito - ciascuno - entro i 24.600 euri.
fonte: https://www.informazionefiscale.it/bonus-renzi-80-euro-come-funziona
In pratica, una famiglia dove entrano circa 3 mila euri al mese ha avuto diritto a 160 euri di bonus. Mentre in una famiglia dove solo uno lavora, fermo restando il reddito di 24.600, ne sono entrati solo 80. E non ho contato il numero dei figli della famiglia monoreddito! Inoltre non ne avrebbero diritto i percettori di reddito della "no tax area" (entro gli 8.174 euri di reddito: assurdo!).   
Perciò, secondo me, in un caso e nell'altro sarebbe stato meglio destinare quei denari per abbassare le tasse alle imprese o per altri interventi utili a poter creare lavoro in più.
E infatti abbiamo visto quale credito, nelle urne, hanno ottenuto sia Renzi che i 5Stelle. Questi ultimi anche per le recenti prese di posizione contro l'alleato della Lega, spesso scadute in qualche offesa qua e là e neppure tanto velata...
fonti:  

https://www.ilpost.it/2019/05/23/di-maio-salvini-stronzate/
https://tg24.sky.it/politica/2019/05/23/elezioni-europee-governo-ultime-notizie.html 

Quindi Salvini ha fatto solo campagna elettorale? Vedremo. Vedremo se riuscirà a tener fede alle promesse fatte agli elettori, se non a tutte almeno a quelle più importanti e urgenti. Specialmente in Europa.

fonti: 
https://pagellapolitica.it/blog/show/345/davvero-la-lega-in-europa-avr%C3%A0-un-ruolo-marginale
https://www.linkiesta.it/it/article/2019/05/26/risultati-elezioni-europee-26-maggio/42290/ 
Intanto ha dimostrato di essere leale e coerente. E di questi tempi non è poco.

Risultati europee e alleanze


Risultati europee e alleanze

A proposito degli esiti del voto (quello italiano), mi pare che si siano avverate le mie vecchie previsioni: Salvini in netto vantaggio (addirittura a Lampedusa e a Riace); i 5Stelle in evidente calo; il Pd più o meno stabile nel suo minimo (se escludiamo le novità di Zingaretti e Calenda che un po' lo hanno fatto "risalire"); Forza Italia in calo e Fratelli d'Italia in aumento. 
Tutti gli altri, sinistre varie, destre più o meno "estreme" e Bonino, al di sotto della soglia minima com'era prevedibile. Con un quadro politico siffatto, Salvini dovrebbe imporre agli alleati 5Stelle i suoi programmi e attendere le risposte. Se arrivano e gli vanno incontro - naturalmente stabilendo i tempi delle risposte che devono essere brevi e chiari -, bene, altrimenti si torna al voto. 
In questo caso cercando alleati che abbiano più o meno le medesime idee e programmi: cioè Fratelli d'Italia. L'importante è che Salvini non si lasci prendere troppo la mano dal successo ottenuto, come fece a suo tempo il buon Renzi.
Se ciò avvenisse, e cioè l'alleanza Salvini-Fratelli d'Italia, per quanto riguarda la sorte dei 5Stelle - o ciò che ne rimane - a questo punto vedo due ipotesi. La prima, che la parte più vicina al "nuovo" Pd di Zingaretti e Calenda trovi in esso l'alleato per formare un argine di contrasto alla destra. I "numeri", e l'omogeneità di vedute, ci sarebbero; bisognerà solo vedere se gli elettori, di una parte o dell'altra, saranno d'accordo. La seconda, che i 5Stelle restino quello che sono e dove sono, ma numericamente inferiori si accontentino di ciò che raccatteranno. Prima di svanire...   
E poi, per concludere, non posso fare a meno di chiedermi perché tutti, soprattutto i media, continuino a chiamare "sovranisti", "populisti" e altri segmenti di enunciato con desinenza in "isti" quelle persone che, più semplicemente, si sono rotte i coglioni. 

E mi pare che i risultati delle Europee, non solo in Italia, lo abbiano abbondantemente dimostrato.